Quanto costa il festival di Sanremo 2023: le spese e i ricavi per la Rai tra pubblicità e biglietti

Stefano Rizzuti

23 Gennaio 2023 - 15:35

condividi

Festival di Sanremo 2023, si avvicina la 73esima edizione: quali sono i costi per la Rai, a quanto ammontano i guadagni provenienti da sponsor e pubblicità e i prezzi dei biglietti.

Quanto costa il festival di Sanremo 2023: le spese e i ricavi per la Rai tra pubblicità e biglietti

Il Festival di Sanremo 2023 inizierà martedì 7 febbraio: la 73esima edizione punta a infrangere un nuovo record sul fronte dei ricavi e dei guadagni per la Rai. Intanto, in vista del Festival in molti si chiedono quanto costi realizzare un mega-evento di questo genere e quali siano le spese e i guadagni per la Rai.

Calcolare il margine di guadagno per l’azienda della televisione pubblica è difficile prima dell’inizio dell’evento. Allo stesso tempo è complicato anche conoscere le cifre precise considerando, per esempio, che ancora non sono stati svelati i cachet dei super-ospiti.

Inoltre gli investimenti necessari per realizzare Sanremo rispondono a diverse voci e bisogna considerare tutte le variabili che stanno dietro al mondo del Festival: sponsor, eventi esterni, pubblicità, collaborazioni, spese per ospiti e conduttori. Infine bisogna considerare quanto potrebbe cambiare rispetto allo scorso anno, un’edizione che è già stata da record ma che poteva contare su importanti investimenti anche grazie al grande successo di quella precedente.

I costi e il budget del Festival di Sanremo 2023

I costi del Festival vengono ammortizzati grazie a sponsor e pubblicità. Anzi in realtà la Rai ottiene importanti guadagni da Sanremo che permettono poi di finanziare altre attività della tv pubblica. Gli investimenti messi in campo riguardano gli ingaggi, la realizzazione del Festival in tutti i suoi aspetti, la scenografia, gli ospiti e tutta l’organizzazione dell’evento.

Una delle voci di spesa più importante è l’ingaggio del conduttore: nel caso di Amadeus, se dovessero essere confermate le cifre dello scorso anno, parleremmo di un compenso tra i 500 e i 600mila euro, anche se secondo alcune indiscrezioni la cifra sarebbe più bassa (350mila euro circa).

Tra gli altri ingaggi ci sono quelli di Gianni Morandi (si parla di circa 300mila euro) e i 25mila euro a serata per ognuna delle co-conduttrici, con Chiara Ferragni che raddoppierà la sua cifra partecipando a due serate. Poi ci sono gli ospiti, per cui sono previsti cachet che vanno da meno di 50mila fino a quasi 100mila euro. Infine per ogni cantante in gara sono previsti 48mila euro di rimborsi.

Per quanto riguarda i costi possiamo far riferimento alle cifre degli scorsi anni: la cifra dovrebbe essere diminuita, negli ultimi anni, da circa 18 milioni a 17,4 milioni. Il budget quest’anno potrebbe essere molto simile o leggermente inferiore (si parla di 17,3 milioni).

I ricavi per la Rai tra pubblicità e sponsor

Gran parte dei ritorni per il Festival riguarda gli investimenti pubblicitari. Nel 2022 gli introiti derivanti dalle inserzioni sono stati molto alti: si è passati dai circa 38 milioni del 2021 ai 42 dell’ultimo anno, a fronte di una spesa di 17 milioni. Quest’anno l’obiettivo è raggiungere quota 45 milioni di ricavi.

C’è poi da considerare un altro aspetto, ovvero l’aumento delle tariffe pubblicitarie pari al 15% negli ultimi due anni. Per acquistare uno spazio pubblicitario nella fascia più cara (poco prima delle 22) si vogliono fino a 370mila euro per uno spot da 30 secondi. Per un pacchetto intero, invece, si arriva a 1,7 milioni.

La vendita e i costi dei biglietti di Sanremo

Dalla scorsa edizione, inoltre, c’è stato il ritorno del pubblico in sala all’Ariston dopo il periodo pandemico. Ma quanto costano i biglietti per assistere dal vivo al Festival di Sanremo? Nelle prime quattro serate si va dai 100 euro della galleria ai 180 della platea. Per la finale si spendono 320 euro in galleria e 660 in platea. Per l’abbonamento di cinque giorni ci vogliono 672 euro in galleria e 1.290 in platea.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it