Azioni Apple: investitori istituzionali mai così pessimisti dal 2008

153 milioni di partecipazioni in meno per l’azienda di Cupertino: mai un calo simile dal 2008.

Azioni Apple: investitori istituzionali mai così pessimisti dal 2008

Gli investitori istituzionali non si mostravano così scettici sulle azioni Apple dai tempi della crisi finanziaria.

Hanno infatti ridotto le loro partecipazioni di circa 153 milioni di azioni nel primo trimestre del 2018, come mostra un’analisi sui Form 13F, report che gli istituzionali devono far pervenire periodicamente alla SEC statunitense in cui specificano la loro esposizione nel campo degli investimenti. Si tratta del peggior calo registrato dal primo trimestre del 2008, anno in cui Bloomberg ha cominciato a raccogliere i dati. È anche il calo peggiore registrato rispetto alle società comprese nell’S&P 500 nel primo trimestre.

Apple: sfiducia degli investitori ma Buffett è ottimista

Il calo delle partecipazioni nelle azioni Apple è la terza flessione simile registrata negli ultimi quattro trimestri, con l’eccezione di un aumento di 8,6 milioni di azioni negli ultimi tre mesi del 2017. L’entusiasmo degli investitori per Apple si è attenuato quest’anno per via della preoccupazione che l’azienda non sia in grado di mantenere il ritmo delle vendite di iPhone, malgrado le azioni siano salite del 10% da inizio anno.

Una notevole eccezione rispetto alla sfiducia del momento è rappresentata da Warren Buffett. La Berkshire Hathaway Inc. - fondo di investimento gestito da Buffett da oltre cinquant’anni - ha acquistato altri 75 milioni di azioni di Apple nel primo trimestre, diventando così il terzo investitore della società.

Sale la fiducia per le FANG e i mercati emergenti

Nel frattempo, gli investitori istituzionali hanno aumentato i loro investimenti nelle FANG (Facebook, Amazon, Netflix, Alphabet) o li hanno tagliati di meno di 10 milioni di azioni, come ha mostrato l’analisi dei report.

Bank of America Corp, Wells Fargo & Co. e Citigroup Inc. sono stati tra i primi 10 titoli azionari e ETF a far registrare delle riduzioni nelle partecipazioni nel primo trimestre. Gli istituzionali hanno tagliato le loro posizioni in Bank of America di circa 135 milioni di azioni, di circa 67 milioni di azioni in Citigroup e di circa 46 milioni di azioni in Wells Fargo.

Tra i vincitori troviamo invece i fondi dei mercati emergenti. Gli investitori istituzionali hanno incrementato le loro posizioni nell’ETF di iShares Core MSCI sui mercati emergenti e nell’ETF iShares MSCI Emerging Markets rispettivamente di circa 70 milioni e di circa 46 milioni di azioni.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Apple Inc.

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.