Reddito di cittadinanza: nuovi requisiti per emergenza Coronavirus

Reddito di cittadinanza, si cambia: requisiti meno severi nel periodo di crisi economica. L’annuncio della Catalfo: “Novità per il patrimonio immobiliare”.

Reddito di cittadinanza: nuovi requisiti per emergenza Coronavirus

Reddito di cittadinanza, presto ci sarà una modifica dei requisiti ma solo per il periodo di emergenza dovuto alla diffusione del Coronavirus. A confermarlo il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo che nella giornata di ieri aveva anticipato un allargamento della platea dei beneficiari del reddito di cittadinanza.

Parole che hanno destato non poca confusione visto che fino a qualche giorno fa il Ministro dell’Economia smentiva categoricamente questa ipotesi. A fare chiarezza in merito è stata appunto la Catalfo, la quale ha annunciato che il nuovo reddito di emergenza sarà una misura staccata dall’attuale reddito di cittadinanza ma che per quest’ultimo è comunque in valutazione un possibile cambio dei requisiti così da incrementare la platea dei beneficiari.

Nel dettaglio, la Catalfo ha dichiarato che per il reddito di emergenza verrà dato un sostegno a tutti quei lavoratori che rischiano di restare senza alcun introito fisso a causa dell’emergenza del Coronavirus. Fortunatamente, però, grazie al reddito di cittadinanza ci sono 2,5 milioni di italiani che già percepiscono un sostegno economico; figuriamoci cosa sarebbe successo nel caso in cui anche questa fascia della popolazione non avesse avuto di cui vivere in questo momento.

Ecco perché - assicura il Ministro del Lavoro - il reddito di cittadinanza non è in discussione; non ci saranno tagli, quindi i percettori di questa misura “devono stare tranquilli”. Novità sono comunque in arrivo: dopo che verranno definiti i dettagli del reddito di emergenza, infatti, si potrà pensare all’introduzione di nuovi requisiti per il reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza: nuovi requisiti a causa della crisi economica

In una situazione come questa è importante aiutare tutte le famiglie in difficoltà”.

Queste le dichiarazioni del Ministro del Lavoro in merito alla situazione di emergenza che sta vivendo il Paese, con la quale è stato assicurato ai percettori del reddito di cittadinanza che “bisogna stare tranquilli perché non cambierà nulla”.

Nella giornata di ieri, nel corso del suo intervento ad Uno Mattina, la Catalfo ha però parlato di nuovi requisiti per il reddito di cittadinanza, ovvero di un rafforzamento e di un allargamento della platea.

Cosa significa questo? Il Ministro nella giornata di oggi ha riaperto il discorso, facendo chiarezza in merito. Nel dettaglio, questa ha spiegato che per chi già prende il reddito di cittadinanza “non cambierà nulla”. Semmai, visto questo periodo di crisi economica, si cercherà di facilitare l’accesso alla misura a più nuclei familiari ed è per questo che il Ministro del Lavoro sta pensando ad un cambio straordinario dei requisiti.

Nel dettaglio, la modifica pensata dovrebbe interessare il requisito patrimoniale, ovvero quello con cui viene escluso dalla possibilità di fare richiesta colui che ha un patrimonio immobiliare (prima casa esclusa) superiore ai 30.000,00€.

In questo modo si conta di includere un maggior numero di persone nella platea dei beneficiari del reddito di cittadinanza; ma si tratterà di un allargamento limitato nel tempo, solamente per il periodo di crisi economica così da “aiutare le imprese aumentando i consumi e la domanda aggregata”.

Per ulteriori dettagli bisognerà comunque attendere le prossime settimane, quando il come verranno cambiati i requisiti per la richiesta del reddito di cittadinanza (così come le modalità per richiedere e beneficiare del nuovo reddito di emergenza) saranno più chiare.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Reddito di cittadinanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.