Contagi mai così alti, ecco le regioni in zona gialla e arancione a Capodanno. Rischio rossa

Emiliana Costa

24/12/2021

25/12/2021 - 12:13

condividi

Impennata di contagi in Italia. Sono stati superati i 44 mila casi giornalieri, il dato più alto dall’inizio della pandemia. Ecco le regioni che cambiano colore, rischio zona rossa.

Contagi mai così alti, ecco le regioni in zona gialla e arancione a Capodanno. Rischio rossa

Impennata di contagi in Italia a poche ore dal Natale. Nel bollettino di giovedì 23 dicembre, è stato registrato il dato più alto di sempre. Sono stati ​44.595 i nuovi positivi ai test Covid individuati nelle 24 ore precedenti, secondo i dati del ministero della Salute. Le vittime sono salite a 168 in un giorno. Salgono anche le terapie intensive 1.023 (+13). L’incidenza nazionale è di 350 casi ogni 100 mila abitanti.

In questo contesto, il governo Draghi ha approvato il nuovo decreto Natale per arginare la circolazione del virus. Aggravata dall’arrivo della variante Omicron. I contagi sono esplosi e la regione con il maggior incremento (oltre 12 mila nuovi casi in un giorno) è la Lombardia. Ma quali zone d’Italia passeranno in zona gialla e arancione nel corso del periodo di festa? E c’è anche un’allerta zona rossa. Entriamo nel dettaglio.

Le regioni in zona gialla e arancione

La quarta ondata sta colpendo duramente l’Italia, con un’impennata di contagi che ieri ha superato quota 44 mila nuovi casi in un giorno. Il dato più alto dall’inizio della pandemia. Ma non ci sarà un Natale «in giallo» per tutte le regioni. Era attesa per venerdì 24 dicembre l’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza per sancire il passaggio in zona gialla del Piemonte. Passaggio rimandato alla prossima settimana.

La regione presieduta da Alberto Cirio è sul filo del rasoio da giorni. Il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva è dell’11% (la soglia d’allerta per il passaggio in zona gialla è il 10%). Mentre per quanto riguarda il dato dei reparti ordinari, la percentuale è del 15% (limite massimo per l’accesso in zona gialla). L’incidenza è di 290,02 nuovi casi ogni 100 mila abitanti.

Peggiorata anche la situazione in Lombardia (la regione con l’incremento di casi più elevato), nel Lazio e in Emilia Romagna. Ma per queste regioni il passaggio in giallo dovrebbe essere sancito la prossima settimana.

In Lombardia il tasso di occupazione dei posti letto in area critica è dell’11% (sopra la soglia d’allerta del 10%). Mentre per quanto riguarda l’area non critica, la percentuale è del 14% (appena sotto il 15%, limite massimo). L’incidenza è di 344,64 nuovi casi ogni 100 mila abitanti.

Situazione simile nel Lazio, dove i reparti di terapia intensiva sono occupati al 13% (oltre la soglia massima per la zona gialla) e l’area medica al 14% (appena sotto il limite del 15%). L’incidenza è di 164,77 nuovi casi ogni 100 mila abitanti.

In Emilia Romagna, il tasso di occupazione dell’area critica è del 12%, stesso dato per i reparti ordinari. L’incidenza è di 213,16.

Restano in zona gialla Friuli Venezia Giulia, province autonome di Bolzano e Trento, Calabria, Veneto, Liguria e Marche. Al momento, nessuna regione rischierebbe nel breve termine la zona arancione. Anche se Trento ha superato la soglia d’allerta per il passaggio in arancione per quanto riguarda le terapie intensive: il dato del Trentino è del 24%, mentre il limite massimo è il 20%. I reparti ordinari restano però ancora con dati da zona gialla (19%, la soglia da superare per il passaggio in zona arancione è il 30%).

Impennata di contagi, allerta zona rossa

Nonostante dunque l’impennata di contagi spinta anche dalla variante Omicron, l’Italia dovrebbe «trascorrere» il Capodanno tra il bianco e il giallo. Restano valide ovunque le restrizioni introdotte con il nuovo decreto.

Ma è il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri a lanciare l’allarme nel corso di un’intervista a Fanpage: «Al momento non è previsto un lockdown, ma resta l’impianto dei colori. Se in alcune regioni i contagi dovessero superare le soglie d’allerta, si passerà in zona rossa».

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it