Infortunio

Nell’ambito lavorativo si definisce infortunio l’evento verificatosi nello svolgimento dell’attività lavorativa che produce lesioni traumatiche che causano morte o inabilità (permanente o temporanea). La causa dell’infortunio può essere:

  • fortuita;
  • violenta;
  • esterna.

Inoltre, sono considerati infortunio sul lavoro anche gli eventi lesivi verificatisi “in itinere”, ovvero nel minor tragitto tra casa e lavoro (e viceversa).

Non bisogna confondere l’infortunio sul lavoro con la malattia professionale, per la quale si intende la patologia provocata da un agente presente nell’ambito lavorativo.

È l’INAIL a tutelare i lavoratori da eventuali infortuni sul lavoro e da malattie professionali.

Per maggiori informazioni su cosa fare in caso di infortunio sul lavoro e sull’importo dell’indennità vi consigliamo la lettura del nostro articolo di approfondimento.

Infortunio, ultimi articoli su Money.it

Reddito di cittadinanza: premio INAIL per chi è nei PUC. La circolare

Pubblicato il 31 marzo 2020 alle 16:53

Reddito di cittadinanza: premio INAIL per chi è nei PUC (Progetti utili alla collettività). Una circolare dell’Ente spiega le modalità di calcolo e a chi è rivolta la copertura assicurativa. Sospensione degli adempimenti per due mesi causa COVID-19.

Scarpe infortunistiche: quando sono obbligatorie?

Pubblicato il 3 dicembre 2019 alle 17:00

Le scarpe antinfortunistiche sono obbligatorie per la sicurezza dei lavoratori. La responsabilità è del datore di lavoro, ma anche i dipendenti devono seguire delle regole. Vediamo quali sono.

Assicurazione casalinghe 2019: integrazione del premio INAIL

Pubblicato il 17 settembre 2019 alle 15:30

Scade il 15 ottobre 2019 il termine per effettuare il pagamento dell’integrazione di euro 11,09 relativo all’importo annuale della polizza obbligatoria dell’assicurazione per le casalinghe contro gli infortuni domestici. Ecco come e cosa fare.

Infortunio a scuola, il Preside è responsabile?

Pubblicato il 17 settembre 2019 alle 10:17

Quando l’infortunio dell’alunno è dovuto a una carenza dell’edificio, anche il Preside è responsabile penalmente. Sul dirigente scolastico, infatti, grava l’obbligo di vigilare sulla messa in sicurezza della struttura.

|