Quanto costa la dichiarazione dei redditi al Caf e al patronato

Simone Micocci

14 Maggio 2022 - 14:48

condividi

Dichiarazione dei redditi al via, molti gli italiani che decideranno di farsi aiutare da Caf e patronati. Ma qual è il costo del servizio? Ecco alcune tariffe per modello Redditi PF e 730/2022.

Quanto costa la dichiarazione dei redditi al Caf e al patronato

È tempo di dichiarazione dei redditi, per la quale molti cittadini anche quest’anno si rivolgeranno ai servizi offerti da Caf e patronati. Anche se con l’avvento della precompilata, disponibile a partire dal 23 maggio 2022, la dichiarazione dei redditi può essere presentata anche in autonomia, il numero di coloro che non volendo commettere errori preferiscono rivolgerse ai servizi di un esperto, come può essere il commercialista o appunto i centri di assistenza fiscale (Caf) e patronati, è ancora molto alto.

Tuttavia, se da una parte la dichiarazione precompilata ha il vantaggio di essere gratuita, è inevitabile che chi sceglie di avvalersi del supporto di un esperto dovrà mettere in conto una determinata spesa.

Ad esempio, effettuare la dichiarazione dei redditi al Caf ha un costo, variabile a seconda dell’ufficio al quale ci si rivolge. Solitamente Caf e patronati prevedono un tariffario d’importo variabile a seconda della complessità della dichiarazione dei redditi: ad esempio, questi tengono conto del numero di dichiaranti, come pure dei redditi e dell’entità degli oneri detraibili e deducibili.

Dichiarazione dei redditi, quando rivolgersi a caf e patronati

La dichiarazione precompilata dei redditi sarà disponibile dal 23 maggio 2022, sia per chi sceglie il modello 730 che per chi invece utilizza il modello Redditi.

A partire dal 31 maggio si possono invece modificare o integrare i dati del modello 730 precompilato, dopodiché si potrà procedere con l’invio. La modifica (quando necessaria) può essere effettuata in autonomia oppure avvalendosi del supporto di un professionista.

Tuttavia, mentre il servizio precompilato dell’Agenzia delle Entrate, con cui viene data l’opportunità ai cittadini di presentare in completa autonomia la dichiarazione dei redditi senza necessità di ricorrere all’intermediazione di un consulente fiscale, è totalmente gratuito, per chi decide di rivolgersi al CAF c’è un costo da sostenere, con il vantaggio comunque di avvalersi del supporto di un professionista e quindi limitare le possibilità di errore.

Ovviamente, per presentare la dichiarazione dei redditi avvalendosi del supporto di un intermediario bisogna portare con sé tutta la documentazione utile. In base alla documentazione in vostro possesso il CAF valuterà la complessità della pratica: come anticipato, infatti, il costo della dichiarazione dei redditi varia anche in base al tempo che verrà dedicato alla lavorazione della stessa.

Si ricorda, comunque, che in ogni caso il tempo limite per la dichiarazione dei redditi per il modello 730 è fissato al 30 settembre 2022, mentre per il modello Redditi la scadenza è prevista per il 30 novembre 2022; entro questa data, sia in autonomia che tramite il supporto di caf e patronati, bisognerà aver inviato tutta la documentazione utile ai fini della dichiarazione.

Quanto costa la dichiarazione dei redditi tramite CAF

Detto questo, vediamo quali sono i costi richiesti solitamente dai Caf alla propria clientela per la dichiarazione dei redditi tramite modello 730/2022 precompilato o modello Redditi PF. Come già spiegato, la tariffa dipende dalla complessità della pratica, come pure differisce tra clienti tesserati (ossia di coloro che pagano annualmente la tessera sindacale) e non.

Vediamo, ad esempio, le tariffe richieste dal Caaf Cgil (Lazio) sia per il servizio di dichiarazione dei redditi con modello 730 che per chi invece preferisce il modello Redditi. Costi che variano in base al reddito di chi effettua la dichiarazione dei redditi, mentre gli iscritti possono godere di un trattamento agevolato come si può vedere dalla tabella successiva.

ModelloNon iscrittiIscritti
Redditi da 0 a 10.000 euro 45 € 6 €
Redditi da 10.001 a 20.000 euro 57 € 18 €
Redditi da 20.001 a 30.000 euro 60 € 25 €
Redditi da 30.001 a 40.000 euro 65 € 25 €
Redditi oltre i 40.000 euro 70 € 30 €
Modello precompilato da 0 a 10.000 euro 23 € 8 €
Modello precompilato oltre i 10.000 euro 23 € 13 €

Per il sindacato Cisl possiamo vedere le tariffe indicate dal Caf regionale del Friuli Venezia Giulia, per il quale riportiamo la tabelle riferita ai costi della dichiarazione dei redditi con modello 730/2022.

Costi del servizio Iscritti Non iscritti
fino a € 10.000,00 € 13,00 € 20,00
da € 10.000,01 a € 20.000,00 € 17,00 € 23,00
da € 20.000,01 a € 40.000,00 € 19,00 € 24,00
oltre € 40.000,01 € 24,00 € 29,00

Queste, invece le tariffe per chi si avvale dei servizi dei Caf Uil (Regione Lazio), il quale ha reso noti i costi solamente per il servizio di dichiarazione dei redditi con modello Redditi persone fisiche.

Redditi Iscritto Non iscritto
fino a 15.000€ 19,50€ (con F24) 35,00€ (con F24)
oltre i 15.000€ (solo quadri da Fasc. 1) 21,00€ (con F24) 50,00€ (con F24)
oltre i 15.000€ (presenza quadri Fasc. 2-3) 29,50€ (con F24) 55,00€ (con F24)
predisposto dal contribuente (solo invio AE) 12,00€ 15,00€

Questi i costi dei caf rappresentativi dei tre sindacati confederati. Analizzando anche le tariffe degli altri CAF, possiamo dire che il costo per la dichiarazione dei redditi intermediata va dai 30,00€ ai 120,00€, con riduzioni che vanno dal 30% al 70% per gli iscritti.

Iscriviti a Money.it