Riunione BCE: tassi fermi, PEPP chiude a marzo 2022. Le parole di Lagarde

Violetta Silvestri

16 Dicembre 2021 - 16:02

condividi

Dopo la riunione della BCE di oggi, i tassi restano fermi, come già previsto. Il programma straordinario di acquisto di asset terminerà a marzo, con una compensazione. Le parole d Lagarde.

Riunione BCE: tassi fermi, PEPP chiude a marzo 2022. Le parole di Lagarde

BCE, conferenza stampa di Lagarde è terminata.

La riunione del 16 dicembre non ha sorpreso gli analisti, con i tassi rimasti invariati.

Il vertice a Francoforte è arrivato mentre l’aumento dell’inflazione e la diffusione della variante Omicron nella regione stanno pressando il rilancio post-pandemia.

Sul documento appena pubblicato sulle decisioni di politica monetaria dell’Eurotower si legge che la banca ha confermato che il Programma di acquisto di emergenza pandemica (PEPP) si concluderà a marzo 2022, come previsto.

Per evitare un calo vertiginoso degli acquisti netti di obbligazioni all’inizio del secondo trimestre, la BCE ha annunciato che il ritmo degli acquisti mensili nell’ambito del suo schema di QE pre-pandemia chiamato Asset Purchase Program (APP) sarebbe aumentato a 40 miliardi di euro nel secondo trimestre e a 30 miliardi di euro nel terzo trimestre dagli attuali livelli di 20 miliardi di euro.

Lagarde, nella consueta conferenza stampa, ha ribadito che la ripresa c’è in Eurozona, ma occorre ancora mantenere la flessibilità nel sostegno per evitare shock.

Riunione BCE 16 dicembre: cosa è stato deciso

La BCE ha annunciato che a marzo porrà fine al suo programma di acquisto di obbligazioni nato durante la pandemia, ma cercherà di facilitare la transizione promettendo ulteriore sostegno all’economia della zona euro nel prossimo anno.

I responsabili della banca centrale hanno affermato di aver bisogno ancora di mantenere la flessibilità di fronte all’incertezza causata dall’ultima variante del coronavirus, Omicron, che ha portato i governi europei a reintrodurre i blocchi e altre restrizioni alla vita pubblica.

Sono due i programmi di acquisto di obbligazioni destinati a iniettare liquidità nelle economie dell’Eurozona: uno iniziato nel 2015 e l’altro l’anno scorso, in risposta alla pandemia. Da Francoforte è arrivata la conferma che il programma dell’era Covid si concluderà, come previsto, a marzo.

Il vecchio programma, APP, invece, si espanderà: la banca raddoppierà i suoi acquisti di obbligazioni a 40 miliardi di euro nel secondo trimestre del 2022, abbassando tale importo a 30 miliardi di euro nel terzo trimestre e quindi manterrà il programma a un ritmo mensile di 20 miliardi di euro, per tutto il tempo necessario a rafforzare l’impatto accomodante dei suoi tassi.

La banca ha anche affermato che il programma dell’era della pandemia potrebbe essere ripreso se fosse necessario più sostegno.

Il tapering, quindi, ci sarà grazie alla ripresa economica in corso. Tuttavia, il board ha ritenuto importante mantenere una transizione più soft, poiché l’incertezza potrebbe ancora colpire nel breve periodo la crescita.

La decisione è un riconoscimento che le impostazioni delle politiche di emergenza devono finire di fronte all’inflazione più rapida dell’area dell’euro da quando è stata creata la moneta unica e mentre la produzione economica si avvicina ai livelli pre-crisi.

Previsioni economiche aggiornate

La riunione del 16 dicembre ha rivisto anche le stime macroeconomiche: la banca haaumentato le sue proiezioni di inflazione e ridotto le sue prospettive di crescita per il 2022.

Nel dettaglio, per quanto riguarda la ripresa, è stato stimato:

  • 5,1% nel 2021
  • 4,2% nel 2022
  • 2,9% nel 2023
  • 1,6% nel 2024

I prezzi continueranno a salire, incalzati soprattutto dalla crisi energetica. L’indice armonizzato nella zona euro avrà questa tendenza nelle proiezioni: 2,6% nel 2021; 3,2% nel 2022; 1,8% nel 2023 e nel 2024.

Riunione BCE: la conferenza di Lagarde

L’attesa conferenza stampa di Christine Lagarde è iniziata alle 14.30.

Di seguito tutti gli aggiornamenti LIVE sulle decisioni della BCE e sulle parole di Lagarde.

15.22

Inflazione e ruolo dell’energia

Lagarde ha ribadito che alla base del rialzo dell’inflazione c’è l’energia. I prezzi energetici dipendono da condizioni climatiche, relazioni geopolitiche, entità degli stoccaggi. La differenza tra le proiezioni inflazionistiche di settembre e di adesso molto dipendono dall’energia.

15.15

PEPP

Il PEPP flessibile ha funzionato bene, ora si può andare avanti.

15.01

Consenso in BCE

La maggioranza è stata molto ampia nel sostenere l’intero pacchetto di oggi, ha affermato Lagarde.

14.58

Tassi di interesse

Per Lagarde è molto improbabile che la BCE aumenterà i tassi nel 2022.

14.55

Incertezza

Lagarde sottolinea l’elevata incertezza come uno dei temi principali dell’incontro di oggi. Omicron è uno dei punti di incertezza.

14.53

Domande dei giornalisti

Lagarde inizia a rispondere alle domande dei giornalisti

14.46

Previsioni sull’inflazione

L’inflazione è destinata a essere significativamente più alta:

  • Inflazione 2021: 2,6% rispetto al 2,2% nella previsione di settembre
  • Inflazione 2022: 3,2% rispetto all’1,7% nella previsione di settembre
  • Inflazione 2023: 1,8% rispetto all’1,5% nella previsione di settembre
  • Inflazione 2024: 1,8%
14.45

Energia e supply chain

Lagarde ha commentato che:
“L’aumento dell’energia è un vento contrario. I colli di bottiglia ci saranno per un po’ di tempo, dovrebbero attenuarsi nel 2022. La crescita è prevista in forte ripresa nel 2022. L’inflazione sarà superiore al 2% per la maggior parte del 2022.”

14.43

Previsioni PIL

Queste le previsioni per il PIL dell’Eurozona:

  • 5,1% nel 2021
  • 4,2% nel 2022
  • 2,9% nel 2023
  • 1,6% nel 2024
14.40

Politica ancora accomodante

La politica accomodante è necessaria:
“Abbiamo bisogno di flessibilità, opzionalità. Le misure di contenimento potrebbero ritardare il recupero”, ha commentato Lagarde

14.38

APP

Lo schema APP di acquisto di asset tradizionale sarà così calibrato, dopo la fine del PEPP nel 2022:

  • secondo trimestre: € 40 miliardi
  • terzo trimestre: 30 miliardi di euro
  • quarto trimestre: 20 miliardi di euro, per tutto il tempo necessario

L’APP terminerà poco prima di aumentare i tassi di interesse.

14.35

Inflazione e ripresa in Eurozona

Lagarde ha così sintetizzato la situazione della regione euro:

  • il mercato del lavoro sta migliorando;
  • lo slancio di crescita dell’area dell’euro si è moderato;
  • l’attività dovrebbe aumentare fortemente nel 2022;
  • ci sono carenze che limitano l’attività, vento contrario a breve termine;
  • crisi sanitaria in corso;
  • alta inflazione in gran parte dovuta all’energia;
  • inflazione in calo l’anno prossimo;
  • continuiamo a vedere l’inflazione a medio termine al di sotto dell’obiettivo;
  • l’inflazione dovrebbe stabilizzarsi al di sotto dell’obiettivo nell’orizzonte di proiezione;
  • i progressi verso l’obiettivo consentono di ridurre gradualmente il QE
14.33

Lagarde e la situazione Eurozona

L’economia dell’Eurozona è in ripresa, ma la variante Omicron ha costretto a riprendere le restrizioni e i prezzi energetici sono in aumento. L’inflazione manterrà elevata nel breve periodo, ma si attenuerà l’anno prossimo.

14.30

Conferenza di Lagarde al via

Lagarde inizia la conferenza stampa dopo la riunione che ha mantenuto i tassi invariati.

14.20

Conferenza stampa, tutto pronto

La consueta conferenza stampa di Christine Lagarde inizierà tra 10 minuti. C’è attesa per capire nuovi dettagli su previsioni economiche e prossime mosse della BCE.

14.08

Euro/dollaro in rialzo

Dopo le decisioni della BCE, la coppia EUR/USD scambia in rialzo, sulla soglia di 1,1332 (+0,42%).

Il fatto che la BCE abbia annunciato di ridurre la quantità di acquisti di obbligazioni nel terzo trimestre del 2022 e di aumentare gli acuisti nell’ambito di APP per compensare la fine del PEPP è considerata una mossa aggressiva dagli analisti.

13.55

Decisioni di politica monetaria

Il Consiglio direttivo ritiene che i progressi nella ripresa economica e verso il suo obiettivo di inflazione a medio termine consentano una graduale riduzione del ritmo degli acquisti di attività nei prossimi trimestri. Ma è ancora necessario un accomodamento monetario affinché l’inflazione si stabilizzi all’obiettivo di inflazione del 2% nel medio termine. In considerazione dell’attuale incertezza, il Consiglio direttivo deve mantenere flessibilità e facoltatività nella conduzione della politica monetaria. In tale ottica, il Consiglio direttivo ha adottato le seguenti decisioni:

Programma di acquisto di emergenza pandemica (PEPP)
Nel primo trimestre del 2022, il Consiglio direttivo prevede di effettuare acquisti netti di attività nell’ambito del programma di acquisto di emergenza pandemica (PEPP) a un ritmo inferiore rispetto al trimestre precedente. Cesserà gli acquisti netti di attività nell’ambito del PEPP alla fine di marzo 2022.

Il Consiglio direttivo ha deciso di estendere l’orizzonte di reinvestimento per il PEPP. Ora intende reinvestire i pagamenti principali dei titoli in scadenza acquistati nell’ambito del PEPP almeno fino alla fine del 2024. In ogni caso, il futuro roll-off del portafoglio PEPP sarà gestito per evitare interferenze con l’orientamento di politica monetaria appropriato.

La pandemia ha dimostrato che, in condizioni di stress, la flessibilità nella progettazione e nella conduzione degli acquisti di attività ha contribuito a contrastare la trasmissione alterata della politica monetaria e ha reso più efficaci gli sforzi per raggiungere l’obiettivo del Consiglio direttivo. Nell’ambito del nostro mandato, in condizioni di stress, la flessibilità rimarrà un elemento della politica monetaria ogniqualvolta le minacce alla trasmissione della politica monetaria mettano a rischio il raggiungimento della stabilità dei prezzi. In particolare, in caso di rinnovata frammentazione del mercato legata alla pandemia, i reinvestimenti PEPP possono essere adeguati in modo flessibile in qualsiasi momento, classi di attività e giurisdizioni. Ciò potrebbe includere l’acquisto di obbligazioni emesse dalla Repubblica ellenica al di sopra dei rollover dei rimborsi al fine di evitare un’interruzione degli acquisti in quella giurisdizione, che potrebbe compromettere la trasmissione della politica monetaria all’economia greca mentre si sta ancora riprendendo dalle ricadute del pandemia. Se necessario, potrebbero essere ripresi anche gli acquisti netti nell’ambito del PEPP per contrastare gli shock negativi legati alla pandemia.

Programma di acquisto di beni (APP)
In linea con una graduale riduzione degli acquisti di attività e per garantire che l’orientamento di politica monetaria rimanga coerente con l’inflazione che si stabilizza al suo obiettivo nel medio termine, il Consiglio direttivo ha deciso un ritmo di acquisto netto mensile di € 40 miliardi nel secondo trimestre e 30 miliardi di euro nel terzo trimestre nell’ambito del programma di acquisto di attività (APP). A partire da ottobre 2022, il Consiglio direttivo manterrà gli acquisti netti di attività nell’ambito dell’APP a un ritmo mensile di 20 miliardi di euro per tutto il tempo necessario a rafforzare l’impatto accomodante dei suoi tassi ufficiali. Il Consiglio direttivo prevede che gli acquisti netti termineranno poco prima di iniziare ad aumentare i tassi di interesse chiave della BCE.

Il Consiglio direttivo intende inoltre continuare a reinvestire integralmente il capitale dei titoli in scadenza acquistati nell’ambito dell’APP per un lungo periodo di tempo oltre la data di inizio dell’aumento dei tassi di riferimento della BCE e, in ogni caso, fino a quando necessarie per mantenere condizioni di liquidità favorevoli e un ampio grado di accomodamento monetario.

Principali tassi di interesse della BCE
Il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principale e i tassi di interesse sulla linea di rifinanziamento marginale e sulla linea di deposito rimarranno invariati rispettivamente allo 0,00%, 0,25% e -0,50%.

A sostegno del suo obiettivo di inflazione simmetrica del 2% e in linea con la sua strategia di politica monetaria, il Consiglio direttivo prevede che i principali tassi di interesse della BCE rimangano ai livelli attuali o inferiori fino a quando non vedrà l’inflazione raggiungere il 2% ben prima della fine della sua proiezione orizzonte temporale e durevolmente per il resto dell’orizzonte di proiezione, e giudica che i progressi realizzati nell’inflazione sottostante siano sufficientemente avanzati da essere coerenti con una stabilizzazione dell’inflazione al 2% nel medio termine. Ciò può anche implicare un periodo transitorio in cui l’inflazione è moderatamente al di sopra dell’obiettivo.

Operazioni di rifinanziamento
Il Consiglio direttivo continuerà a monitorare le condizioni di finanziamento delle banche e ad assicurare che la scadenza delle operazioni TLTRO III non ostacoli la trasmissione regolare della sua politica monetaria. Il Consiglio direttivo valuterà inoltre regolarmente come le operazioni di prestito mirate stiano contribuendo alla sua posizione di politica monetaria. Come annunciato, prevede che le condizioni speciali applicabili nell’ambito della TLTRO III termineranno nel giugno del prossimo anno. Il Consiglio direttivo valuterà inoltre l’adeguata calibrazione del suo sistema a due livelli per la remunerazione delle riserve in modo che la politica dei tassi di interesse negativi non limiti la capacità di intermediazione delle banche in un contesto di ampia liquidità in eccesso.

13.45

Decisione sui tassi

La BCE ha mantenuto invariati i tassi, come da attese: tasso di deposito a -050%; tasso di interesse allo 0%; tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale a 0,25%.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.