Pensione di vecchiaia: dalla domanda al diritto alcune precisazioni

Lorenzo Rubini

15 Marzo 2021 - 06:24

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La pensione di vecchiaia, per la generalità dei lavoratori, si raggiunge al compimento dei 67 anni per chi ha maturato almeno 20 anni di contributi.

Pensione di vecchiaia: dalla domanda al diritto alcune precisazioni

Accedere al pensionamento di vecchiaia, in genere, richiede almeno 67 anni di età e l’aver versato almeno 20 anni di contributi. Per chi ha iniziato a versare contributi solo a partire dal 1996, inoltre, è richiesto di soddisfare anche un altro requisito, quello dell’importo.

In questo articolo cercheremo di rispondere alle domande di alcuni lettori di Money.it che chiedono chiarimenti proprio sulla pensione di vecchiaia.

Pensione di vecchiaia

  • “Mia moglie compie 67 anni il15/12/2021 con 26 anni di contributi inizio 1973 quando può fare la domanda di pensione di vecchiaia? Grazie ”

La domanda di pensione si può presentare non prima di tre mesi prima dalla decorrenza del trattamento pensionistico. Nel caso di sua moglie la decorrenza scatta dal 1 gennaio 2022 (il primo giorno del mese successivo a quello in cui sono stati compiuti i 67 anni). La domanda di pensione di vecchiaia, quindi, può presentarla a partire dal 1 ottobre 2021.

  • “Pensione vecchiaia quando devo fare domanda sono nata 12/01/1955.con 20 anni di contributi ho iniziato ha lavorare nel1985/ quando sarà il mio importo della pensione attendo una vostra risposta grazie della disponibilità”.

Per la domanda di pensione, come per la lettrice precedente, la presentazione deve avvenire non più di 3 mesi prima della decorrenza della pensione. Nel suo caso, quindi, può essere presentata a partire dal 1 novembre 2021. Per l’importo, purtroppo, non posso aiutarla visto che dipende da fattori di cui non sono a conoscenza.

  • “Buongiorno,leggo su Google la vostra rivista e sto seguendo le info sulle pensioni. Mia moglie C. è nata il 26/1/1966 ha iniziato a lavorare nel 1983 ,e dopo il figlio ha smesso di lavorare x seguirlo ,visto i problemi di handicap di nostro figlio che è disabile con invalidità al 60%.
    C. ha diritto ad una pensione di vecchiaia ,raggiunta l’età anagrafica eventualmente richiesta ? Vale la pena pagare dei contributi volontari ?pro e contro dell’ipotesi .
    Grazie ”.

Purtroppo non specifica per quanti anni sua moglie ha lavorato prima della nascita del figliolo. Se ha raggiunto i 20 anni di versamenti al compimento dei 67 anni avrà diritto alla pensione di vecchiaia. Se non ha raggiunto i 20 anni di contributi, avendo iniziato a lavorare prima del 1996, l’unico modo di garantirle una pensione di vecchiaia è quello di farle versare prima di 67 anni almeno i contributi necessari al raggiungimento dei 20 anni minimi richiesti. In questo caso versare i contributi volontari avrebbe un senso.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories