Stipendi Forze Armate, compensi per Strade Sicure più veloci: ecco perché

Antonio Cosenza

6 Marzo 2020 - 15:04

condividi

Strade Sicure, stipendi più veloci: importanti novità per gli stipendi delle Forze Armate annunciate dal Centro Unico Stipendiale del Ministero della Difesa.

Stipendi Forze Armate, compensi per Strade Sicure più veloci: ecco perché

Stipendi Forze Armate: ci sono importanti novità per i militari impegnati nei servizi di tutela del territorio previsti dall’Operazione Strade Sicure. D’ora in avanti i compensi accessori previsti per questo tipo di attività saranno erogati in tempi celeri grazie alla messa a punto di un nuovo sistema che permette di ridurne le tempistiche.

L’annuncio è stato dato direttamente dal Ministero della Difesa con la nota pubblicata in data 5 marzo 2020. I meriti di questa novità vanno attribuiti principalmente al Centro Unico Stipendiale Interforze, il quale ha deciso di accogliere l’incessante richiesta del personale e della Rappresentanza Militare.

D’altronde era impensabile non riconoscere - in tempi consoni - quanto spettante ai militari impegnati in servizi così importanti per la tutela del territorio e dei cittadini; fino all’attivazione di questa nuova procedura, di cui vi parleremo di seguito, infatti, il personale era costretto ad attendere anche un anno prima di ricevere i compensi accessori previsti per queste attività.

Adesso, grazie al lavoro svolto dal Centro Unico Stipendiale Interforze, guidato dal Brigadier Generale Salvatore Vergari, si riuscirà a pagare il personale in tempi ristretti così come avviene per le missioni all’estero.

Brigadier Generale Salvatore Vergari

Compensi accessori Strade Sicure: novità per gli stipendi delle Forze Armate

Con la nota pubblicata sul sito del Ministero della Difesa in data 5 marzo 2020 è stata annunciata la razionalizzazione delle procedure per il pagamento delle indennità maturate dal personale militare impiegato nell’ambito dell’Operazione Strade Sicure.

Il Centro Unico Stipendiale Interforze ha spiegato che da tempo è stato avviato un importante processo di razionalizzazione delle procedure amministrative previste per l’erogazione dei compensi accessori; un processo necessario ai fini del contenimento dei tempi intercorrenti tra espletamento del servizio e effettivo pagamento di quanto dovuto.

Nel dettaglio, in base alle esperienze maturate nell’ambito del pagamento delle competenze al personale impiegato nei “Teatri Operativi” è stata avviata una nuova procedura semplificata per il pagamento di quanto dovuto alle Forze Armate per i servizi svolti nell’ambito dell’Operazione Strade Sicure. Questa è stata utilizzata già per i servizi svolti a gennaio 2020, per i quali quindi si prevedono tempi di pagamento più brevi rispetto al passato.

Questa nuova procedura, infatti, consiste in una “significativa” riduzione dei vari passaggi intermedi, con il venir meno di alcuni soggetti che nel sistema precedente erano chiamati a gestire i dati occorrenti alla liquidazione delle varie spettanze. I vantaggi sono già noti: “grazie alla fattiva collaborazione fornita da parte di tutte le articolazioni interessate”, infatti, si è potuto procedere - in netto anticipo rispetto ai tempi preventivati - al pagamento nel cedolino di marzo di tutti i compensi spettanti per i servizi di Operazione Strade Sicure svolti nel mese di gennaio 2020.

Un vantaggio chiaro che si ripeterà anche per i prossimi stipendi visto che grazie all’utilizzo della nuova procedura non bisognerà più attendere mesi per percepire quanto di diritto: d’ora in avanti - promette il Ministero della Difesa - le somme dovute al personale saranno erogate nel secondo mese successivo all’effettuazione del servizio.

Argomenti

Iscriviti a Money.it