Reddito di cittadinanza: Conte, rinviato perché vogliamo fare le cose per bene

Il reddito di cittadinanza è stato rinviato perché l’esecutivo vuole fare le cose per bene e quota 100 assicurerà il ricambio generazionale. È quanto ha detto il premier Giuseppe Conte nel corso di un evento a Roma.

Reddito di cittadinanza: Conte, rinviato perché vogliamo fare le cose per bene

Il reddito di cittadinanza è stato rinviato perché il governo vuole fare le cose per bene. È quanto ha detto il premier Giuseppe Conte nel corso degli Stati generali dei consulenti del lavoro.

Si tratta di una “riforma complessa, che studiamo da mesi, e che vogliamo fare per bene".

Il provvedimento non rappresenta una concessione elettorale «è un manifesto di questo governo».

Quota 100 garantirà ricambio generazionale

Per quanto riguarda l’altro pilastro del governo gialloverde, la riforma delle pensioni, quota 100 (l’accesso anticipato alla pensione con 62 anni di età e 38 di contributi) non è solo funzionale al superamento della Fornero, ma anche, e soprattutto, per assicurare ricambio generazionale.

“Posso dire che Eni, e non è la sola, mi ha anticipato nel 2019 per un lavoratore che esce ne saranno occupati due/tre", ha detto Conte.

Nuovo vertice con partecipate

Il premier ha inoltre annunciato che tra fine gennaio e inizio febbraio sarà convocato un nuovo vertice con le società partecipate dallo Stato.

«Le aziende di Stato sono passate a Palazzo Chigi ma non invano, perché hanno lasciato sul tavolo 13 miliardi di investimenti aggiuntivi».

«Per il governo la strada per la crescita è determinata, la stiamo percorrendo con convinzione e con determinazione».

Iscriviti alla newsletter

Argomenti:

Italia Giuseppe Conte

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.