Pensione con pochi contributi: come non perdere quanto versato

Lorenzo Rubini

19 Marzo 2021 - 12:05

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per chi ha pochi anni di contributi poter accedere alla pensione potrebbe essere molto difficoltoso. Vediamo in quali casi è possibile non perdere la contribuzione versata.

Pensione con pochi contributi: come non perdere quanto versato

La pensione di vecchiaia, in base alla regola generale, richiede almeno 20 anni di contributi versati al compimento dei 67 anni. In alcuni casi il pensionamento è consentito anche con soli 15 anni di contributi, ma per chi ha versato meno di 15 anni la soluzione è soltanto una.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“La mia consorte è stata insegnante elementare e quindi assicurata per 4 anni adesso ha 67 anni vorrebbe un suo reddito non ha diritto a nulla ? Può versare contributi esempio prosecuzione volontaria ? Che fine faranno i contributi versati?”.

Pensione con pochi anni di contributi

Generalmente, quindi, sono necessari almeno 20 anni di contributi per poter accedere alla pensione di vecchiaia. Vi sono casi, però, in cui è erogata la pensione di vecchiaia anche con un minimo di 5 anni di contributi ma solo al compimento dei 71 anni.

Questo avviene solo e soltanto se tutti i contributi maturati sono stati versati a partire dal 1996: nessun contributo deve essere stato versato prima di tale date. Il beneficio, inoltre, è riservato anche a coloro che richiedono la pensione in computo nella Gestione Separata, ma in questo caso sono necessari almeno 15 anni di contributi (poiché per effettuare il computo tanti ne servono).

Nel caso della sua consorte, quindi, val la pena versare i contributi volontari che la separano dai 5 anni di contributi solo e soltanto se i 4 anni di contributi in suo possesso sono stati accreditati dopo il 31 dicembre 1995: in questo caso, infatti al compimento dei 71 anni avrebbe diritto, in presenza di almeno 5 anni di contributi alla pensione di vecchiaia contributiva.

Valutare, tra l’altro, l’effettiva convenienza della cosa: con soli 5 anni di contributi, infatti, la pensione spettante potrebbe essere di importo davvero molto basso.

Se non riesce ad accedere alla pensione di vecchiaia contributiva al compimento dei 71 anni i 4 anni di contributi versati andranno perduti in quanto anche se i contributi non danno diritto ad una pensione l’INPS non restituisce gli importi versati.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories