Strage a Mogadiscio: oltre 70 morti

Autobomba devasta uno dei sobborghi più affollati della capitale somala: 70 morti e centinaia di feriti, ma il bilancio è destinato a crescere. I dettagli

Strage a Mogadiscio: oltre 70 morti

È una strage che potrebbe superare ogni precedente storico del Paese quella di scena solo poche ore fa a Mogadiscio, capitale della Somalia, dove un attentatore suicida a bordo di un veicolo ha provocato un’esplosione lungo Afgoye Road, zona periferica ma particolarmente affollata.

L’autobomba, esplosa nei pressi di un posto di blocco, ha provocato almeno 73 morti stando alle ultime informazioni; tra di loro, anche bambini e studenti universitari, oltre a due cittadini turchi. Centinaia sarebbero invece i feriti, ma si tratta di un bilancio purtroppo in continuo aggiornamento.

Secondo Abdirizak Mohamed, membro del Parlamento somalo, tra i morti ci sarebbero 17 agenti di polizia somali, 73 civili e 4 stranieri.

Sembra inoltre certo che nell’esplosione sia stato coinvolto un autobus con a bordo 20 studenti dell’Università di Benadir.

Strage a Mogadiscio: oltre 70 morti

L’unica ricostruzione ufficiale dei fatti per il momento risale alle parole di un portavoce del governo, pronunciate circa un’ora fa, secondo cui l’attentatore - non identificato - avrebbe agito nei pressi di un posto di polizia lungo Afgoye Road.

L’ora di punta e la particolare affluenza abituale del luogo hanno contribuito a far sì che l’esplosione coinvolgesse centinaia di persone, tra forze dell’arma, studenti e passanti.

Malgrado il buio totale circa l’identità del terrorista e la mancata rivendicazione dell’atto, è impossibile fare a meno di far ricadere i sospetti sul movimento jihadista Al Shabaab, legato ad Al Qaida.

Da questo punto di vista non mancano affatto precedenti, anche molto vicini al luogo dell’esplosione odierna: nel 2017 la capitale somala fu teatro di un vero e proprio massacro provocato dall’esplosione di due camion bomba, che provocarono 500 morti, andando a dar vita all’atto terroristico storicamente peggiore nel Paese.

Intanto sul fronte turco diversi media hanno confermato la morte di due cittadini di Ankara nell’attentato.

LEGGI ANCHE: L’Isis è stato sconfitto? Ecco perché la guerra al terrorismo non è ancora finita

Argomenti:

Terrorismo Africa

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO