Pirelli: ecco i conti 2018, centrati tutti i target operativi

Pirelli ha presentato i conti 2018: target raggiunti e previsioni di crescita per il 2019. Il titolo prima soffre, poi si riprende.

Pirelli: ecco i conti 2018, centrati tutti i target operativi

Pirelli altalenante stamattina a Piazza Affari, dopo la pubblicazione dei conti del 2018 avvenuta ieri.

Dopo un’inizio di seduta in rosso, al momento della scrittura il titolo viaggia a 6,04 euro con un rialzo dello 0,90%.

I conti del gruppo specializzato nella produzione di pneumatici sono piuttosto positivi, ma gli analisti di Equita hanno comunque rivisto le stime su 2019 e 2010 apportando un taglio medio del 2%.

Pirelli ha annunciato anche che nel corso dell’anno presenterà un nuovo piano industriale al 2022.

I conti Pirelli

Nella giornata di ieri Pirelli ha annunciato di aver raggiunto tutti gli obiettivi fissati per il 2018. In particolare i ricavi si sono attestati a 5,194 miliardi di euro segnando un +3,7% a livello organico, con quelli ad alto valore in aumento del 10,3% grazie al rafforzamento in tutte le regioni.

Il segmento High Value rappresenta oggi il 63,7% dei ricavi complessivi, a fronte di un peso del 57,5% registrato al 31 dicembre 2017. Anche i volumi ad alto valore sono in aumento dell’11%, con un miglioramento delle quote di mercato sul Car New Premium.

Lo scorso esercizio del gruppo italiano si è chiuso, inoltre, con un utile operativo adjusted in crescita del 9% a 955 milioni di euro rispetto ai 876,4 milioni di euro dell’anno precedente, mentre il margine Ebit rettificato si è portato dal 16% del 31 dicembre 2017 al 18,4% a fine 2018, toccando il 20,1% nel solo quarto trimestre.

Posizione finanziaria e investimenti

Pirelli ha anche annunciato che la posizione finanziaria netta è negativa per 3,13 miliardi di euro, in miglioramento sia rispetto ai 4 miliardi del 30 settembre scorso che ai 3,2 miliardi di fine 2017.

“La Posizione finanziaria netta alla fine del 2018 comprende circa 140 milioni di euro costituiti da anticipi su investimenti finanziari nell’IC in Cina e il rallentamento / ristrutturazione in Brasile da recuperare tra oggi e il 2020”

ha spiegato la società.

Sul fronte degli investimenti, Pirelli ha messo sul piatto circa 463,4 milioni di euro “destinati principalmente alla crescita di High Value e al miglioramento del mix e della qualità”. Le risorse investite nel 2017 erano state leggermente superiori e pari a 489,4 milioni di euro.

Nel 2018, infine, il gruppo ha speso il 4,2% delle vendite pari a 219 milioni di euro per ricerca e sviluppo. Di questa cifra ben 202,9 milioni sono stati indirizzati alla realizzazione di attività ad alto valore.

Le previsioni 2019

Alla luce dei conti 2018, Pirelli nel 2019 stima una crescita dei ricavi tra il 4% e il 6%, con un miglioramento del peso dell’High Value intorno al 67%.

Per la società, dovrebbe migliorare anche la redditività: si attende un margine Ebit rettificato a circa il 19%.

Per la fine dell’anno in corso, inoltre, Pirelli prevede che il rapporto tra posizione finanziaria netta e margine operativo lordo rettificato prima dei costi di avviamento sarà pari a 2,1 volte, rispetto 2,49 volte di fine 2018.

In base alla guidance di Pirelli che risulta leggermente inferiore alle previsioni, gli analisti di Equita hanno ridotto in media del 2% le stime 2019 e 2020 sull’ebit sull’ebit adjusted e del 3% sull’utile netto.

Tagliato anche il target price a 7,9 euro (-2%), anche la raccomandazione sul titolo resta “buy”.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Pirelli

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.