Boris Johnson

Boris Johnson

Alexander Boris de Pfeffel Johnson, meglio noto come Boris Johnson, è un politico britannico.

Nato a New York il 19 giugno del 1964 da una famiglia britannica di religione anglicana, Johnson rifiuta la cittadinanza statunitense nel 2016 non ritenendo giusto possederne una doppia.

Il 4 maggio del 2008 viene eletto per la prima volta sindaco di Londra, incarico che ricoprirà fino al 2016 grazie alla seconda vittoria e alla conseguente rielezione del 2012.

Membro del partito conservatore britannico, Boris Johnson prende attivamente parte al processo di divorzio tra il Regno Unito e l’Unione europea, la più nota Brexit.

La vittoria del Leave al referendum del 2016 e le immediate dimissioni del primo ministro David Cameron portano Johnson a candidarsi alla guida dei Tory. Il 30 giugno del 2016, nello stupore generale, l’uomo rinuncia alla leadership per cui rimangono in gara solo Michael Gove e Theresa May. A spuntarla sarà come noto proprio quest’ultima.

Il 13 luglio del 2016 viene nominato dal nuovo Primo Ministro Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth. Nel luglio del 2018, dopo aver a lungo contestato la linea troppo morbida sulla Brexit, l’uomo si dimette voltando le spalle alla May.

Dopo le dimissioni del Primo Ministro, comunicate il 24 maggio 2019, Boris Johnson è stato immediatamente indicato come uno dei più papabili successori.

Boris Johnson, ultimi articoli su Money.it

Novità Brexit: speaker respinge nuovo voto

Violetta Silvestri

21 Ottobre 2019 - 18:23

Novità Brexit: speaker respinge nuovo voto

Novità Brexit: lo speaker della Camera dei Comuni respinge un nuovo voto sull’accordo entro oggi, lunedì 21 ottobre. Il piano per l’uscita dall’Unione Europea del Regno Unito si complica. Cosa succederà?

Il piano Brexit passerà in Parlamento? I nemici di Johnson

Violetta Silvestri

17 Ottobre 2019 - 20:03

Il piano Brexit passerà in Parlamento? I nemici di Johnson

Il piano Brexit passerà in Parlamento? L’accordo di Johnson approvato dall’UE deve affrontare la difficile votazione alla Camera dei Comuni. L’esito non è scontato, considerando che ci sono diversi nemici di Johnson e voti ancora incogniti.