I super ricchi vivono a Milano: ecco quanto guadagnano

15 Luglio 2019 - 10:43

15 Luglio 2019 - 10:45

condividi

Secondo il Rapporto Annuale realizzato dall’INPS, il 54% dei super ricchi in Italia vive a Milano. Roma è al secondo posto, ma è molto distante dal capoluogo lombardo. Poche le donne che fanno parte di questa fascia

Oltre il 50% dei super ricchi in Italia vive a Milano. A renderlo noto è l’INPS nel suo Rapporto Annuale. Secondo l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, vive nel capoluogo lombardo il 54% del top 0,01%, ossia quei “top earners” - come li definisce l’INPS - che guadagnano più di 533 mila euro l’anno.

Oltre al 54% dei super ricchi, nella provincia di Milano vive anche il 42% del top 0,1%, ossia quei ricchi che guadagnano annualmente la cifra di oltre 217 mula euro.

Ecco come spiega i risultati di questi dati l’INPS:

“L’aumento della concentrazione dei “top earners” nella provincia di Milano man mano che si sale nella distribuzione del reddito è un fenomeno significativo e offre spunti di analisi sulla concentrazione geografica del reddito e le sue implicazioni sull’agglomerazione di competenze qualificate e imprese produttive in pochi centri distribuiti in maniera fortemente disomogenea sul territorio nazionale”.

Roma si piazza al secondo posto, ma è molto lontana da Milano. Come sottolinea l’INPS, nella capitale le percentuali dei super ricchi sono nettamente inferiori: non raggiungono neanche il terzo di quelle milanesi.

I super ricchi in Italia: poche le donne

Oltre ad esserci dei netti divari territoriali, il rapporto annuale dell’INPS ha evidenziato delle notevoli differenze dal punto di vista genere. A sottolinearlo è lo stesso presidente dell’Istituto Pasquale Tridico che afferma:

“All’aumentare dei percentili lungo la distribuzione dei salari la quota di donne diminuisce in modo drastico: nel top 10% tale quota si attesta al 23%, nel top 1% si scende al 15% e nel top 0,01% la percentuale di donne è solo del 7,5%”.

Un altro dato importante evidenziato dal Rapporto Annuale riguarda il notevole aumento della soglia necessaria per far parte del cosiddetto top 0,1% e soprattutto del top 0,01%.

In questa fascia - che permette di essere considerati super ricchi - la soglia dal 1978 al 2017 è aumentata del 242%, passando quindi da 220 mila euro a 533 mila euro. Questo, secondo Tridico, suggerisce che negli ultimi decenni la concentrazione degli alti redditi abbia caratterizzato in modo rilevante anche l’Italia.

Argomenti

# Italia
# INPS
# Lavoro
# Milano
# ricchi

Iscriviti a Money.it