Pierrel esce dalla black list di Consob e vola in Borsa

Francesca Caiazzo

24 Maggio 2019 - 10:54

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il gruppo non è più soggetto all’obbligo di informativa mensile sulla situazione economico-patrimoniale.

Pierrel esce dalla black list di Consob e vola in Borsa. Il titolo del fornitore globale dell’industria farmaceutica in mattinata ha segnato un rialzo a doppia cifra e al momento della scrittura scambia in rialzo del 7,29% a 0,184 euro.

L’annuncio di non dover più comunicare mensilmente la propria situazione economico-patrimoniale alla Consob, dunque, è stata ben accolta dai mercati.

Va segnalato che da inizio anno Pierrel ha guadagnato circa il 32%.

Pierrel fuori dalla black list di Consob

La notizia è stata diffusa dallo stesso gruppo di Capua attraverso una nota stampa in cui si legge che la Consob

“in considerazione del superamento delle condizioni di crisi aziendale, ha disposto il venir meno degli obblighi di informativa mensile relativi alla situazione economico-patrimoniale e finanziaria del gruppo Pierrel ai sensi dell’art. 114, comma 5, del D. Lgs. n. 58/98”.

Una notizia importante che esonera d’ora in poi la società dagli obblighi cui sono invece tenuti gli operatori inseriti nella cosiddetta black list.

“La comunicazione ricevuta in data odierna da Consob rappresenta un altro auspicato traguardo che rafforza il nostro entusiasmo e la nostra determinazione per continuare a dare esecuzione al piano di espansione aziendale approvato dal Consiglio di Amministrazione”

ha commentato Fulvio Citaredo, amministratore delegato del gruppo Pierrel.

Le richieste della Consob

Nel comunicato, la società fa sapere che la Consob ha richiesto a Pierrel di diffondere, a partire dalla prossima relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2019, alcune informazioni integrative.

La documentazione dovrà riguardare, in particolare, la posizione finanziaria netta, le posizioni debitorie scadute ripartite per natura e connesse eventuali iniziative di reazione dei creditori, le variazioni intervenute nei rapporti con parti correlate e l’eventuale mancato rispetto dei covenant, dei negative pledge e di ogni altra clausola dell’indebitamento del gruppo.

Consob chiede anche di informare sullo stato di implementazione del Piano Industriale 2019-2021 approvato lo scorso 20 marzo.

Superata la crisi

La notizia è stata premiata a Piazza Affari dove il titolo Pierrel ha spiccato il volo. Il gruppo, specializzato nella produzione di specialità farmaceutiche e nello sviluppo, registrazione e licensing di nuovi farmaci e dispositivi medici, si lascia dunque alle spalle la crisi aziendale.

Ciò significa che le operazioni di risanamento e rafforzamento patrimoniale completati nel corso dell’esercizio 2018 hanno funzionato, dando i risultati attesi.

Ricordiamo che il Gruppo Pierrel opera da 60 anni nel settore farmaceutico ed è uno dei principali produttori europei di anestetici locali e dentali.

Uscita dalla black list di Consob, Pierrel sarà ora in grado di continuare a crescere e rafforzarsi sul mercato, come auspicato da Citaderedo?

Argomenti

# Italia
# Consob

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories