L’Unione Europea ha intenzione di costringere i produttori di auto a cambiare ulteriormente le loro gamme puntando sempre di più sulle auto elettriche ed eliminando dalla loro gamma le auto con motori a combustione. In particolare a farne le spese saranno i diesel. Infatti nel nostro continente si preannuncia una nuova stretta ai limiti delle emissioni di NOX entro il 2022.

Entro il 2022 i limiti alle emissioni di NOX saranno ancora più severi, addio ai diesel?

Nel caso del diesel, è prevista una drastica riduzione da settembre 2022, eliminando il cosiddetto fattore di conformità. Si tratta di un valore che consente una tolleranza tra il limite di emissioni di NOX stabilito e quello delle prove di emissione in condizioni di traffico reale (RDE). Tuttavia dal mese di settembre del 2022, le cose cambieranno radicalmente.

Infatti da quella data non potrà più esserci una discrepanza tra i test di laboratorio e i test di guida in condizioni di traffico reale. Quindi, questo significa che i dati ottenuti nei test di guida reali saranno gli unici validi per fissare i limiti.

Dunque i dispositivi portatili per i test delle emissioni nella guida reale saranno gli unici su cui fare affidamento per la misurazione dei requisiti per le omologazioni.

Insomma questo significa che per i motori diesel in particolare il futuro sarà sempre più difficile. A questo punto non possiamo escludere che questo tipo di tecnologia possa pian piano scomparire dalla gamma di molti modelli presenti nel nostro continente.

Il futuro nel mondo automobilistico saranno le auto elettriche. La realtà è ormai questa e non si potrà più tornare indietro. Alle case automobilistiche non rimane altro che adeguarsi alle direttive dell’Unione Europea.