Portafoglio del Martedì: rendimento stabile sopra il 100%, operativo il deal su Enel

Luca Fiore

12 Ottobre 2021 - 15:39

condividi

Nell’ultima settimana il rendimento del nostro portafoglio di investimento si è confermato sopra il 100%. L’investimento sulle azioni Enel è divenuto operativo.

Portafoglio del Martedì: rendimento stabile sopra il 100%, operativo il deal su Enel

Il rendimento del nostro portafoglio di investimento realizzato con i Turbo Certificates di UniCredit, nell’ultima settimana si è confermato sopra quota 100 punti percentuali.

Inserito sette giorni fa, l’investimento sul titolo Enel è divenuto operativo andando ad aggiungersi alle operazioni su Banco BPM, sul titolo Moncler e sulle azioni Leonardo.

Portafoglio di investimento: la situazione generale

Messa da parte l’emergenza sanitaria, anche se la fine della pandemia non sembrerebbe così vicina, i riflettori degli operatori sono puntati sui prezzi delle commodity energetiche.

Se per ora la disponibilità russa a riequilibrare il mercato ha garantito un allentamento delle tensioni, il Vecchio continente si è “improvvisamente” scoperto indifeso dal punto di vista energetico. L’incremento dei costi di produzione, insieme alle “distruption” sul lato dell’offerta ed al rallentamento della crescita cinese, sembrerebbero in grado di impattare sull’output industriale e quindi andare ad incidere sulla ripresa post-Covid.

Situazione ancora più difficile, come già visto nell’ultimo numero de Il Portafoglio del Martedì, nel Regno Unito che, causa la Brexit, registra maggiori difficoltà nell’approvvigionamento di componenti e dove lo “shortage” di manodopera, e quindi le spinte rialziste ai salari, è più accentuato.

Con l’inflazione che nei prossimi mesi potrebbe salire fino al 6%, l’intervento della Bank of England minaccia la ripresa dell’economia dando il via ad una fase di stagflazione (stagnazione dell’attività economica più inflazione).

Alla fine l’istituto guidato da Andrew Bailey potrebbe seguire l’esempio della Banca Centrale Europea, che sembrerebbe intenzionata ad ignorare il picco nei prezzi dell’energia per aiutare a generare effetti secondari.

Situazione differente negli USA, dove gli investimenti degli ultimi decenni hanno permesso al Paese di diventare sostanzialmente autonomo dal punto di vista energetico.

Meno tranquilla la situazione per quanto riguarda il mercato del lavoro: le statistiche mensili rilasciate dal DOL (Department of Labor) hanno evidenziato un calo del tasso di disoccupazione maggiore delle stime ma, al contempo, la crescita delle buste paga è stata inferiore alle 200 mila unità. Quello delle 200 mila unità era la soglia che alla vigilia gli analisti ritenevano in grado di spingere il board della Federal Reserve a rinviare l’avvio del processo di riduzione progressiva degli stimoli straordinari (c.d. “tapering”).

Quella corrente è la settimana dell’inizio della stagione delle trimestrali USA. I numeri del Q3 saranno passati al setaccio per capire come sono stati gestiti i problemi alle catene di approvvigionamento delle aziende e conoscere le loro stime sul prossimo esercizio. Gli analisti si attendono una crescita degli utili del 27% annuo.

Portafoglio del Martedì: investimento su Enel è operativo

Nell’ultima settimana, la volatilità registrata dal listino italiano ha fatto perdere un po’ di verve al nostro investimento sul titolo Banco BPM (DE000HV8B1D8). Attualmente i corsi stanno testando la media mobile a 100 giorni (MM100), che la settimana scorsa sembrava superata.

Azioni Banco BPM, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Impostazione migliore per l’investimento su Moncler (DE000HV4M442), anche se nelle prossime sedute potremmo assitere a qualche presa di beneficio dopo i recenti rialzi.

Azioni Moncler, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Situazione simile per il deal sulle azioni Leonardo (DE000HV4KHQ7): ben impostato in vista di futuri rialzi ma forse bisognoso di riprendere fiato.

Azioni Leonardo, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

L’ultimo investimento divenuto operativo, quello sulle azioni Enel (DE000HV4FBW8), ha raggiunto il punto di ingresso giovedì scorso.

Azioni Enel, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

L’andamento del titolo della società guidata da Francesco Starace si conferma altalenante anche se il gap ribassista aperto in avvio di settimana (6,857-6,829 euro) potrebbe agevolare una risalita dei corsi.

La posizione è stata avviata a 6,8 euro con target 7,15 e stop loss a 6,4 euro.

I prodotti e le rispettive leve sono stati selezionati alle 15 del 12 ottobre 2021. Le strategie si considerano valide se i prezzi toccano il punto di entrata prima del take profit o dello stop loss.

Iscriviti a Money.it