La road map delle riaperture, ecco tutte le date: mascherine, green pass e stato d’emergenza

Emiliana Costa

11 Febbraio 2022 - 15:35

condividi

Parte oggi la road map delle riaperture. Ecco tutte le date per mascherine al chiuso, green pass e stato d’emergenza.

La road map delle riaperture, ecco tutte le date: mascherine, green pass e stato d'emergenza

Addio mascherine all’aperto e via libera alle discoteche. Da oggi, 11 febbraio, inizia il graduale percorso di allentamento delle restrizioni. La road map delle riaperture è stata delineata la scorsa settimana in Cdm dal governo Draghi, sulla base di un significativo miglioramento della situazione epidemiologica.

Da oggi dunque, stop all’obbligo di mascherine all’aperto e via libera alle discoteche. Chiuse con la quarta ondata. Ma quali sono tutte le riaperture previste dalla road map del presidente del Consiglio Mario Draghi? Entriamo nel dettaglio.

Green pass e scuole

Con il decreto, il governo ha confermato la durata illimitata del green pass per chi ha effettuato la dose booster o è guarito con due dosi. Mentre limita a sei mesi la validità del certificato verde per chi non ha completato il percorso vaccinale. Inoltre, il provvedimento stabilisce che per chi ha fatto la dose booster il green pass è valido «senza necessità di ulteriori dosi di richiamo».

Non è tutto. Il decreto prevede la semplificazione delle regole per le quarantene a scuola. Nelle scuole per l’infanzia le attività proseguono in presenza fino a quattro casi di positività al Covid-19. Al quinto contagio, sono sospese per cinque giorni. Mentre alle elementari c’è una prima differenziazione: fino a quattro contagi l’attività prosegue in presenza con insegnanti e alunni con la mascherina Ffp2 (non se minori di sei anni) per dieci giorni dalla scoperta dell’ultimo caso.

Dal quinto contagio invece chi ha ricevuto la dose booster o ha completato il ciclo primario da meno di quattro mesi prosegue in presenza con la Ffp2, gli altri vanno in Dad. Per quanto riguarda le scuole medie e superiori, le Ffp2 vengono indossate già dal primo caso positivo. Dal secondo contagio, restano in presenza gli studenti vaccinati con dose booster, coloro che sono guariti da meno di quattro mesi o che hanno completato il ciclo primario (due dosi) da meno di quattro mesi. Tutti gli altri in didattica a distanza per cinque giorni.

Mascherine e discoteche, cambia tutto da oggi 11 febbraio

Da oggi 11 febbraio addio alla mascherina all’aperto. Occorrerà continuare ad indossarla in tutti i luoghi chiusi. Obbligatoria la Ffp2 su treni, aerei, navi e mezzi di trasporto pubblico locale. Ffp2 obbligatoria anche se si finisce per 10 giorni in autosorveglianza.

Non è tutto. Dall’11 febbraio si potrà tornare a ballare in discoteca, che finora poteva offrire solo servizio o intrattenimento al tavolo. Le limitazioni sono super green pass, obbligo di mascherina al chiuso tranne quando si è in pista a ballare (all’aperto non sarà più obbligatoria) e limiti di accessi (75% della capienza massima autorizzata all’aperto e 50% al chiuso).

Il 31 marzo termina lo stato d’emergenza?

Salvo novità dell’ultimo minuto (come un boom improvviso di contagi o una frenata nella campagna vaccinale), il 31 marzo dovrebbe terminare lo stato d’emergenza. In questo caso il governo dovrà predisporre un processo di rientro all’attività ordinaria, definendo nuove regole per lo smart working o il proseguimento delle attività legate alla campagna vaccinale.

Non solo. L’ultimo decreto ha posto come termine per l’obbligo di mascherina al chiuso proprio il 31 marzo. Dunque con la fine dello stato d’emergenza la restrizione potrebbe decadere. Ma non sarebbe proprio così. Come riporta l’Ansa, non ci sarebbe alcun automatismo che possa definire da ora lo stop all’uso delle mascherine al chiuso a partire dal primo aprile, ovvero il giorno successivo all’eventuale fine dello stato di emergenza. Tutto dipenderà dall’andamento della curva epidemiologica. L’agenzia riporta fonti qualificate di governo che ipotizzano l’utilizzo dei dispositivi di protezione anche dopo il 31 marzo.

Argomenti

# Scuola

Iscriviti a Money.it