Bundesbank

Bundesbank

La Deutsche Bundesbank è la Banca Centrale della Repubblica Federale Tedesca nata nel 1957.

La Bundesbank è il membro più influente del SEBC data la sua solidità e il suo prestigioso passato. La Banca centrale europea (BCE) è stata creata prendendo a modello proprio la Bundesbank. Sia la Deutsche Bundesbank che la BCE hanno sede a Francoforte sul Meno.

Bundesbank, ultimi articoli su Money.it

Con la deroga «risarcitoria» alla Grecia, la Bce è il bancomat di un conto pieno di Npl

Mauro Bottarelli

8 Giugno 2021 - 11:50

Con la deroga «risarcitoria» alla Grecia, la Bce è il bancomat di un conto pieno di Npl

Lo spread ellenico tornato in area pre-crisi suscita entusiasmo e stupore. Ma dietro a quei punti base incombono una serie di criticità di cui l’Eurotower si accollerà la responsabilità politica, in primis l’acquisto record di titoli che giacciono anche nei bilanci di istituti stracarichi di sofferenze. E il fatto che lo scorso febbraio, l’austriaco a capo del Fondo statale di Atene che opera da bad bank si sia dimesso senza preavviso, fa riflettere. O, almeno, dovrebbe

La Merkel vince a valanga le regionali, ora la Bundesbank può giocare la sua partita

Mauro Bottarelli

6 Giugno 2021 - 20:00

La Merkel vince a valanga le regionali, ora la Bundesbank può giocare la sua partita

La Cdu trionfa in Sassonia-Anhalt, aumentando i consensi di 6 punti rispetto al 2016. Verdi in lieve aumento ma in calo su base nazionale, dove tornano al secondo posto con il 5% di distacco. La Cancelliera ha sfoderato la proverbiale settima vita e in vista delle legislative del 26 settembre, la priorità sarà soltanto il bene del Paese. E il netto stop del mercato auto a maggio sembra preannunciare guerra all’Eurotower

Schaeuble minaccia il commissariamento dell’Italia. Come accadde già dieci anni fa

Mauro Bottarelli

3 Giugno 2021 - 20:32

Schaeuble minaccia il commissariamento dell'Italia. Come accadde già dieci anni fa

Sul Financial Times, l’ex ministro delle Finanze tedesco invoca il ritorno della disciplina fiscale per evitare «una pandemia del debito» e cita apertamente il nostro premier. Un po’ come accadde il 5 settembre 2011, dopo la lettera della Bce firmata Trichet-Draghi. E ciò che appare un invito, in realtà palesa una minaccia chiara: la Commissione può intervenire direttamente sugli Stati. Anche senza riforma dei Trattati

Un grafico mostra come il Covid ha ucciso l’Ue. E attenzione al fantasma di Honecker

Mauro Bottarelli

28 Maggio 2021 - 14:15

Un grafico mostra come il Covid ha ucciso l'Ue. E attenzione al fantasma di Honecker

Comparando lo spread fra decennali tedesco e greco e ratio debito/Pil ellenica emerge plasticamente l’eredita pandemica dell’eurozona: impossibilità di un rialzo dei tassi, pena la prezzatura immediata dell’insostenibilità degli stock. E mentre i membri del board Bce si preparano al redde rationem sul taper, la Bundesbank punta i fari sulla Sassonia-Anhalt: i sondaggi per le regionali del 6 giugno vedono Alternative fur Deutschland in testa. In nome dello stop al Pepp

Se la Bundesbank minimizza l’inflazione, è il caso di preoccuparsi. E rileggere Sun Tzu

Mauro Bottarelli

22 Maggio 2021 - 13:00

Se la Bundesbank minimizza l'inflazione, è il caso di preoccuparsi. E rileggere Sun Tzu

Nel suo ultimo report, la Banca centrale tedesca definisce «temporanea e di impatto limitato» la dinamica dei prezzi, ora attesa al 4% per fine anno e al massimo di sempre nel dato alla produzione del PMI. Sindrome di Weimar finalmente superata? Più facilmente, dissimulazione. Perché la price action del Bund e i trend del suo free float parlano la lingua di un Qe che ha cancellato il premio di rischio. E gonfiato la bolla immobiliare

I numeri di Cottarelli smascherano il bluff di Draghi. E paiono «assolvere» Karlsruhe

Mauro Bottarelli

29 Marzo 2021 - 14:33

I numeri di Cottarelli smascherano il bluff di Draghi. E paiono «assolvere» Karlsruhe

I dati parlano chiaro: la seconda e terza ondata potrebbero frenare il Pil al 3,5% di crescita nel 2021, mentre il deficit potrebbe raggiungere il 10,2% del prodotto interno lordo, circa 175 miliardi. La salvezza? L’Europa coprirebbe interamente il deficit e assorbirebbe quasi metà del fabbisogno lordo di finanziamento - un palese finanziamento diretto dei conti pubblici in violazione dei regolamenti.

BCE, perché il PEPP è costretto a sperare nell’effetto Biden

Mauro Bottarelli

11 Marzo 2021 - 17:49

BCE, perché il PEPP è costretto a sperare nell'effetto Biden

Christine Lagarde ha giocato in difesa, annunciando l’aumento del ritmo di acquisti - dopo due settimane di netto rallentamento - ma non citando mai un’ipotesi di controllo sulla curva dei rendimento, né soprattutto l’aumento dei controvalori attraverso l’utilizzo integrale dell’envelop. Di fatto, ancora il minimo sindacale. Ma l’inflazione, per quanto derubricata a «temporanea», sarà attorno al 2% già a fine anno.