Rimborso 730/2021, quando viene bloccato? Cosa controlla l’Agenzia delle Entrate

Rosaria Imparato

25 Maggio 2021 - 11:38

condividi

Rimborso 730/2021 bloccato, nel provvedimento del 24 maggio l’Agenzia delle Entrate chiarisce quali sono gli elementi di incoerenza che fanno scattare i controlli preventivi.

Rimborso 730/2021, quando viene bloccato? Cosa controlla l'Agenzia delle Entrate

In quali casi il rimborso del modello 730/2021 viene bloccato? Nel provvedimento del 24 maggio l’Agenzia delle Entrate chiarisce quali sono gli elementi di incoerenza presenti nella dichiarazione dei redditi che fanno scattare i controlli preventivi.

Tra questi, le modifiche al 730 precompilato, ma anche i rimborsi IRPEF superiori a 4.000 euro: vediamo quali sono i casi in cui l’Agenzia delle Entrate può bloccare l’erogazione dei rimborsi fiscali.

Rimborso 730/2021, quando viene bloccato? Cosa controlla l’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate può bloccare l’erogazione dei rimborsi IRPEF spettanti dal risultato del modello 730/2021 qualora ci siano degli elementi di incoerenza all’interno della dichiarazione dei redditi.

Ma quali sono questi elementi di incoerenza, da cui dipendono i controlli preventivi? L’Agenzia delle Entrate lo ha chiarito nel provvedimento del 24 maggio. I controlli preventivi scattano nelle seguenti situazioni:

  • se con le modifiche al 730 precompilato ci sono scostamenti per importi significativi dei dati risultanti nei modelli di versamento;
  • con la presenza di elementi di significativa incoerenza rispetto ai dati inviati da enti esterni;
  • con la presenza di elementi di incoerenza rispetto ai dati indicati nelle certificazioni uniche;
  • se il modello 730 risulta a rimborso, ma con un importo superiore a 4.000 euro.

I controlli preventivi scattano anche in caso di elementi di incoerenza presenti nelle dichiarazioni dei redditi degli anni precedenti.

Rimborso 730/2021 bloccato: i controlli delle Entrate anche su CAF e professionisti e tempistiche per le erogazioni

L’Agenzia delle Entrate può effettuare i controlli preventivi sul modello 730/2021 anche quando la dichiarazione dei redditi viene presentata tramite CAF o tramite intermediario abilitato.

Quali sono le tempistiche di riferimento? Il provvedimento in commento risponde anche a questa domanda: i controlli (in via automatizzata o mediante verifica della documentazione) possono essere svolti entro 4 mesi dal termine previsto per la trasmissione della dichiarazione (per il 730 la scadenza è il 30 settembre).

Il rimborso che risulta spettante al termine delle operazioni di controllo preventivo è erogato dall’Agenzia delle entrate non oltre il sesto mese successivo al termine previsto per la trasmissione della dichiarazione, oppure dalla data della trasmissione, se questa è successiva a detto termine.

Restano fermi i controlli previsti in materia di imposte sui redditi.

Provvedimento AdE - 24 maggio 2021
Criteri per l’individuazione degli elementi di incoerenza delle dichiarazioni dei redditi modello 730/2021 con esito a rimborso finalizzati ai controlli preventivi - Articolo 5, comma 3-bis, del decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175

Iscriviti a Money.it