Visite a casa: quante persone si possono invitare dal 16 gennaio?

Isabella Policarpio

14 Gennaio 2021 - 10:00

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Dal 16 gennaio al 5 marzo nuove restrizioni sulle visite in casa di amici e parenti: sono ammesse 2 persone non conviventi in zona gialla, arancione e rossa. Spieghiamo le regole del nuovo decreto.

Visite a casa: quante persone si possono invitare dal 16 gennaio?

Sono massimo due le persone non conviventi che si possono invitare a casa dopo il 16 gennaio 2021, quando entrerà in vigore il nuovo decreto Covid.

Il testo concordato dal Consiglio dei Ministri conferma quanto previsto a Natale: è ammessa una sola visita al giorno entro i confini della regione (in zona gialla) e del comune (in zona arancione e rossa).

Tali misure, più rigide del previsto, resteranno in vigore in tutta Italia fino al 5 marzo 2021 quando si spera che la curva epidemica torni sotto controllo.

Vediamo nel dettaglio quali regole si dovranno seguire a partire da sabato e le eccezioni previste dal decreto in arrivo.

Visite a casa: si possono invitare due persone al massimo

A prescindere dalla zona di rischio in cui è classificata la regione di appartenenza, il nuovo decreto Covid impone che si possono invitare due persone al massimo estranee al nucleo convivente. Nel conteggio non si considerano i figli sotto i 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti con loro conviventi.

Come si legge nel comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 90:

“è consentito, una sola volta al giorno, spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5.00 e le ore 22.00, a un massimo di due persone ulteriori a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione.”

Per feste private in casa, cene e pranzi allargati si dovrà aspettare il 5 marzo 2021, data indicata dal governo per la fine del tetto massimo di due invitati.

Visite ammesse nello stesso comune o regione

Come anticipato nei giorni scorsi, il nuovo decreto legge conferma il divieto agli spostamenti interregionali. Ciò vuol dire che in zona gialla le visite in casa altrui sono consentite entro i confini regionali mentre in zona rossa e arancione entro il comune di residenza/domicilio. Tuttavia è ammessa la deroga per gli spostamenti dai piccoli comuni fino a 5.000 abitanti entro i 30 km (esclusi i capoluoghi di provincia), anche per andare a trovare altre persone.

Regole in vigore fino al 15 gennaio: quante persone si possono invitare

Fino a venerdì 15 gennaio compreso trova applicazione il vecchio decreto, che limita le visite in casa soltanto in zona rossa: qui si può andare da amici e parenti al massimo in due (al netto degli under 14 e delle persone non autosufficienti), una sola volta al giorno e senza uscire dal comune di residenza.

In zona arancione e gialla, invece, non sono previsti particolari limiti numerici, tuttavia soltanto in fascia gialla sono ammessi gli spostamenti fuori dal comune per andare a casa di persone non conviventi.

Argomenti

# DPCM

Iscriviti alla newsletter

Money Stories