Sorpresa titoli di Stato: aste anche a Ferragosto. Tutti i dettagli

Titoli di Stato: dopo 10 anni il MEF torna ad emettere BTP durante le festività estive. Motivi, dettagli e informazioni sulle prossime emissioni

Sorpresa titoli di Stato: aste anche a Ferragosto. Tutti i dettagli

Grandi novità sul fronte titoli di Stato.

Dopo ben 10 anni di inerzia estiva, il Tesoro ha scelto di programmare una serie di nuove emissioni nella settimana di Ferragosto, in genere priva di appuntamenti di rilievo.

Titoli di Stato, emissioni a Ferragosto: i motivi

Perché il Tesoro non ha cancellato le aste di agosto 2020? Una domanda lecita alla luce di quanto fatto nell’ultimo decennio.

Secondo la maggior parte degli osservatori la conferma delle emissioni ha trovato ragion d’essere nella necessità di racimolare più denaro possibile per fronteggiare la crescita del debito scatenata dal coronavirus.

D’altronde nella prima metà dell’anno le entrate fiscali sono calate di 13,9 miliardi di euro, (-7% su base tendenziale) cosa che non ha certamente aiutato le casse del MEF.

Il calendario delle aste imminenti

Nella giornata di domani, mercoledì 12 agosto, il Tesoro partirà con l’emissione di Bot a 12 mesi, per un controvalore di 7 miliardi di euro.

Giovedì 13, invece, sarà il turno dei BTP:

  • 3 anni (ISIN IT0005413684): cedola annuale dello 0,30%;
  • 7 anni (ISIN IT0005416570): cedola annuale dello 0,95%;
  • 30 anni: (ISIN IT0005398406): cedola annuale del 2,45%.

Questi tre titoli di Stato a medio-lungo termine saranno offerta tra un minimo di 5,25 miliardi e un massimo di 6,75 miliardi.


In due soli giorni dunque il Tesoro cercherà di portare a casa più di 13 miliardi di euro grazie alle aste della settimana di Ferragosto.

Argomenti:

Titoli di Stato BoT BTP MEF

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories