Previdenza complementare: necessità fa rima con opportunità

Redazione

4 Dicembre 2020 - 13:14

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Grazie ad un’ampia offerta di soluzioni, quella della previdenza complementare oggi rappresenta una necessità in grado di fornire importanti benefici. Ma, come ci ricorda Simone Sonzogni di FinecoBank, il timing è fondamentale.

Previdenza complementare: necessità fa rima con opportunità

Nonostante costruire un secondo pilastro pensionistico rappresenti una necessità, spesso si tende a sottovalutare l’importanza di una copertura previdenziale complementare.

Aderire ad un piano previdenziale complementare garantisce la possibilità di ottenere una pensione che andrà ad aggiungersi a quella corrisposta dalla previdenza obbligatoria e, nell’immediato, garantisce importanti benefici fiscali.

Ma, come sa bene chi opera sui mercati, il timing rappresenta un fattore particolarmente importante: occorre iniziare a pensare presto ad una pensione complementare in modo tale da avere a disposizione, al momento del ritiro dal mondo del lavoro, una prestazione integrativa che consenta un tasso di sostituzione (il rapporto tra l’ultima retribuzione e l’importo della pensione) capace di garantire il proprio tenore di vita.

Di questo, e di altri aspetti relativi la previdenza complementare, ne abbiamo parlato con Simone Sonzogni, Head of Investing Platform di FinecoBank.


Simone Sonzogni, Head of Investing Platform di FinecoBank

Perché è importante pensare a un fondo previdenziale fin da giovani? Soprattutto se è un giovane lavoratore che ha davanti a sé una lunga vita professionale?

Nonostante per un giovane la pensione sia un qualcosa che si realizzerà tra molto tempo è fondamentale iniziare a pensarci prima possibile per due ragioni: la prima, è che quello che si riesce a mettere da parte inizialmente, viene rivalutato più a lungo e quindi potremmo dire che “vale” di più. La seconda ragione è che più passa il tempo, più aumenta il gap tra ultimo stipendio e pensione. Per evitare quindi di ritrovarsi domani con un assegno pensionistico non sufficiente a mantenere il proprio stile di vita occorre pensare fin da subito a come integrarlo, sfruttando al meglio le peculiarità di un fondo che abbina l’aspetto previdenziale a quello dell’investimento di lungo periodo.

Quali difficoltà e riottosità incontrate quando vi confrontate con un cliente e parlate di pensioni integrative?

I principali dubbi che raccogliamo dai nostri clienti sono strettamente collegati alla poca conoscenza di questo prodotto, sia in termini di vantaggi fiscali sia in termini di pianificazione finanziaria che sappiamo in Italia essere carente. Tutto questo purtroppo è amplificato all’abbassarsi dell’età media in quanto notoriamente questi temi sono poco attraenti per le giovani generazioni. Come Fineco cerchiamo di colmare questo gap attraverso webinar, contenuti sul sito e approfondimenti tramite email volti ad approfondire e semplificare la spiegazione di questo tema. A queste attività si somma l’intervento e la professionalità dei nostri consulenti finanziari, preparati per proporre le migliori soluzioni anche su aspetti come la previdenza.

Core Pension diventa ESG e totalmente attivabile online. Ce lo vuole raccontare?

Da sempre Fineco è attenta a cogliere i trend di mercato per poter offrire le migliori soluzioni d’investimento. In questo caso la collaborazione con Amundi ha portato a rendere le 5 strategie d’investimento, tra cui il cliente può scegliere, coerenti con i criteri ESG dimostrando massima attenzione al sempre più attuale tema della sostenibilità. Contemporaneamente, in linea con la nostra natura digitale, abbiamo reso questo prodotto accessibile a tutti i clienti che con pochi click possono sottoscriverlo in autonomia dalla propria home banking, semplificando così al massimo un processo di sottoscrizione notoriamente molto laborioso.

Quali sono i prossimi passi?

In questo ambito, il nostro obiettivo rimane quello di continuare ad informare e supportare i clienti nel prendere la miglior decisione riguardo alla loro pianificazione previdenziale. Renderemo disponibile sul sito uno strumento che consentirà di calcolare l’effettivo gap previdenziale. Chiunque, inserendo i dati riguardanti la propria situazione professionale, potrà visualizzare immediatamente l’ammontare necessario per mantenere costante il proprio reddito durante la pensione. Un modo per essere ancora più consapevoli dell’importanza di pianificare il proprio futuro.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories