Riunione Fed oggi: tassi invariati, Powell chiede nuovo stimolo

Riunione Fed oggi, 5 novembre: in attesa dell’esito elettorale, il FOMC ha deciso di lasciare invariati i tassi d’interesse. Cosa ha detto Powell?

Riunione Fed oggi: tassi invariati, Powell chiede nuovo stimolo

Riunione Fed oggi in primo piano: USA sempre più protagonisti tra l’attesa del nuovo presidente - spoglio elettorale ancora in corso - e nuove indicazioni di Jerome Powell.

La banca centrale della potenza americana si è pronunciata sulla politica monetaria futura per sostenere l’economia statunitense, scegliendo di lasciare invariati i tassi d’interesse.

Riunione Fed, cosa ha detto Powell oggi

Come previsto da diversi analisti, comunque, il FOMC della Fed non ha offerto molto in termini di specificità nella sua dichiarazione di oggi. Il punto centrale è stato una ripetizione dell’impegno a mantenere il tasso di prestito di riferimento a zero per il prossimo futuro.

L’incertezza sull’esito delle presidenziali ha avuto la meglio sulla presa di decisioni significative già oggi. La riunione Fed ha dato tuttavia indicazioni di massima in attesa di capire come si evolverà lo scenario istituzionale USA. Il focus su ulteriori stimoli, forse, sarà spostato nell’incontro di dicembre.

Powell ha scelto di non commentare le elezioni statunitensi, il cui spoglio è tuttora in corso, ma dalle sue parole è emerso il bisogno di tornare a far parlare le istituzioni, in riferimento probabilmente al desiderio di un cambio di rotta rispetto allo scontro che ha perdurato negli ultimi quattro anni.

Nelle righe successive, trovate gli aggiornamenti della conferenza stampa di Jerome Powell.

Riunione Fed, aggiornamenti live della conferenza

21:09- Powell non commenta elezioni USA

Powell si dice riluttante a commentare le elezioni americane: “Noi parliamo di economia, elezioni non sono argomento centrale della riunione di oggi”. Ma aggiunge: “Torniamo a lasciare parlare le istituzioni”.

21:05- Reazione fiscale molto buona

Secondo Powell la reazione della politica fiscale è stata molto buona e questa è uno dei principali motivi per cui la ripresa è stata così buona.

20:59- Programma QE sufficiente

Pensiamo che il nostro programma di QE stia fornendo il giusto livello di accomodamento.

20:55- Fed userà tutti gli strumenti

Ribadendo la preoccupazione per l’incremento dei casi di coronavirus, Powell ha detto che la Fed userà tutti gli strumenti per supportare l’economia.

20:52- Ripresa migliore delle aspettative

Rispondendo a una domanda, Powell ha detto che la ripresa economica è stata migliore delle previsioni.

20:50- Acquisto asset solo una parte della posizione Fed

L’acquisto di asset da parte della Fed “è solo un pezzo della policy molto accomodante che abbiamo assunto”, ha detto il presidente Fed.

20:47- Ripresa più forte con supporto fiscale

Powell ha detto chiaramente che ci sarà una ripresa più forte con maggiore supporto fiscale.

20:45- Rischio esaurimento risparmi famiglie

In questo momento la Fed è preoccupata anche da rischi collaterali, come la diffusione del virus e l’esaurimento dei risparmi delle famiglie. Mettere il virus sotto controllo è cruciale per l’economia.

20:42- Ci vorrà un po’ per la ripresa

Ci vorrà “un po’” per tornare ai livelli di attività precedenti all’epidemia e potrebbe servire un supporto continuativo dalla politica fiscale e monetaria.

20:40- Preoccupante l’espansione dell’epidemia

Powell si è detto preoccupato per il recente incremento dei contagi, che nella giornata di oggi hanno toccato i 100.000 nuovi casi in 24 ore.

20:38- Impatto pandemia non uguale per tutti

L’impatto della crisi dovuta al coroanvirus, ha detto Powell, non ha colpito tutti gli americani allo stesso modo. La piena ripresa è improbabile finché le persone non si sentono sicure.

20:37- La ripresa è rallentata

L’attività economica continua a migliorare, ma a un ritmo più lento. Forti i consumi sui beni duraturi, ma ancora deboli i servizi. Nessuna reazione dei mercati sulla dichiarazione d’apertura di Powell.

20:35- Percorso difficile

Siamo impegnati a raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti: piena ripresa e massima occupazione, ha detto Powell. I livelli economici sono ancora molto al di sotto di quelli pre-pandemici, e “il percorso davanti a noi appare difficile”.

20:33- Si parte

Il presidente della Fed Jerome Powell è arrivato in sala stampa. Inizia la conferenza a ridosso delle elezioni che potrebbero cambiare il volto dell’America.

20:30- Mancano pochi minuti

Mancano ormai pochissimi minuti all’inizio della conferenza.

Questa parte di articolo è stata scritta prima della conferenza stampa

Riunione Fed in pieno voto USA: cosa aspettarsi oggi?

Con lo spoglio delle elezioni statunitensi ancora in corso, ci si aspettano davvero poche novità dalla riunione Fed di oggi.

La banca centrale ha comunicato la sua intenzione di mantenere i tassi di interesse vicini allo zero almeno per i prossimi anni, spostando l’attenzione su ulteriori stimoli al programma di acquisto di asset (QE).

Ci saranno indicazioni già nelle decisioni di oggi? In realtà, con i casi Covid in aumento a livello globale e la questione delle elezioni che potrebbe offuscare lo stesso discorso di Powel, i responsabili politici della Fed potrebbero rimandare alla riunione di dicembre decisioni importanti su azioni di stimolo ulteriori.

Aspettare l’esito del voto e capire come si verranno a comporre i nuovi equilibri alla Casa Bianca e al Senato potrebbe essere la strategia odierna della banca centrale.

Jerome Powel potrebbe giusto cogliere l’occasione per ribadire la volontà di trovare nuovi strumenti per aiutare l’economia e sottolineare l’importanza di stimoli fiscali rimasti in stallo prima delle elezioni.

La banca all’inizio di quest’anno ha rilasciato trilioni di dollari di liquidità nel sistema finanziario e fornito sostegni di prestito per garantire che le società abbiano accesso ai finanziamenti, oltre a erogare prestiti per le piccole e medie imprese.

Perché la Fed aspetta il nuovo presidente

La riunione Fed di oggi arriva in un momento cruciale e Powel probabilmente attenderà segnali certi da Washington prima di definire una strategia monetaria aggiornata.

Gli scenari che emergeranno dalle elezioni USA saranno fondamentali per le prossime mosse della banca centrale.

Il Congresso non è riuscito a raggiungere un accordo su un nuovo disegno di legge di spesa prima delle elezioni, e i risultati finora mostrano Biden con una migliore possibilità di vincere la presidenza rispetto a Trump, mentre i repubblicani manterranno probabilmente il controllo del Senato.

Un Governo diviso, probabilmente, spingerà la Fed ad aumentare gli stimoli con l’espansione del QE visto che senza un Senato in linea con la presidenza il pacchetto di stimoli si allontana ancora.

Una vittoria democratica sulla Casa Bianca e sul Senato, invece, potrebbe spingere significativamente più in alto i tassi di interesse a lungo termine.

Un tale scenario potrebbe convincere la Fed a deviare i suoi acquisti verso i Treasury statunitensi a più lunga scadenza per sostenere verso il basso i costi di prestito a più lungo termine, invece di aumentare semplicemente il ritmo mensile totale degli acquisti.

La riunione Fed di oggi, quindi, resta fortemente dipendente ai risultati delle elezioni USA.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories