Perché Warren Buffett scommette ancora su gas e petrolio

Violetta Silvestri

27 Luglio 2023 - 12:38

Buffett continua a puntare sui combustibili fossili: perché il miliardario investe in gas e petrolio? Tutto quello che c’è da sapere sulle sue ultime mosse nel settore energia.

Perché Warren Buffett scommette ancora su gas e petrolio

Le ultime mosse di Warren Buffett hanno sorpreso gli investitori per la fiducia che il miliardario sta ancora riponendo sul settore energetico dei combustibili fossili.

Nello specifico, gli acquisti multimiliardari di investimenti in petrolio e gas da parte del più seguito al mondo tra gli investitori all’inizio della pandemia hanno dato i loro frutti quando il settore ha realizzato guadagni record nel 2022. Tuttavia, invece di svenderli per un enorme profitto quest’anno, l’Oracolo di Omaha vuole di più.

Berkshire Hathaway sta sfruttando il calo dei prezzi delle materie prime di quest’anno per puntare su alcuni degli investimenti di petrolio e gas preferiti da Buffett, dimostrando che l’investitore più famoso della storia vede opportunità in un settore a lungo sfavorito a causa della sua volatilità e degli effetti sul clima.

Buffett insiste su gas e petrolio: dove ha investito?

All’inizio di questo mese, Berkshire ha accettato di spendere 3,3 miliardi di dollari per aumentare la propria partecipazione in un terminale di esportazione di gas naturale liquefatto nel Maryland.

Quest’anno ha anche aumentato la sua partecipazione in Occidental Petroleum Corp. del 15% e ha acquistato più azioni in cinque commercianti di materie prime giapponesi.

Nel frattempo, la divisione energetica del Berkshire sta facendo pressioni per un disegno di legge che vedrebbe il Texas spendere almeno 10 miliardi di dollari in centrali elettriche alimentate a gas naturale per sostenere la propria rete.

Da un lato, è la classica caccia all’affare di Buffett e del vicepresidente del Berkshire Charlie Munger come evidenziato da un’analisi di Bloomberg.

Le persistenti preoccupazioni per le prestazioni ambientali, sociali e di governance del settore, gli scarsi rendimenti pre-pandemici e il rischio di un calo della domanda di combustibili fossili nei decenni a venire hanno inasprito molti investitori del settore.

L’energia viene scambiata alla valutazione prezzo/utili più bassa di qualsiasi settore dell’indice S&P 500, secondo i dati compilati da Bloomberg. Tuttavia, genera anche il maggior flusso di cassa per azione.

In generale, come osservato da Cole Smead, amministratore delegato di Smead Capital Management, che gestisce 5,4 miliardi di dollari, comprese le azioni Berkshire e Occidental, la sete mondiale di energia, sia fossile che rinnovabile, è insaziabile, anche se la crisi climatica sta accelerando.

Sia le temperature che la domanda di petrolio stanno raggiungendo livelli record quest’anno e sono pronte a continuare a salire per il resto di questo decennio. Le preoccupazioni ambientali potrebbero aver spinto altri a evitare l’energia, ma potrebbero anche aver lasciato la porta aperta a Buffett per trarne profitto.

Le sfumature negli investimenti in gas e petrolio dell’Oracolo di Omaha, comunque, non mancano.

Attenzione a questi dettagli sugli investimenti di Buffett

La scommessa sui combustibili fossili di Buffett non può prescindere da alcune valutazioni, come sottolineato in una analisi di Bloomberg.

Mentre Berkshire rimane il terzo maggiore azionista di Chevron Corp., ha tagliato la sua partecipazione di circa il 21% nel primo trimestre.

Per quanto riguarda invece Occidental, Cove Point LNG e i giganti del commercio giapponese hanno tutti risorse uniche che giocheranno un ruolo chiave nell’alimentare il mondo, indipendentemente dal percorso che prenderà la transizione energetica.

Anche gli investimenti apparentemente diretti del Berkshire nel petrolio hanno le loro sottigliezze. Buffett ha investito 10 miliardi di dollari per aiutare Occidental a battere Chevron in una guerra di offerte per Anadarko Petroleum Corp. nel 2019, e la società ora possiede un’area delle dimensioni della Giamaica nel giacimento di petrolio di scisto più grande e più economico del mondo.

All’incontro annuale di quest’anno, Buffett ha sottolineato come lo scisto sia diverso dalle tradizionali fonti di greggio in Russia e Medio Oriente. I pozzi di scisto, che costituiscono la maggior parte della produzione statunitense, possono essere avviati rapidamente e hanno una durata di vita breve, rendendo gli operatori più flessibili nel rispondere alla domanda e ai prezzi del petrolio.

Inoltre, Cove Point LNG fornisce un altro esempio di gioco energetico complesso. La struttura acquista il gas dal vicino scisto Marcellus e lo raffredda in un liquido prima di spedirlo in tutto il mondo. Ha anche la rara capacità di importare gas, qualcosa che le centrali rivali sulla costa del Golfo non possono fare.

La domanda globale di Gnl è aumentata notevolmente negli ultimi anni, poiché l’Europa ha sostituito il gas russo, l’Asia lo utilizza per generare più energia per le sue economie in crescita e i Paesi cercano alternative più pulite al carbone.

Tuttavia, Cove Point ha anche diversi vantaggi unici. In contrasto con i numerosi progetti multimiliardari lungo la costa del Golfo che sono stati approvati dall’invasione russa dell’Ucraina, Cove Point è ben consolidato, essendo operativo dal 2018. Si trova nel Maryland, sulla costa orientale, dove le leggi rendono difficile la costruzione di strutture rivali, riducendo la concorrenza. Fondamentalmente, è sostenuto da contratti a lungo termine con acquirenti tra cui Tokyo Gas Co. e Sumitomo Corp. E Berkshire è il secondo maggiore azionista di Sumitomo dopo il fondo pensione del governo giapponese.

Nel puntare su petrolio e gas, quindi, Buffet si dimostra ancora una volta un abilissimo investitore con il fiuto per il business.

Da non perdere su Money.it

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.