Alfonso Bonafede: chi è il Ministro della Giustizia del Governo PD-M5S

L’avvocato Alfonso Bonafede è confermato nel ruolo di ministro della Giustizia per il nuovo governo Conte bis. È stato il primo firmatario della legge sul divorzio breve.

Alfonso Bonafede: chi è il Ministro della Giustizia del Governo PD-M5S

Sarà ancora Alfonso Bonafede il ministro della Giustizia. È lui, infatti, il nome fatto dal premier Giuseppe Conte in accordo con PD e M5S per guidare il dicastero di Via Arenula nel governo giallorosso.

Fedelissimo di Luigi Di Maio, volto storico del Movimento 5 Stelle, con il governo del cambiamento Bonafede ha fatto approvare la riforma della Giustizia.

Se lo chiamano “Mr Wolf”, riprendendo il celebre personaggio interpretato da Harvey Keitel in Pulp Fiction, un motivo ci sarà. Infatti, quando in casa Movimento 5 Stelle c’è da gestire una situazione scomoda, chi viene mandato davanti alle telecamere è sempre lui: Alfonso Bonafede. L’avvocato di origini siciliane si vede così riconfermare la fiducia di Giuseppe Conte alla guida di uno dei ministeri più delicati.

Alfonso Bonafede: cosa ha fatto come ministro della Giustizia

Durante lo scorso mandato ministeriale Bonafede si è occupato di realizzare la riforma per il contrasto alla corruzione, contenente modifiche in tema di inasprimento delle pene, del potenziamento dei mezzi di indagine e di Daspo per i condannati. Il testo inoltre sospende la prescrizione dopo una sentenza di 1° grado in caso di condanna o assoluzione. La legge viene approvata in via definitiva a fine 2018.

Insieme a Giulia Bongiorno, ministro della Pubblica Amministrazione del primo governo Conte, si occupa anche del disegno di legge Codice Rosso per il contrasto alla violenza su donne e minori.

Nel corso del primo mandato Bonafede si dedica anche alla stesura dei testi di riforma dei riti processuali civile e penale, e si vede approvare la legge che estende la possibilità di intraprendere class action e quella che esclude l’opzione giudizio abbreviato ai delitti puniti con l’ergastolo.

A inizio 2019 il ministro è coinvolto in un’aspra polemica per aver pubblicato sui social network il video dell’arresto di Cesare Battista, vicenda per cui viene indagato per abuso d’ufficio insieme a Matteo Salvini con l’accusa di non aver tutelato la dignità della persona arrestata violando la legge. La procura di Roma ha poi chiesto l’archiviazione del caso per mancanza di dolo.

Alfonso Bonafede: biografia e CV del ministro della Giustizia

Classe 1976, Alfonso Bonafede dopo un’infanzia vissuta a Mazara del Vallo si trasferisce - nel 1995 - a Firenze dove frequenta la Facoltà di Giurisprudenza.

Dopo essersi laureato - con il voto di 105/110 - continua a collaborare con l’Università di Firenze come cultore della materia di Diritto Privato dopodiché si trasferisce alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Pisa dove consegue il titolo di Dottore della Ricerca.

Esercita la professione forense dal 2006, quando iscritto all’albo del Foro di Firenze apre uno studio autonomo.

È nello stesso anno che inizia la sua carriera politica; nel 2006, infatti, entra nel meet-up di Firenze “Amici di Beppe Grillo” e da lì ha inizio il suo percorso che lo porterà fino alla Camera dei Deputati e forse anche negli uffici di Via Arenula, luogo in cui ha sede il Palazzo Piacentini (sede del Ministero della Giustizia).

Dal 2006 nel Movimento 5 Stelle

Come anticipato Alfonso Bonafede entra a far parte del M5S fin dagli albori; dopo tre anni nel meet-up fiorentino, infatti, Bonafede si candida alle amministrative del 2009 come Sindaco per la Lista Civica Beppegrillo.it (il M5S non era ancora nato come forza politica nazionale) ottenendo l’1,82% dei voti (Renzi nel primo turno ne ottenne il 47,6%, vincendo poi il ballottaggio contro Giovanni Galli con il 60% dei voti).

L’occasione per salire alla ribalta arriva nel 2013, quando Bonafede viene candidato come capolista alla Camera dei Deputati per il Movimento 5 Stelle risultando il più votato nella circoscrizione Toscana (227 voti su 1.300). Entrato a far parte della Camera dei Deputati, Bonafede ha ricoperto anche il ruolo di Vicepresidente della Commissione Giustizia.

Come deputato Bonafede ha votato contro all’approvazione del Ddl penale, alla Riforma del Codice Antimafia e alla Legge di Bilancio 2018. È stato favorevole invece alla legge che ha introdotto il divorzio breve (di cui è stato primo firmatario). In linea generale, Bonafede ha votato per il 99,66% delle volte come l’intero gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Alfonso Bonafede

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.