Quattordicesima pensioni pagata a dicembre: in quali casi, perché e come si calcola

Simone Micocci

28 Giugno 2022 - 12:56

condividi

Quattordicesima non pagata sulla pensione di luglio: potrebbe non essere persa, ecco quando viene accreditata alla fine dell’anno.

Quattordicesima pensioni pagata a dicembre: in quali casi, perché e come si calcola

È in pagamento con il cedolino di luglio la quattordicesima mensilità per coloro che risultano titolari di pensione, hanno compiuto i 64 anni di età e soddisfano determinati requisiti legati al reddito.

A tal proposito, con la pubblicazione del cedolino di luglio nell’area personale MyInps, i pensionati possono già scoprire se hanno diritto o meno alla quattordicesima alla quale, eccezionalmente per quest’anno, si aggiunge anche un ulteriore bonus del valore di 200 euro.

Tuttavia, non per tutti la quattordicesima riconosciuta per l’anno 2022 viene pagata a luglio. Nel corso dell’anno, infatti, è prevista una seconda tranche di pagamento riservata a coloro che ne perfezionano i requisiti dopo il 1° agosto ed entro il 31 dicembre dell’anno di riferimento. In presenza di determinate circostanze, infatti, la quattordicesima - seppur per un importo ridotto - verrà caricata nel cedolino di fine anno insieme alla tredicesima.

Quando la quattordicesima viene pagata con la pensione di dicembre

Come anticipato, per avere diritto alla quattordicesima mensilità bisogna soddisfare tre differenti requisiti:

  • essere titolari di pensione (non sono ammessi i trattamenti assistenziali, mentre spetta sulle pensioni indirette di reversibilità);
  • aver compiuto 64 anni;
  • avere un reddito inferiore a 2 volte il trattamento minimo.

Per averne diritto con la pensione di luglio è necessario perfezionare i suddetti requisiti entro il 31 luglio dell’anno di riferimento. Quando invece i requisiti richiesti vengono soddisfatti a partire dall’1 agosto, ma comunque entro la fine dell’anno di riferimento, il pagamento della quattordicesima avviene nel mese di dicembre.

Questo vale, ad esempio, per coloro che compiono i 64 anni dopo il 1° agosto, oppure per chi matura il diritto alla pensione successivamente a questa data.

Per questi, a patto che soddisfino il requisito reddituale, la quattordicesima non è persa, visto che il pagamento avverrà contestualmente al cedolino di dicembre.

Quattordicesima pagata con la pensione di dicembre: quanto spetta

Per avere diritto all’importo pieno della quattordicesima, tuttavia, serve che i requisiti previsti risultino soddisfatti alla data del 1° gennaio dell’anno a cui fa riferimento la quattordicesima.

Diversamente, ad esempio per chi acquisisce il diritto alla pensione dopo il 1° gennaio, come pure per chi compie 64 anni nel corso dell’anno, l’importo della quattordicesima viene ricalcolato tenendo conto del numero di mesi in cui i suddetti requisiti risultano soddisfatti.

In tal caso, infatti, il beneficio spetta “in proporzione ai mesi di vigenza della pensione o di possesso del requisito anagrafico”. Ciò significa che viene calcolato utilizzando la seguente formula:

(Importo quattordicesima/12) * numero di mesi* in cui risultano soddisfatti i requisiti

* Nel corso dell’anno a cui riferisce la quattordicesima, quindi in questo caso nel 2022

Ad esempio, a chi compie i 64 anni solamente a dicembre, spetterà 1/12 di quattordicesima, mentre chi diventa pensionato ad agosto ne avrà diritto a 5/12.

Esempi di calcolo di quattordicesima pagata a dicembre

L’importo della quattordicesima varia a seconda di determinati fattori, quali:

  • gestione di competenza del pensionato;
  • anni di contributi versati;
  • reddito percepito.

Per il 2022, gli importi possono essere sintetizzati dalla seguente tabella:

RedditoLavoratori dipendentiLavoratori autonomiImporto quattordicesima
Inferiore a 1,5 volte il trattamento minimo
fino a 15 anni di contributi fino a 18 anni di contributi 437,00 euro
tra i 15 e i 25 anni di contributi tra i 18 e i 28 anni di contributi 546,00 euro
oltre i 25 anni di contributi oltre i 28 anni di contributi 655,00 euro
Da 1,5 a 2 volte il trattamento minimo
fino a 15 anni di contributi fino a 18 anni 336,00 euro
tra i 15 e i 25 anni di contributi tra i 18 e i 28 anni di contributi 420,00 euro
oltre i 25 anni di contributi oltre i 28 anni di contributi 504,00 euro

Tuttavia, come visto sopra, i suddetti importi vengono ricalcolati per coloro che alla data del 1° gennaio non soddisfano ancora i requisiti richiesti.

Prendiamo come esempio un pensionato che a settembre 2022 compie 64 anni di età, con un reddito annuo inferiore a 10.224,83 euro (quindi meno di 1,5 volte il trattamento minimo) e con 20 anni di contributi.

Per questo l’importo pieno della quattordicesima, a cui però avrà diritto solamente dal 2023, è di 546,00 euro; questo verrà dunque riparametrato in base al numero di mesi del 2022 in cui risultano soddisfatti i requisiti previsti, ossia per quattro sole mensilità.

Applicando la suddetta formula, ne risulta che la quattordicesima, pagata a dicembre 2022, avrà un importo pari a 182 euro.

Argomenti

# INPS

Iscriviti a Money.it