Agcom calcola le velocità internet mobile: Tim la migliore in download ma Vodafone batte tutti nell’uso quotidiano. Ecco tutti i dati

Male 3 Italia e Wind, che si conferma l’ultima in termini di velocità. Ancora non disponibili i dati sul 4g, che arriveranno l’anno prossimo.

L’Agcom ha certificato un dato la maggiorparte dei possessori di smartphone aspettava da tempo: le reti mobili italiane vanno in media a 6,7 Megabit al secondo, contro una velocità massima teorica pubblicizzata di 42 Megabit.

Tim è l’operatore più veloce in download, con 8,4 Megabit, seguito da Vodafone a 7,4, da 3 Italia a 5,9 e, infine da Wind a 5,1 Megabit.

Tim e Vodafone si confermano i più veloci anche in upload a 1,9 Megabit – con un massimo di 5 Megabit – mentre 3 Italia e Wind si fermano rispettivamente a 1,5 e 1,3 Megabit.

Per adesso sono esclusi dallo studio Agcom le velocità sulla rete 4g, che verranno sperimentate dal prossimo anno, quando la tecnologia sarà più diffusa.

Rispetto al precedente rapporto, diffuso nell’ottobre dello scorso anno, si nota un leggero aumento della velocità media mentre Tim è riuscita a superare Vodafone nella velocità di download.

In generale però, tutti gli operatori sono riusciti ad aumentare le velocità.

Vodafone batte tutti
Nonostante la velocità di download “pura” premi Tim, nell’uso quotidiano a vincere è Vodafone, che batte l’azienda l’ex monopolista nella navigazione web.

Difatti, il gruppo britannico usa delle specifiche tecniche di compressione che rendono possibile visualizzare una pagina internet in 2,45 secondi contro i 2,74 di Tim, i 2,79 di H3g e i 3,62 di Wind.

Inoltre l’Agcom ha certificato che Vodafone batte le concorrenti anche sull’aspetto chiamato “Best Tecnology”, cioè sulla diffusione della migliore tecnologia internet mobile sulla totalità delle sim.

Il 23,9% delle sim Vodafone viaggiano al meglio delle possibilità offerte dalla tecnologia 3g, mentre tra le sim 3 Italia sono il 20% a sfruttare tutte le possibilità di rete. In casa Tim sono addirittura solo il 5%.

Assente da questa classifica Wind, che non ha fornito i dati all’autorità garante.

Scrive l’Agcom riguardo la Best Tecnology:

“La qualità mediamente percepita da un utente dotato della Best Technology sarà più vicina a quella rappresentata dai risultati delle campagne di misurazioni in esame di quanto possa esserla quella mediamente percepita da un utente che ha sottoscritto di prestazioni minori. Ad una minore profondità di diffusione nel mercato delle offerte in Best Technology potrebbero corrispondere prestazioni migliori per gli utenti di tale tecnologia (e quindi anche per la SIM di test), rispetto al caso in cui tale tecnologia detiene una quota più significativa del mercato. Nel primo caso infatti è più limitato il numero di utenti, con gli stessi requisiti, che accedono alle risorse che la rete rende loro disponibili e pertanto le prestazioni conseguite, mediamente, dovrebbero risultare più rilevanti del caso in cui il numero di utenti che accede alle medesime risorse condivise è più elevato”.

In ogni modo alcuni operatori contestano la validità dei risultati di Agcom e da giorni si stanno opponendo alla pubblicazione dei dati.

L’Agcom ha comunque tirato avanti, rendendo noti i risultati del suo studio.

Iscriviti alla newsletter Tecnologia

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.