Quanto guadagna un postino di Poste Italiane?

Chiara Ridolfi

13 Aprile 2021 - 17:18

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Diamo uno sguardo a qual è lo stipendio di un portalettere di Poste Italiane e che tipo di benefit offre questo posto di lavoro.

Quanto guadagna un postino di Poste Italiane?

Lavorare come postino per Poste Italiane permette di guadagnare uno stipendio dignitoso, oltre ad arricchire il Curriculum Vitae con un’esperienza professionale per una delle più importanti aziende italiane.

Sono frequenti le offerte di lavoro di Poste Italiane, opportunità in cui, anche se per brevi periodi, si ricercano figure per la distribuzione della corrispondenza e sarà capitato a tutti di chiedersi quanto guadagni un portalettere, quali siano le sue mansioni e quali requisiti si debbano avere per svolgere questo mestiere.
Una curiosità che troverà risposta di seguito, dal momento che andremo ad approfondire qual è lo stipendio di un postino di Poste Italiane, quale differenza vi è nella retribuzione della stessa figura nel settore privato e in che modo è possibile trovare lavoro in questo ambito.

Quando guadagna un postino?

I contratti proposti da Poste italiane per questa figura professionale sono quasi sempre a tempo determinato, della durata, solitamente, di tre/quattro mesi, e la retribuzione si aggira intorno a i 1.200 euro netti fino ad arrivare a un massimo di 1.500 euro. In media la retribuzione annua per questo professionista è di 22.200 euro lordi, una cifra non altissima, ma si deve considerare che per questo lavoro non è richiesta un’elevata specializzazione.

Per lavorare come postino di Poste Italiane il requisito minimo per accedere è il diploma di scuola media superiore e il possesso di una patente di guida in corso di validità. Questo tipo di mestiere è quindi un’ottima soluzione anche per i più giovani appena diplomati che non hanno esperienza e potrebbe quindi essere una prima opportunità di carriera.
Per un giovane senza esperienza diventare un portalettere può essere non solo un ottimo modo per riuscire ad entrare in una grande azienda, ma anche una buona opportunità economica.

Quanto guadagna un postino: altre voci da considerare

Bisogna poi considerare che questi contratti prevedono una serie di benefit che si legano al tipo di contratto che viene somministrato al dipendente anche a tempo determinato. Di seguito se ne fornisce un elenco più preciso:

  • tredicesima;
  • quattordicesima;
  • buoni pasto di 5 euro;
  • maturazione di 2 giorni di ferie ogni 30 di lavoro.

Tutto questo solo per quanto riguarda un discorso meramente economico; bisognerà poi considerare i vantaggi derivanti dal lavoro in un’azienda così grande, primo fra tutti la stabilità. Anche se inizialmente si viene inseriti con un contratto a tempo determinato, infatti, ci sono diverse possibilità di avere un prolungamento del contratto. All’interno dell’azienda sarà poi possibile migliorare la propria posizione lavorativa facendo carriera in un luogo di lavoro che offre possibilità di crescita all’interno del suo organico.

Differenza di stipendio con postino privato

Per rendersi conto meglio di quanto il guadagno sia effettivamente adeguato al lavoro svolto è utile fare un paragone con le cifre guadagnate da un postino privato che difficilmente raggiunge le cifre guadagnate dai postini che lavorano per Poste Italiane.

Per fare un esempio, da quanto emerge dai portali web nei quali si confrontano i dipendenti di varie aziende un postino privato di TNT guadagna uno stipendio netto di circa 850 euro.

Sarà interessante valutare però anche gli eventuali vantaggi offerti da questa posizione: è molto più semplice per un postino privato avere un contratto a tempo indeterminato con tutti ciò che comporta.

Inoltre seppure esistono delle differenze di stipendio queste non sono notevoli e anch’egli avrà un guadagno non altissimo ma dignitoso.

Come diventare portalettere di Poste Italiane?

Per diventare postino di Poste Italiane si deve inviare la propria candidatura quando l’azienda apre una selezione. Per il 2021 ad esempio si prevedono nuovi inserimenti a tempo determinato, dato il piano di assunzioni 2018-2022 che vede la creazione di 8.000 nuovi posti di lavoro.

Una che volta che sarà stato inviato il proprio curriculum in risposta all’annuncio di lavoro si avvierà un processo di selezione sviluppato in diverse fasi:

  • come primo step i candidati con i requisiti idonei all’annuncio dovranno compilare un test online;
  • se selezionati si riceverà poi una chiamata dal reparto delle risorse umane di Poste Italiane, che indicherà l’inizio dell’iter;
  • chi sarà selezionato sarà poi chiamato per svolgere un test di logica presso l’ufficio territoriale di Poste Italiane (che potrà essere svolto anche in modalità online);
  • coloro che risulteranno idonei verranno contattati per un colloquio orale ed una prova pratica in cui dovranno mostrare la loro abilità a guidare il mezzo che gli verrà affidato per la consegna della corrispondenza.

Per avviare il processo e inviare il vostro curriculum vitae vi consigliamo di controllare la sezione Posizioni aperte del sito, in modo da conoscere i posti di lavoro disponibili al momento.

Iscriviti alla newsletter