Porsche Taycan GTS: oltre 500 km di autonomia per la berlina elettrica sportiva

Marco Lasala

3 Gennaio 2022 - 10:26

condividi

Due motori elettrici, trazione integrale e un’autonomia che supera i 500 chilometri: la Porsche Taycan GTS è una berlina elettrica fuori dal comune.

Porsche Taycan GTS è una berlina elettrica ad alte prestazioni. Ha un’autonomia che supera i 500 chilometri, due motori elettrici, uno sull’asse anteriore e uno su quello posteriore, e performance simili alla potentissima e inarrivabile Turbo S.

Porsche Taycan GTS è in vendita a un prezzo di listino che parte da 137.231 euro (la GTS Sport Turismo parte da 138.207 euro).

Al fine di aumentarne l’efficienza e conseguentemente l’autonomia, in condizioni di guida normale, quando si viaggia in modalità “Normal” e “Range”, il motore elettrico anteriore è quasi totalmente “spento”, sganciato e disattivato fino a quando il conducente non richiede piena potenza e carico. Quando si viaggia in autostrada e si veleggia, la coppia motrice non viene applicata su nessuno dei due assi, l’assenza di ogni impulso elettrico riduce la perdita di coppia.

Porsche Taycan GTS: la berlina elettrica da 250 km/h

Porsche Taycan GTS Porsche Taycan GTS

Le sue prestazioni sono indiscutibilmente elevate, se non fosse per la presenza in gamma della Turbo S da oltre 760 cavalli, questa Gran Turismo Sportiva si potrebbe posizionare sicuramente come versione top di gamma perché grazie anche all’overboost, la coppia di motori elettrici sprigiona una potenza complessiva di 598 cavalli per uno 0 - 100 km/h in soli 3,7 secondi e una velocità massima, limitata elettronicamente, di 250 km/h.

La batteria Performance Battery Plus da 93,4 kW è di serie, la GTS ha un’autonomia nel ciclo WLTP di 504 chilometri con una potenza di recupero massima di 275 kW.

Le sospensioni pneumatiche adattive coadiuvate dal sistema Porsche Active Suspension Management (PASM) sono specifiche per questo modello, optional l’asse posteriore sterzante che prevede anche un assetto ancora più sportivo.

Il Porsche Electric Sport Sound emula il sound di un motore endotermico, sottolineando il carattere sportivo della GTS. Fanno parte del completo equipaggiamento di serie anche il pacchetto Sport Chrono e il cronometro, sul volante sportivo multifunzione è presente l’interruttore Mode che consente al pilota di selezionare diverse modalità di guida:

  • Range;
  • Normal;
  • Sport;
  • Sport Plus;
  • Individual.

Rispetto alle altre versioni della Taycan, a eccezione della Turbo, la modalità Sport è stata espressamente studiata per offrire le miglior performance possibili, su strada e in pista.

Porsche Taycan GTS Porsche Taycan GTS

Porsche Taycan GTS: un look da Turbo

Una carrozzeria aggressiva, numerosi i dettagli neri che ne caratterizzano l’estetica tra cui:

  • supporti specchi retrovisori esterni;
  • modanature cristalli laterali;
  • minigonne;
  • estrattore aria posteriore.

I cerchi da 20 pollici con design Taycan Turbo S Aero Design verniciati in nero satinato lucido sono di serie, optional quelli da 21 pollici con design RS Spider in nero satinato. Il pacchetto Sport Design fa parte della dotazione standard e include i gruppi ottici a LED con tecnologia Porsche Dynamic Light System Plus.

Porsche Taycan GTS Porsche Taycan GTS

Nell’abitacolo numerosi i dettagli che rendono ancora più esclusiva questa versione, i sedili sportivi adattivi Plus anteriori con regolazione elettrica e funzione memory, le finiture in alluminio spazzolato anodizzato in nero e il cielo della vettura in Race-Tex contribuiscono a rendere l’atmosfera interna ancora più coinvolgente.

A partire dai model year 2022 è disponibile l’app Porsche Track Precision oltre che sulla Taycan anche sulla Cayenne e Panamera quattro porte dotate del Porsche Communication Management di sesta generazione.

Si tratta di una applicazione che offre una serie di funzioni aggiuntive che consentono al pilota di analizzare attentamente una serie di parametri tra cui:

  • performance di guida: angolo di sterzata, pressione di frenata, posizione del pedale dell’acceleratore, informazioni ottenute attraverso i vari sensori presenti sulla vettura;
  • analisi video: durante le sessioni in pista è possibile utilizzare uno smartphone o una action cam per registrare un video, integrandolo successivamente con i dati di guida;
  • registrazione automatica del tempo sul giro tramite i dati forniti dal GPS;
  • indicazioni in tempo reale durante la guida in circuito;
  • condivisione sui social network dei risultati di guida.

Argomenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it