Tornare a casa in un’altra Regione: si può o è vietato?

Isabella Policarpio

24/02/2021

24/02/2021 - 10:09

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Gli spostamenti tra Regioni sono vietati fino al 27 marzo 2021 ed eccezione per chi deve tornare nella propria casa, dove ha il domicilio o la residenza. Ecco le regole in vigore.

Tornare a casa in un'altra Regione: si può o è vietato?

Si può tornare a casa in un’altra Regione e raggiungere il luogo di domicilio, residenza e abitazione nonostante il divieto agli spostamenti interregionali?

Il governo Draghi vieta gli spostamenti tra Regioni fino al 27 marzo 2021, tranne per i motivi indicati nell’autocertificazione, quindi salute, lavoro e casi di necessità.

In questi ultimi è compreso tornare a casa propria e raggiungere il partner o il coniuge nel luogo in cui la coppia ha fissato la residenza o il domicilio, anche se lo spostamento avviene da o verso la zona rossa e arancione.

Ma cosa si intende esattamente per domicilio, residenza e abitazione secondo gli ultimi decreti? Scopriamolo in questo articolo.

Tornare a casa in un’altra Regione: quando si può

Nonostante l’estensione del divieto di uscire dalla Regione, si può sempre tornare a casa, ovvero nel luogo che corrispondere alla residenza, al domicilio o all’abitazione, secondo indicazione e definizione delle Faq del governo:

  • Residenza, quindi il luogo che corrisponde alla “dimora abituale” (articolo 43, comma 2, Codice civile) dove un soggetto vota in quanto iscritto alle liste elettorali e ha il medico di famiglia.
  • Domicilio, cioè il luogo in cui una persona “ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi” (articolo 43, comma 1, Codice civile). Gli interessi possono essere di natura economica, personale, sociale e politica.
  • Abitazione, individuata come il luogo dove si abita di fatto, con una certa continuità e stabilità (quindi per periodi continuati, anche se limitati, durante l’anno) o con abituale periodicità e frequenza (per esempio in alcuni giorni della settimana per motivi di lavoro, di studio o per altre esigenze), tuttavia sempre con esclusione delle seconde case utilizzate per le vacanze.

Il decreto in vigore ammette la possibilità di raggiungere il partner o coniuge ubicato in un’altra Regione sempre che il luogo di destinazione coincida con residenza/domicilio/abitazione di colui che si mette in viaggio.

Tornare nella seconda casa fuori Regione, adesso si può

Dal 16 gennaio 2021 è caduto il divieto di raggiungere la seconda casa ubicata in un’altra Regione. Tuttavia tale possibilità è limitata al “rientro”.

Vale a dire che può tornare alla seconda casa soltanto chi è in possesso di un titolo valido con il quale provare di aver avuto un valido motivo per recarsi nello stesso immobile prima del 14 gennaio 2021.

Tornare a casa in un’altra Regione: coprifuoco e autocertificazione

Il viaggio per tornare a casa può avvenire a bordo di un mezzo proprio o pubblico, nel rispetto del coprifuoco dalle 22.00 alle 5.00 del mattino e con modulo di autocertificazione con cui giustificare lo spostamento.

Qui alla voce “altri motivi” bisogna indicare che lo spostamento è necessario a raggiungere il luogo di abitazione, l’indirizzo di partenza del viaggio e quello di destinazione.

Si ricorda che dichiarare informazioni false non è un semplice illecito amministrativo (come non indossare la mascherina) ma un reato vero e proprio previsto dal Codice penale all’articolo 495, “Falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale”, e si rischiano da 1 a 6 anni di carcere.

Argomenti

# Fase 2

Iscriviti alla newsletter

Money Stories