Trimestrali USA: Goldman Sachs e Bank of America protagoniste

La trimestrale di Goldman Sachs e quella di Bank of America sono state pubblicate. Tutti i dettagli più importanti

Trimestrali USA: Goldman Sachs e Bank of America protagoniste

La trimestrale di Goldman Sachs e quella di Bank of America protagoniste nella terza seduta della settimana.

La stagione dei conti riferiti sia al 4° trimestre del 2019 sia all’intero anno appena archiviato, è stata inaugurata negli USA nella giornata di ieri, martedì 14 gennaio, con i risultati economico finanziari di JP Morgan, Citigroup e Wells Fargo.

Oggi invece è toccata ad altri due colossi del credito a stelle e strisce. Esattamente come accaduto nell’ultima sessione, sia la trimestrale di Goldman Sachs che quella di Bank of America hanno avuto un impatto sui titoli societari già nel pre-mercato di Wall Street.

Trimestrale Goldman Sachs: tutti i dati del 4° trimestre 2019

Nel pre-mercato americano, le azioni dell’istituto di credito hanno lasciato sul campo più del singolo punto percentuale. Il motivo? Da ricercare ovviamente nella trimestrale di Goldman Sachs.

Il 4° trimestre del 2019 è stato archiviato dalla banca con un utile netto in calo del 26% da quota 2,32 miliardi a quota 1,72 miliardi di dollari. Allo stesso tempo, l’EPS è scivolato da 6,94 a 4,69 dollari per azione.

A determinare la flessione evidenziata è stata soprattutto la maggior debolezza dell’investment banking, accompagnata poi da un aumento dei costi operativi.

Ancora secondo la trimestrale di Goldman, i ricavi di periodo hanno in parte bilanciato il tonfo dell’utile. Il dato in questo caso è salito di circa 23 punti percentuali a quota 9,96 miliardi.

Trimestrale Bank of America: titolo in rosso

Neanche le azioni di BofA sono riuscite a scampare alle vendite e, prima dell’apertura, hanno perso già mezzo punto percentuale. In questo caso a scendere sono stati sia i ricavi che l’utile trimestrale di Bank of America.

I primi si sono contratti, seppur soltanto limitatamente a 22,35 miliardi di dollari. Il secondo invece è sceso da quota 7,04 miliardi a quota 6,75 miliardi di dollari. A pesare in questo caso sono stati i tassi di interesse bassi.

Né la trimestrale di Goldman Sachs né quella di Bank of America sono riuscite a dare slancio ai titoli a Wall Street.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Goldman Sachs

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.