Pensione

La Pensione rappresenta la remunerazione corrisposta ad un soggetto al termine dell’attività lavorativa ed in seguito alla presentazione dell’apposita domanda.

In Italia esistono diversi tipi di pensione quali:

Il sistema pensionistico italiano si fonda principalmente sulla pensione pubblica (previdenza di primo pilastro), ossia la pensione erogata dagli Enti pubblici previdenziali, e dal 1993, con il D.lgs 124/1993 modificato con la Riforma Dini del 1995, c’è stata l’introduzione dei Fondi pensione (previdenza di secondo pilastro).

In Italia le pensioni vengono calcolate utilizzando tre sistemi:

  • retributivo;
  • contributivo;
  • misto.

Per approfondire l’argomenti leggi anche le guide:
Andare in pensione nel 2016: requisiti richiesti
Reversibilità pensione: quanto spetta a moglie, figli e altri familiari. Casi e calcoli.
Pensione dipendenti pubblici, novità: regole, età e requisiti. Guida pratica

Pensione, ultimi articoli su Money.it

Legge 104 e pensione: chi può accedere con i requisiti pre Fornero? La tutela possibile per chi ha assistito parenti disabili

Valentina Brazioli

6 Settembre 2014 - 17:59

Legge 104 e pensione: chi può accedere con i requisiti pre Fornero? La tutela possibile per chi ha assistito parenti disabili

Legge 104 e pensione: un connubio al quale rivolgersi con le dovute cautele, in modo da tutelare chi si è assunto l’onere di assistere parenti gravemente disabili anche nel corso della propria vita lavorativa. L’Inps, proprio in questi giorni, sta inviando le lettere di autorizzazione al pensionamento con i requisiti ante Riforma Fornero a 2500 persone: ecco chi rientra tra i salvaguardati.

Pensioni scuola 2014: presidi esodati a fine carriera, il 20% delle scuole è senza un dirigente

Valentina Brazioli

4 Settembre 2014 - 09:30

Pensioni scuola 2014: presidi esodati a fine carriera, il 20% delle scuole è senza un dirigente

Pensioni scuola 2014: con una sollecitudine che ai più è sembrata insolita, sono stati lasciati a casa molti presidi, bloccando la proroga in servizio per tutti coloro che avevano raggiunto i limiti di servizio e di età. Una decisione che ha, di fatto, portato a quota 1669 gli istituti italiani senza un dirigente scolastico a tempo pieno: il 20 per cento di tutte le scuole statali.