Titoli di Stato: future su BTP a 2 e 10 anni alle strette, ma il decennale è in svantaggio

La situazione grafica sul decennale denota una maggiore forza relativa dei venditori rispetto a quella mostrata dal biennale

Titoli di Stato: future su BTP a 2 e 10 anni alle strette, ma il decennale è in svantaggio

La settimana dei BTP a 2 e 10 anni si appresta a concludersi sull’onda della debolezza che ha caratterizzato le sedute dell’intera ottava. I futures con sottostante i due titoli benchmark scambiati su Eurex mostrano una situazione grafica piuttosto complessa. Vediamola.

Il punto tecnico sul BTP a 2 anni


Future su BTP con scadenza a 2 anni, grafico giornaliero. Fonte Bloomberg

Per quanto concerne la situazione del derivato sul Btp con scadenza a 2 anni si nota come, dopo la rottura del supporto posto a 100,6510 euro, i corsi siano precipitati verso i minimi di 95,284 segnati il 29 maggio scorso.

L’andamento del titolo di Stato a breve scadenza ha poi iniziato a recuperare, iniziando una fase lateral-rialzista. Nelle ultime sedute si vede come l’andamento del biennale italiano stia cercando di ritornare verso la resistenza statica posta a 99,7010.

Tale area ha respinto le quotazioni per ben tre volte durante gli scorsi mesi e potrebbe essere una zona di approdo per i corsi, vittime di una forte pressione ribassista. Dall’appena menzionata zona potrebbero poi rifarsi avanti i venditori, che avrebbero la possibilità di far iniziare una nuova fase ribassista.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative sul BTP Future con scadenza a 2 anni


Elaborazione Ufficio Studi di Money.it

Si potrebbe pertanto attendere la reazione dei corsi nei pressi di area 99,70 euro per cercare di partecipare al trend ribassista in cui sono inseriti i prezzi. Lo stop loss in questo caso andrebbe posto a 100,20 euro, l’obiettivo principale a 98,76 euro e l’obiettivo finale a 98,55 euro.

Il punto tecnico sul BTP a 10 anni


Future su BTP decennale, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Sulla scadenza a 10 anni si nota come i corsi del future abbiano effettuato il re-test della resistenza espressa dalla trendline che collega i minimi dell’8 giugno a quelli del 15 agosto scorso e sembrino ora diretti al minimo dello scorso 29 maggio.

Le quotazioni si trovano in un forte trend ribassista di medio periodo che non sembra essere intenzionato a fermarsi. Le vendite sono accelerate con la rottura della linea di tendenza che collega i minimi del 7 luglio con quelli del 5 ottobre 2017.

La speranza di un rimbalzo si potrebbe trovare nell’intorno di area 120 euro dove i prezzi, aiutati dall’importanza di tale soglia psicologica, potrebbero frenare le vendite e costruire un pattern di doppio minimo.

Strategie operative su Future Btp con scadenza 10 anni


Elaborazione Ufficio Studi di Money.it

Operativamente, si potrebbe sfruttare il rifiuto dei prezzi da parte della resistenza transitante a 122,65 euro per impostare un’operatività a stampo ribassista. Il punto di entrata sarebbe identificabile sulla rottura dei minimi odierni, al momento posti a 121,54 euro, lo stop loss a 123,22 euro e l’obiettivo principale a 119,86 euro. L’obiettivo finale si potrebbe invece inserire a 119,50 euro.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su analisi tecnica

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.