Francia bloccata, i gilet gialli invadono le strade: una vittima

2000 i blocchi stradali in Francia da parte dei gilet gialli, che protestano per i rincari della benzina. Una manifestante è stata investita e uccisa

Francia bloccata, i gilet gialli invadono le strade: una vittima

124 mila manifestanti, armati di gilet gialli, hanno invaso le strade francesi per protestare contro il caro-carburante. 2000 sono i blocchi stradali, contro i 1500 previsti. Una manifestante è stata investita e uccisa da un’auto che ha tentato di forzare il muro umano.

Traffico paralizzato in molte zone della Francia, e il passaggio di mezzi pesanti attraverso il traforo del Monte Bianco è stato temporaneamente chiuso. Nel pomeriggio le forze di polizia hanno lanciato lacrimogeni per sgomberare i gilet gialli che ostruivano completamente l’accesso al tunnel.

L’azione dei manifestanti consiste essenzialmente nel piantarsi in mezzo alle strade, facendosi notare dalle vetture in corsa appunto grazie ai giubbini fluorescenti ad alta visibilità. Oppure vanno in auto molto lentamente, in modo da bloccare comunque il traffico.

Una vittima fra i gilet gialli

Una situazione tesa sin dalla mattina, quella francese. Una donna, in Savoia, stava portando in auto la figlia piccola dal medico, quando si è trovata circondata dai manifestanti, che avrebbero cominciato a dare colpi sulla vettura. Presa dal panico, la donna ha accelerato, travolgendo e uccidendo una delle manifestanti. Al momento è ancora sotto shock e in stato di fermo.

A riferirlo è il ministro dell’Interno Christophe Castaner, secondo il quale da Nord a Sud della Francia ci sono diversi feriti, fra cui un poliziotto.

Ma la situazione resta tesa anche in queste ore. Centinaia di giubbini gialli hanno invaso gli Champs-Elysées, con l’intenzione di portare la protesta all’Eliseo, al presidente Emmanuel Macron.

Le ragioni della protesta

Quella dei «gilets jaunes» è una mobilitazione nata sui social media, dopo che sono state ottenute 800 mila firme per una petizione contro l’aumento dei prezzi di benzina e diesel. Ma le rivendicazioni, più in generale, si estendono alla politica del governo, alla tassazione e alla caduta del potere d’acquisto.

Secondo alcuni commentatori l’origine della protesta non è però totalmente spontanea. Dietro le quinte ci sarebbe infatti Debout la France, partito sovranista di estrema destra sostenitore del Rassemblement National, l’ex Fronte Nazionale capitanato da Marine Le Pen.

Argomenti:

Francia Benzina

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Francia

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories