4 grandi rischi per il mercato azionario all’inizio della stagione degli utili

Violetta Silvestri

12 Luglio 2022 - 15:16

condividi

Ci sono almeno 4 fattori da considerare per stimare cosa accadrà nel mercato azionario con l’avvio della stagione degli utili Usa: quali? Un’analisi di strateghi li ha messi in chiaro.

4 grandi rischi per il mercato azionario all'inizio della stagione degli utili

Sta arrivando la stagione degli utili negli Usa ed è tempo di ulteriori riflessioni e valutazioni su cosa succederà al mercato azionario.

Data la difficile performance che le azioni statunitensi hanno subito quest’anno, molti investitori sconfitti sperano che risultati societari forti (almeno, rispetto alle aspettative) possano catalizzare un rimbalzo duraturo degli asset di rischio.

Altri temono che una delusione possa rimuovere uno degli ultimi supporti per le azioni statunitensi, con gli utili societari che hanno registrato un duraturo rimbalzo post-Covid e hanno persino superato le aspettative durante il primo trimestre del 2022.

Le aspettative di crescita trimestrale dell’utile per azione per l’S&P 500 sono saliti al 5,5% a partire da lunedì, rispetto al 5,3% di un mese fa, secondo S&P Global Market Intelligence.

La stagione degli utili, come la chiamano gli analisti, inizia giovedì con JP Morgan Chase e una sfilza di rapporti dalle più grandi banche statunitensi. Entro il 29 luglio, oltre il 70% dei componenti dell’S&P 500 avrà riportato i risultati del secondo trimestre. Quali fattori considerare?

Mentre gli investitori si preparano per il torrente di guadagni in arrivo, MarketWatch ha messo insieme una carrellata di ciò che alcune delle grandi banche di investimento stanno dicendo ai loro clienti prima del diluvio di guadagni trimestrali. Ci sono almeno 4 fattori da considerare.

1. I rischi del dollaro forte

Il Chief Equity Strategist di Morgan Stanley, Michael Wilson, ha ricevuto molto credito per aver indovinato correttamente il selloff delle azioni quest’anno (è stato anche una delle voci più scettiche di Wall Street durante la maggior parte del rally Covid).

Guardando al futuro, rimane ribassista, avvertendo i clienti in una nota di ricerca datata lunedì che il dollaro forte potrebbe creare un vento inaspettatamente avverso per gli utili aziendali del secondo trimestre.

Complessivamente, le società statunitensi generano circa il 30% delle loro vendite all’estero. Un super dollaro significa che le società perdono denaro a causa del tasso di cambio, rendendo al contempo sempre più costoso la copertura del proprio rischio.

“Dal punto di vista delle azioni, il dollaro più forte sarà un importante ostacolo agli utili per molte grandi multinazionali. Questo non potrebbe arrivare in un momento peggiore poiché le aziende stanno già lottando con la pressione sui margini dovuta all’inflazione dei costi, scorte più alte/indesiderate e domanda più lenta”, hanno scritto Wilson e il suo team.

2. Recessione in arrivo, ma nel 2023

Un gruppo di strateghi azionari guidati da Scott Chronert di Citigroup, ha scritto in una nota venerdì che si aspettano che il quadro economico degli Stati Uniti nella seconda metà del 2022 sarà più solido, con il rischio di una recessione più probabile nel 2023.

Se gli utili del secondo trimestre si dimostreranno resilienti come si aspetta Citi, potrebbe innescarsi un’impennata delle azioni nel breve termine in quella che il team ha descritto come un’operazione di “inversione media” verso la fine dell’anno.

L’aumento dell’inflazione iniziato circa un anno fa, inoltre, ha probabilmente aiutato i guadagni delle società, poiché le aziende possono addebitare di più per i loro prodotti e servizi. C’è anche una forte correlazione tra la crescita degli utili e gli aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve, con gli utili aziendali che rallentano quando la banca centrale inizia a tagliare i tassi e aumentano quando i tassi vengono aumentati.

3. Occhio al confronto degli utili

Jonathan Golub di Credit Suisse ha sottolineato che gli utili aziendali sono aumentati di un importo sbalorditivo durante il secondo trimestre del 2021, mentre la riapertura economica globale ha accelerato. Secondo FactSet, l’S&P 500 EPS è balzato di oltre il 90% durante il secondo trimestre del 2021. Ciò significa che sarà un trimestre difficile da battere quest’anno.

La performance di un’azienda in ogni trimestre viene in definitiva valutata rispetto a quella dello stesso trimestre di un anno fa. E la forza del secondo trimestre dell’anno scorso significa che le aziende dell’S&P 500 si trovano ad affrontare
“complicazioni difficili” quest’anno, in particolare con una crescita dell’EPS prevista di appena il 5%.

La configurazione sembra migliore per il terzo e il quarto trimestre.

4. La minaccia della compressione dei margini

Un’altra minaccia per gli utili aziendali è la “compressione dei margini”, ovvero quando i margini di profitto si contraggono, anche se le vendite complessive aumentano. È difficile da evitare durante i periodi di inflazione intensa.

Secondo un team di analisti guidato dallo stratega azionario statunitense David Kostin di Goldmaan Sachs, si prevede che le vendite delle società S&P 500 aumenteranno del 15% durante il secondo trimestre grazie alla spinta fornita dall’inflazione. Tuttavia, l’aumento dei prezzi degli input, dei salari e degli oneri finanziari significa che i margini di profitto dovrebbero contrarsi di 18 punti base al 12,2%.

Inoltre, se si esclude l’aumento del 239% degli utili dal settore energetico, l’aspettativa è che gli utili aziendali subiranno una contrazione del 3% nel 2022.

Gli analisti di Bank of America e Goldman Sachs hanno affermato di aspettarsi che la crescita dell’EPS sarebbe probabilmente rallentata durante il secondo trimestre, a causa del dollaro più forte e delle turbolenze nell’economia statunitense.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.