Codici tributo F24 rottamazione liti fiscali. L’elenco completo

Codici tributo modello F24 per il versamento delle somme oggetto di rottamazione delle liti fiscali: ecco l’elenco completo pubblicato dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 108 del 1° agosto 2017.

Codici tributo F24 rottamazione liti fiscali. L'elenco completo

Rottamazione liti fiscali: l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione i codici tributo del modello F24 da utilizzare per il versamento delle somme dovute.

L’elenco completo dei codici tributo da utilizzare ai fini del pagamento delle liti fiscali pendenti oggetto di rottamazione è stato pubblicato con la risoluzione n. 108/E del 1° agosto 2017.

Come noto, i contribuenti che intendono aderire alla rottamazione delle liti fiscali con controparte l’Agenzia delle Entrate dovranno presentare domanda entro il 2 ottobre 2017, data entro cui dovrà essere versato l’importo complessivo al netto di sanzioni e interessi di mora ovvero la prima rata pari al 40% per chi ha scelto il pagamento dilazionato.

Proprio al fine di rendere chiare regole e modalità di adesione e pagamento delle somme oggetto di rottamazione, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito modalità di versamento, codici tributo da indicare nel modello F24 e le istruzioni per la compilazione.

Di seguito l’elenco completo dei codici tributo per la rottamazione delle liti fiscali e come compilare il modello F24.

Codici tributo F24 rottamazione liti fiscali. L’elenco completo

Per il versamento delle somme oggetto di definizione agevolata delle liti fiscali, l’Agenzia delle Entrate nella risoluzione n. 108/E del 1° agosto 2017 fornisce tutte le istruzioni utili.

Ecco, innanzitutto, l’elenco completo dei codici tributo e degli elementi identificativi utili per la compilazione del modello F24:

Codice ufficioCodice attoCodice tributoDenominazione codice tributoRateazione/Regione/Prov./mese rif.Anno di riferimento
Compilare Non compilare 8121 IVA e relativi interessi – Definizione delle controversie tributarie - art. 11 D.L. n. 50/2017 NON COMPILARE AAAA
Compilare Non compilare 8122 Altri tributi erariali e relativi interessi – Definizione delle controversie tributarie - art. 11 D.L. n. 50/2017 NON COMPILARE AAAA
Compilare Non compilare 8123 Sanzioni dovute relative ai tributi erariali -Definizione delle controversie tributarie - art. 11 D.L. n. 50/2017 NON COMPILARE AAAA
Compilare Non compilare 8124 IRAP e addizionale regionale all’ IRPEF e relativi interessi - Definizione delle controversie tributarie - art. 11 D.L. n. 50/2017 CODICE REGIONE (tabella T0 - codici delle Regioni e delle Province autonome) AAAA
Compilare Non compilare 8125 Sanzioni dovute relative all’IRAP e all’addizionale regionale all’IRPEF - Definizione delle controversie tributarie - art. 11 D.L. n. 50/2017 CODICE REGIONE (tabella T0 - codici delle Regioni e delle Province autonome) AAAA
Compilare Non compilare 8126 Addizionale comunale all’IRPEF e relativi interessi -
Definizione delle controversie tributarie - art. 11 del D.L. n. 50/2017
CODICE CATASTALE DEL COMUNE (tabella T4 - codici catastali dei Comuni) AAAA
Compilare Non compilare 8127 Sanzioni dovute relative all’addizionale comunale all’IRPEF - Definizione delle controversie tributarie - art. 11 D.L. n. 50/2017 CODICE CATASTALE DEL COMUNE (tabella T4 - codici catastali dei Comuni) AAAA

I seguenti codici tributo dovranno essere compilati nella sezione “Erario” del modello F24 esclusivamente in corrispondenza della colonna “importi a debito versati”. Di seguito le istruzioni per la compilazione in considerazione delle ulteriori indicazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate.

Rottamazione liti fiscali: le istruzioni per la compilazione del modello F24

Con la risoluzione n. 108/E l’Agenzia delle Entrate ha fornito tutte le istruzioni su come compilare il modello F24 ai fini del versamento delle somme oggetto di rottamazione delle liti fiscali.

Il campo “codice ufficio” è valorizzato con il codice della Direzione Provinciale dell’Agenzia delle entrate (ufficio legale), del Centro operativo di Pescara, ovvero dell’Ufficio provinciale – Territorio, parte in giudizio. Tali codici sono reperibili nelle “Tabelle dei codici degli uffici finanziari e delle Direzioni Centrali, Regionali e Provinciali”, pubblicate sul sito internet dell’Agenzia delle entrate.

Il campo “Rateazione/Regione/Prov./mese rif.”, ove previsto, è valorizzato con il codice della Regione o con il codice catastale del Comune destinatario. Tali codici sono reperibili nella “Tabella T0 - codici delle Regioni e delle Province autonome” e nella “Tabella T4 - Codici Catastali dei Comuni”, pubblicate sul sito internet dell’Agenzia delle entrate;

Il campo “anno di riferimento” è valorizzato secondo le istruzioni riportate nel modello di domanda (periodo d’imposta o anno di registrazione).

Qualora il versamento venga eseguito da un soggetto diverso da colui che ha
proposto l’atto introduttivo del giudizio, nel campo “codice fiscale” della sezione “CONTRIBUENTE” del modello F24 è indicato il codice fiscale del soggetto che effettua il versamento.

Nel campo “codice fiscale del coobbligato, erede, genitore, tutore o curatore fallimentare” è indicato il codice fiscale del soggetto che ha proposto l’atto introduttivo del giudizio, unitamente all’indicazione, nel campo “codice identificativo”, del codice “71” (soggetto che ha proposto l’atto introduttivo del giudizio).

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Agenzia delle Entrate

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.