5G: cos’è, a cosa serve, offerte e copertura della nuova rete

Matteo Novelli

10/03/2021

15/03/2021 - 11:15

condividi

Cos’è il 5G: a cosa serve e come funziona la nuova rete mobile. Dalle antenne alle copertura, fa davvero male? Ecco come averlo e gli smartphone compatibili.

Cos’è il 5G e a cosa serve? È pericoloso per la salute? Tante le domande che riguardano la nuova quinta generazione di connessione mobile, ormai sempre più implementate anche in Italia tra copertura di rete e smartphone combatibili. Ma come funziona il 5G e cosa cambia con il 4G?

Il 5G è al centro di alcune questioni importanti per utenti e consumatori, che dovranno presto scegliere un’offerta compatibile e uno smartphone 5G adatto alla nuova connessione.

Il 5G è destinato a cambiare non solo la nostra vita ma si pone in tutto e per tutto come la sfida tecnologica del futuro. Le prime offerte mobile, tra TIM e Vodafone, WINDTRE e Iliad sono già presenti e le prime sperimentazioni sono già state avviate nelle prime città e aree con copertura adeguata a un implemento globale con conclusione prevista per i prossimi tre anni.

div class=«sommario»

5G: cos’è e come funziona

Cos’è il 5G: come funziona e cosa cambia con il 4G

Il 5G ridefinisce gli standard qualitativi in termine di connessione mobile: l’ampia diffusione del 4G, attualmente la miglior connessione possibile in termini di smartphone, è destinata a lasciare il posto a una connettività così diversa da permetterci di utilizzare il telefono come mai prima d’ora.

Cosa cambia rispetto al 4G? Facciamo un piccolo esempio: la nostra connettività da mobile dipende attualmente da “celle” che rendono possibile collegarci a internet; ecco, immaginate che con il 4G oggi ogni singola cella può trasferire dati pari a 1 Gbps mentre con il 5G la capacità verrà ampliata fino a far sostenere a ogni singola cella una velocità pari a 20 Gbps. In parole povere, il 5G sarà fino a 20 volte più veloce dell’attuale rete 4G esistente.

Il 5G sarà in grado, nel corso del tempo, di spalancare opportunità mai viste o immaginate prima d’ora, le cui strade sono ancora oggi frutto di studio e sperimentazioni.

La Next Generation Mobile Networks Alliance (associazione fondata nel 2006 che riunisce i migliori operatori, ricercatori e venditori operanti nel campo della telefonia mobile) ha definito il 5G come il nuovo standard in grado di:

  • elaborare dati di decine di megabit al secondo per decine di migliaia di utenti;
  • dare a chi lavora con internet 1 gigabit al secondo contemporaneamente ad altri uffici nei dintorni o sullo stesso piano;
  • offrire sostegno e supporto garantito a centinaia di migliaia di connessioni senza fili contemporaneamente;
  • garantire migliore copertura ed efficienza delle rete, notevolmente potenziata rispetto al 4G.

Il 5G fa male ed è pericoloso?

Una delle questioni che più hanno preso piede di recente riguarda le antenne 5G, considerate pericolose per le persone.

Ma il 5G fa davvero male? La risposta è no, come dichiarato dall’Istituto Superiore di Sanità: un report intitolato Radiazioni a radiofrequenze e tumori: sintesi delle evidenze scientifiche smentisce questa correlazione tra l’insorgere di patologie tumorali e l’uso delle reti mobile, compreso il 5G.

Si tratta di teorie complottiste: nessun standard di rete, nemmeno il 4G o il 3G, ha portato all’aumento dell’insorgenza di mali per la salute dei cittadini. Un fenomeno che porta alla nascita di vere e proprie fake news a tema che, spesso, trovano un facile seguito.

Google, attraverso YouTube ha iniziato a rimuovere video che inventano e diffondono teorie sempre più fantasiose sul 5G, visto anche i recenti incendi dolosi in Regno Unito, concentrandosi specialmente su quelli che collegano il 5G alla diffusione della pandemia da coronavirus.

5G: come averlo e smartphone compatibili

Essendo il 5G ormai già diffuso, non sono pochi i produttori che hanno iniziato a investire nello sviluppo di nuovi modelli in grado di supportare la tecnologia di nuova generazione.

Apple ha implementato la ricezione del 5G in tutti i suoi nuovi iPhone 12, 12 Mini, 12 Pro e 12 Pro Max. Offerta decisamente opposta da parte di Android e Huawei con una serie di smartphone 5G già presenti sul mercato sia per quanto riguarda i top che i medio gamma (come Samsung Galaxy S21+ o Xiaomi Mi 11).

L’offerta in merito è ampia con modelli implementanti il 5G già presenti dal 2019 in Italia, acquistabili a un prezzo inferiore rispetto al lancio. Il 5G si avvia a ridefinire definitivamente gli standard produttivi dell’industria degli smartphone e ogni anno i modelli disponibili sono sempre di più diversificando la scelta tra qualità e prezzo.

5G: le offerte TIM, Vodafone, WINDTRE e Iliad

Come abbiamo già sottolineato, Vodafone e TIM hanno conquistato le frequenze del 5G e il completamento dei primi lavori ha già acceso la nuova Rete in alcune delle principali città italiane.

Ovviamente, non c’è 5G senza le offerte dedicate: ma quanto costano? Sia TIM che Vodafone hanno preparato un listino variegato, con l’operatore rosso che prone un listino prezzi che varia da 16,99 a 39,99 euro al mese mentre l’operatore blu propone offerte leggermente più costose comprese a partire da 29,99 euro al mese (TIM Advance 5G).

Più economici WINDTRE con la Top Quality Network che prevede tre offerte diverse: Giga Illimitati con Unlimited 5G Priority Pass (29,99 euro al mese), Large a 100 giga con 5G Priority Pass (16,99 euro) e Young 5G a 14,99 euro.

Infine si aggiunge anche Iliad che propone la Flash 100 5G a 9,99 euro al mese con 100 GB, minuti ed SMS senza limiti.

Copertura 5G in Itala: dove prende?

Ovviamente il completamento definitivo dell’intera rete di infrastrutture non è attesa prima della fine del prossimo anno, quando gran parte dell’Italia sarà supportata dalla connessione 5G.

In pratica, inutile attivare le offerte o procurarsi uno smartphone compatibile se non è ancora stato aperto l’hotspot nella vostra città. Ma dove prende il 5G e qual è attualmente la copertura in Italia? All’attivo al momento abbiamo:

  • Roma
  • Torino
  • Milano
  • Verona
  • Bologna
  • Firenze
  • Napoli
  • Bari
  • Matera

Nove città, ma il numero è destinato a salire nel corso dei prossimi mesi.

Ricordatevi di consultare sempre il vostro operatore in negozio o attraverso il servizio clienti dedicato per essere sicuri di essere coperti da 5G (onde evitare di attivare un piano tariffario costoso e sostanzialmente inutile).

Argomenti

# TIM
# 5G

Iscriviti a Money.it