Sentenza Juventus in diretta: riaperto il procedimento sportivo, 15 punti di penalizzazione

Simone Micocci

20/01/2023

20/01/2023 - 21:29

condividi

La Juventus è stata sanzionata con 15 punti di penalizzazione: la Corte Federale ha accolto l’istanza per revocazione del processo plusvalenze, presentata dalla procura Figc.

Sentenza Juventus in diretta: riaperto il procedimento sportivo, 15 punti di penalizzazione

La Corte Federale D’Appello ha deciso, dopo la richiesta della procura della Figc, di riaprire un procedimento sportivo ai danni della Juventus. La Corte, nonostante la procura aveva richiesto una penalità di 9 punti, ha deciso per il pugno duro, punendo i bianconeri con 15 punti di penalizzazione da scontare in questo campionato. Sanzioni anche per i dirigenti: inibiti Paratici (2 anni e mezzo), Agnelli e Arrivabene (2 anni ciascuno), Cherubini (1 anno e 4 mesi) e Nedved (8 mesi).

Prosciolte, invece, le altre squadre. Per Sampdoria, Empoli, Genoa, Parma, Pisa, Pescara, Novara e Pro Vercelli, per le quali l’accusa aveva chiesto multe e inibizioni, quindi senza penalizzazione, non ci sarà un nuovo processo.

Adesso i legali della Juventus potranno difendersi facendo appello alla Corte di Garanzia del Coni. Nel dettaglio, una volta che arriveranno le motivazioni della sentenza, entro i prossimi 10 giorni, la Juventus avrà 30 giorni di tempo per fare ricorso al Coni.

Maxi penalizzazione per i bianconeri

La Juventus è stata penalizzata, già in questo campionato, di 15 punti.

Riaperto il processo sportivo ai danni della Juventus

La Corte Federale d’Appello ha deciso in favore della riapertura del processo sportivo ai danni della Juventus. Si fa sempre più concreta, quindi, la possibilità di una penalizzazione per la Juventus, con la richiesta della Procura che è di 9 punti. Prosciolti tutti gli altri club.

Sentenza attesa a momenti

Secondo Gazzetta dello Sport, la sentenza dovrebbe arrivare a momenti.

Tempi lunghi, ma sentenza attesa in serata

Nonostante tutto la sentenza dovrebbe arrivare in serata. Ricordiamo che non si deciderà in merito ai 9 punti di penalizzazione e alle altre richieste di condanna avanzate dal procuratore sportivo, ma solamente se riaprire o meno il processo.

Nuovi dettagli sulla difesa della Juventus

Come riporta Ansa, la difesa della Juventus ha risposto alla ricostruzione dell’accusa, secondo cui le plusvalenze sono state un sistema per coprire le perdite, facendo notare che i 60 milioni di euro contestati rappresentano solamente il 3,6% dei ricavi.

Le sanzioni per gli altri club

Come anticipato, per gli altri club coinvolti la sanzione richiesta dal procuratore è molto meno severa. Ad esempio per la Sampdoria è stata richiesta l’inibizione di 12 mesi per Massimo Ferrero, e 8 mesi e 20 gorni per Ienica. All’Empoli, invece, 11 mesi e 15 giorni per Corsi; e ancora 6 mesi e 10 giorni per Preziosi e 10 mesi e 15 giorni per Zerbano del Genoa.

Quando arriverà la sentenza?

Attenzione: non è scontato che una decisione arrivi già nella giornata di oggi. In questo momento, infatti, sono ancora in corso le arringhe della difesa dei club coinvolti, quindi il rischio è che si andrà per le lunghe.

La difesa della Juventus

Tutte le società coinvolte sostengono l’inammissibilità del ricorso. La Juve compresa, come tra l’altro ribadito con una mail di risposta a Report (che nei giorni scorsi ha mandato in onda un servizio su quanto sta succedendo): “Confidiamo che il ricorso per revocazione sia dichiarato inammissibile o comunque respinto”. Secondo le memorie difensive presentate dagli avvocati dei bianconeri, infatti, non ci sarebbero gli elementi per accogliere il ricorso.

Che succese se il processo verrà riaperto?

Semmai la Corte dovesse dare il via libera al ricorso presentato dalla Procura, valutando quindi come rilevanti i nuovi elementi emersi dall’indagine Prisma, allora il processo sportivo verrebbe riaperto. Ciò però non significa che automaticamente la Juve verrà penalizzata con 9 punti in classifica, in quanto sarà il giudice a dover decidere in merito.

Sarà la Corte Federale a decidere

Per valutare se ci sono gli estremi per una condanna sportiva ai danni della Juventus, e delle altre società interessate, bisognerà però riaprire il processo. A tal proposito, sarà la Corte Federale a decidere: in questo momento è riunita in Camera di consiglio e nelle prossime ore dovrebbe sciogliere le riserve sul da farsi.

Cosa rischia la Juventus

Dopo una dura requisitoria il procuratore Giuseppe Chinè ha chiesto 9 punti di penalizzazione per la Juventus, oltre all’inibizione per i dirigenti coinvolti: 20 mesi e 10 giorni per Paratici, 16 mesi per Agnelli, 12 mesi per Nedved, Garimberti e Arrivabene, 10 mesi e 20 giorni per Cherubini (fonte Sky Sport).

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO