Stimolo monetario

Lo stimolo monetario consiste nei tentativi da parte dei dei governi o delle agenzie governative di stimolare finanziariamente un’economia.

Uno stimolo monetario prevede dei cambiamenti di politica monetaria per alimentare la crescita durante una fase di recessione. I governi e le banche centrali possono applicare uno stimolo monetario all’interno di un’economia abbassando i tassi di interesse, l’aumento la spesa pubblica e attraverso il quantitative easing, solo per citare alcuni degli strumenti di stimolo monetario più diffusi.

Stimolo monetario, ultimi articoli su Money.it

I mercati si sbagliano di grosso: 7 grafici lo dimostrano

Mauro Bottarelli

15 Marzo 2021 - 18:00

I mercati si sbagliano di grosso: 7 grafici lo dimostrano

Se la Cina continua il suo profondo rosso sui timori della bolla, nonostante i dati macro positivi, l’Europa pare scommettere su Powell. Il diluvio di liquidità che il programma da 1,9 trilioni di dollari varato dal Congresso inietterà nel sistema, già da qui a settembre, finirà per la gran parte in extra-consumi e acquisto di titoli azionari? Sulla carta, sì. Ma sette grafici - da unire come puntini - gettano qualche seme di dubbio

Mentre il mondo gridava al golpe, la Fed minacciava la fine del QE. Botto calcolato?

Mauro Bottarelli

7 Gennaio 2021 - 19:29

Mentre il mondo gridava al golpe, la Fed minacciava la fine del QE. Botto calcolato?

Fra le minute della riunione di dicembre è comparsa una frase inattesa: alcuni membri del board hanno messo sul tavolo l’ipotesi di ritiro graduale dello stimolo, a fronte di una normalizzazione della ripresa. Citando come esempio il 2013, l’anno del Taper tantrum di Ben Bernanke che squassò i mercati emergenti. Nuovo alibi ’in progress’? Una cosa è certa: la Cina è stanca dello yuan debole. E ha cominciato a reagire.

BCE: Lagarde conferma politica accomodante

Cristiana Gagliarducci

30 Agosto 2019 - 08:30

BCE: Lagarde conferma politica accomodante

Christine Lagarde, prossimo presidente BCE, ha confermato la sua intenzione di mantenere una politica monetaria accomodante