Altalena per il prezzo del petrolio: cosa può succedere al greggio

Violetta Silvestri

09/05/2022

09/05/2022 - 10:54

condividi

Prezzo del petrolio all’insegna della volatilità: la materia prima più osservata continua a essere influenzata dagli eventi economici e politici globali. Dalla Cina alla guerra cosa muove il greggio.

Altalena per il prezzo del petrolio: cosa può succedere al greggio

Il prezzo del petrolio inaugura la settimana in calo, pur restando in quota 110 dollari al barile.

Le quotazioni del greggio scivolano lunedì 9 maggio, innescate dai dati deboli della Cina e dai timori che una recessione globale possa frenare la domanda di petrolio, con gli investitori che guardano ai colloqui dell’Unione Europea su un embargo petrolifero russo che potrebbe inasprirsi forniture globali.

La volatilità dei prezzi del petrolio rimane un punto cruciale del settore: cosa sta guidando il calo del momento e cosa aspettarsi?

Prezzo del petrolio in calo, ma è la volatilità a dominare

Alle ore 10.24 circa, i future sul Brent scambiano a 111,87 dollari al barile, con un ribasso dello 0,47% e la quotazione WTI scambia a 109,06 dollari al barile, con una diminuzione dello 0,63%.

Il petrolio oscilla, mentre gli investitori stanno valutando l’impegno del G-7 a vietare le importazioni di greggio russo, il taglio dei prezzi ufficiali dell’Arabia Saudita l’impatto del blocco cinese.

Nel dettaglio, domenica il Regno saudita, il principale esportatore mondiale di petrolio, ha abbassato i prezzi del greggio per l’Asia e l’Europa per giugno. Le restrizioni per il Covid in vigore in Cina pesano sui consumi nel principale importatore.

Saudi Aramco, controllata dallo Stato, ha diminuito i prezzi per la prima volta in quattro mesi. Il taglio dei prezzi da parte dell’Arabia Saudita riflette anche le preoccupazioni per la domanda globale di petrolio, hanno sottolineato gli analisti.

La Cina guida questo fronte di timori. I ripetuti tentativi del dragone di fermare le epidemie di Covid con il blocco dei centri urbani, compreso l’hub chiave di Shanghai, hanno frenato il consumo di energia. Evidenziando il danno economico, il premier Li Keqiang ha avvertito nel fine settimana di una situazione occupazionale “complicata e grave”.

Intanto, la scorsa settimana, la Commissione europea ha proposto un embargo graduale sul petrolio russo come parte del suo pacchetto più severo di sanzioni sul conflitto in Ucraina, aumentando i prezzi di Brent e WTI per la seconda settimana consecutiva. Tuttavia, la proposta richiede un voto unanime tra i membri dell’UE che tarda ad arrivare.

Il vice primo ministro bulgaro ha dichiarato domenica 8 maggio che il suo Paese è pronto a porre il veto alle sanzioni petrolifere se non ottiene una deroga al divieto proposto.

La Bulgaria aveva precedentemente affermato che avrebbe chiesto un’esenzione dalla proposta di uno stop petrolifero russo se tali opzioni fossero state consentite, ma non era chiaro se stesse cercando un’esenzione totale o un ritardo nel blocco delle forniture simile a quello proposto venerdì per Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca.

I leader del G-7 si sono invece impegnati a eliminare gradualmente il petrolio russo. “È una decisione estremamente difficile per un Paese che importa la maggior parte della sua energia”, ha detto il primo ministro giapponese Fumio Kishida. “Ma questo è un momento in cui l’unità del G-7 è più importante di ogni altra cosa”.

Petrolio tra volatilità e resilienza: cosa aspettarsi?

La resilienza del petrolio nella sessione di apertura della settimana è arrivata nonostante uno spostamento verso l’avversione al rischio nei mercati finanziari e un ulteriore guadagno per la valuta statunitense, tra i timori per la crescita.

Un dollaro più forte può ridurre la domanda di materie prime come il greggio poiché le rende più costose per gli acquirenti esteri.

In questa cornice, l’analista di CMC Markets Tina Teng ha affermato: “il più ampio sentimento di propensione al rischio suscitato dai timori di recessione e i blocchi della Cina sono i principali fattori che fanno pressione sul prezzo del petrolio”.

Secondo Jeffrey Halley, analista senior di OANDA, “sembra inevitabile che sia l’Ue che il Giappone competano per più forniture non russe in futuro, e questo è alla base dei prezzi.”

Tra le osservazioni su cosa influenzerà il mercato del greggio c’è anche quella di Vandana Hari, esperta in analisi petrolifere: “aspettatevi un calo dei prezzi mentre l’Ue lotta per ottenere l’unanimità su un divieto petrolifero russo”. Il rovescio della medaglia potrebbe essere limitato, tuttavia, poiché il blocco continua con i suoi sforzi per raggiungere il consenso, mantenendo il mercato in equilibrio, ha aggiunto.

Argomenti

# Brent
# WTI

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.