Titoli di stato: cinque Paesi coi rendimenti più alti al mondo

Al mondo esistono diversi Paesi che offrono rendimenti elevati sui titoli di stato. Ecco i cinque più generosi (e rischiosi)

Titoli di stato: cinque Paesi coi rendimenti più alti al mondo

Investitori e risparmiatori sono sempre più a caccia di titoli di stato che offrano rendimenti interessanti. Posto che il rapporto rischio rendimento è un fattore che va sempre tenuto in dovuta considerazione, trovare obbligazioni governative che rendano tanto al mondo non è difficile. Ovviamente per farlo bisogna puntare verso aree economiche poco sviluppate o sui bond dei paesi emergenti.

Scorrendo qua e là si possono trovare titoli di stato con rendimenti a doppia cifra, ma è bene sapere che dietro a tanta abbondanza si nascondo spesso alti rischi non sempre indicati dalla stampa specializzata, come la stabilità sociale, il sistema politico, economico o l’inflazione, col rischio che l’investitore meno informato possa incappare in amare sorprese. Ma vediamo i cinque paesi al mondo che attualmente offrono i rendimenti maggiori sul fronte dei titoli di stato.

Venezuela

A guidare la classifica dei rendimenti più alti al mondo in questo momento il Venezuela, con tassi d’interesse sui titoli di stato che per il bond scadenza 2028 in dollari americani arrivano al 47% a fronte di una cedola del 9,25%. Il Paese, come noto, è devastato da una profonda crisi economica ed è sull’orlo della guerra civile, da quando il prezzo del petrolio (su cui il Venezuela basa il proprio bilancio) è iniziato a scendere rovinosamente nel 2014. A novembre 2017 Caracas ha poi sospeso il pagamento degli interessi e il rimborso del capitale andando tecnicamente in default.

Turchia

Al secondo posto troviamo la Turchia, i cui titoli di stato decennali in lire turche (TRY) vengono trattati al momento con un rendimento del 14,45%. In questo caso il rischio/rendimento è tutto prezzato sulla valuta nazionale, una delle più volatili al mondo. Molto meno rischioso è il Paese (rating Ba3/B+/BB). Per cui, colui che investe in titoli di stato turchi si assumerà più che altro il rischio di cambio.

Brasile

Al terzo posto troviamo il Brasile (rating Ba2/BB-BB-) che, sempre sul tratto decennale, offre per i propri titoli di stato in Reais (BRL) un rendimento del 9%. Anche in questo caso, come per la Turchia, il rischio si concentra più che altro sul cambio valutario e meno sul Paese. Anche il real brasiliano è infatti una delle monete più volatili al mondo.

Sudafrica e Russia

Al quarto posto c’è il Sudafrica (Baa3/BB/BB+) che paga per i propri bond decennali in rand (ZAR) l’8,65%, mentre al quinto abbiamo la Russia (Baa3/BBB-/BBB-) che premia il decennale in rubli con l’8,47% di yield. Il Paese è politicamente molto stabile, ma la valuta locale è volatile e soggetta alle oscillazioni del prezzo del petrolio.

Come si può ben vedere, quindi, i Paesi che pagano il maggior tasso d’interesse sul debito pubblico sono quelli le cui valute sono maggiormente sensibili all’andamento dei tassi Fed. Ad eccezione del Venezuela che è al momento in default e per il quale gli investitori attendono una ristrutturazione dei titoli di stato.

Iscriviti alla newsletter Risparmio e Investimenti per ricevere le news su Titoli di Stato

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories