Continuano le voci sul futuro di Alfa Romeo. Per il momento la casa automobilistica del Biscione dispone di appena 2 modelli nella sua gamma. Questo a causa del recente addio di Giulietta la cui produzione è stata definitivamente fermata a Cassino.

Alfa Romeo: la sua gamma non potrà essere composta solo da SUV

Per il momento dunque la gamma dello storico marchio milanese è composta solo da Alfa Romeo Giulia e Stelvio. Le cose però cambieranno nella seconda metà del 2021 quando finalmente sarà svelato Alfa Romeo Tonale. Il nuovo crossover di segmento C prenderà il posto di Giulietta nella gamma della casa italiana che fa parte del gruppo Fiat Chrysler Automobiles.

A parte questo l’unica altra certezza che per il momento si ha di Alfa Romeo riguarda l’arrivo nel 2022 di un B-SUV che forse si chiamerà Brennero e che sarà prodotto a Tychy in Polonia su piattaforma CMP come confermata di recente dalla divisione polacca del gruppo italo americano.

Col futuro piano industriale possibile l’arrivo di nuovi modelli

Dunque ora come ora sembra che la gamma di Alfa Romeo nei prossimi anni sarà composta da 3 SUV e una berlina. A dire il vero ci sembra improbabile che con l’avvento di Stellantis la gamma del Biscione possa essere composta solo da 4 modelli e per di più di cui 3 SUV.

Molto probabilmente la gamma della casa milanese sarà arricchita nei prossimi anni da nuovi modelli che saranno svelati da Stellantis con il nuovo piano industriale che dovrebbe essere svelato entro la fine del 2021. Sfruttando le piattaforme e le tecnologie di PSA sembra scontato che altri modelli all’infuori di quelli confermati possano arrivare.

Possibile dunque l’arrivo di una nuova generazione di Giulietta, di un’ammiraglia che forse si chiamerà Alfetta e di un nuovo maxi SUV per conquistare Cina e USA. Infine non escludiamo la possibile collaborazione con Maserati per il lancio di una vettura sportiva in edizione limitata.