390 scuole con almeno un caso di coronavirus: ecco cosa sta succedendo in Italia

Scuola: in 390 istituti è stato accertato almeno un caso di Coronavirus. E le scuole non hanno ancora riaperto in tutta Italia.

390 scuole con almeno un caso di coronavirus: ecco cosa sta succedendo in Italia

Sono molte le scuole che con la ripresa delle lezioni stanno facendo i conti con i primi casi di contagi da coronavirus. Nel dettaglio, la situazione aggiornata riguardo ai contagi accertati nelle scuole italiane si deve al lavoro svolto da due studiosi, Lorenzo Ruffino e Vittorio Nicoletta, i quali hanno realizzato una mappa interattiva aggiornata con le ultime notizie che arrivano dagli istituti scolastici del territorio.

Alla data del 23 settembre le scuole dove è stato accertato almeno un caso di coronavirus sono 390; e pensare che prima del 14 settembre, data in cui in molte scuole italiane ha avuto inizio l’a.s. 2020-2021, le scuole interessate erano appena 23. In pochi giorni dalla riapertura degli edifici scolastici, quindi, altre 367 scuole hanno degli studenti, o anche docenti e personale amministrativo, positivi al COVID-19.

E va detto che molte scuole stanno riaprendo solamente adesso, poiché in alcune Regioni e Comuni si è deciso di attendere la fine delle elezioni così da avere più tempo per organizzarsi (come nel caso della Campania). In ogni caso la prossima settimana tutte le scuole saranno aperte e quindi questo numero potrebbe anche aumentare.

Scuole con casi di coronavirus: il bollettino del 23 settembre

Al bollettino giornaliero della Protezione Civile riguardo ai casi accertati di coronavirus, da qualche giorno si è aggiunta l’analisi riguardante le scuole coinvolte dai contagi.

Come anticipato, la situazione aggiornata alla serata di ieri ci dice che sono 390 le scuole che stanno facendo i conti con almeno un caso di contagio. Come riportato dallo studio condotto da Lorenzo Ruffino e Vittorio Nicoletta, la maggior parte dei casi è stato accertato alle scuole superiori (il 27% del totale), seguite dalla scuola primaria con il 25,6% dei casi.

Solitamente sono gli studenti ad essere contagiati: quasi la totalità dei casi accertati in questi primi giorni di scuola, infatti, interessa gli studenti con una percentuale del 78,2%. Il personale docente, invece, è coinvolto nell’11,8% dei casi.

Ovviamente ci sono delle situazioni più gravi di altre: ad esempio, sono stati accertati 41 focolai, ossia casi in cui ci sono due o più contagi collegati tra di loro e dove quindi le scuole hanno dovuto prendere delle misure importanti, come ad esempio la messa in quarantena della classe (nei casi più gravi non si esclude la chiusura di tutta le scuola, ma dipenderà anche dall’evoluzione dei contagi nel territorio in cui questa si trova).

Guardando al territorio italiano, ne risulta che le città più colpite sono Roma e Milano, rispettivamente con 16 e 13 scuole dove è stato accertato almeno un caso di coronavirus. A Bologna sono ben 11 le scuole coinvolte, mentre a Torino 6.

Guardando la cartina (potete consultare la mappa interattiva aggiornata cliccando qui) emerge chiaramente che è il Nord Italia ad avere il maggior numero di scuole con contagi, mentre questo dato si riduce scendendo verso il Sud (caso simbolo è la Calabria, dove per il momento non sono stati accertati contagi).

Iscriviti alla newsletter

Money Stories