Pensioni, partono i controlli dell’INPS: ecco per chi. Le date

Pensioni: partono i controlli di INPS sulla base di un calendario specifico per verificare l’esistenza in vita dei pensionati all’estero. Vediamo quali sono le date e le modalità di attestazione.

Pensioni, partono i controlli dell'INPS: ecco per chi. Le date

Pensioni: partono i controlli dell’INPS su coloro che riscuotono l’assegno e a darne notizia è lo stesso Istituto con il messaggio n. 3102 dell’11 agosto 2020 con il quale fornisce anche le date per gli accertamenti.

In particolare si tratta delle pensioni all’estero e sulla necessità da parte di INPS di procedere ai controlli per accertare l’esistenza in vita per il 2020 e il 2021 dei percettori.

INPS effettua i controlli sulle pensioni italiane all’estero attraverso dei sistemi che agiscono in modo combinato.

Gli stessi erano stati sospesi per l’emergenza COVID-19 perché, come sottolinea INPS, la diffusione del contagio non ha permesso ai pensionati sottoposti a tale controllo di completare agevolmente il processo a causa delle chiusure degli Uffici consolari e di Patronato. L’Istituto annuncia che riprenderanno a breve.

Vediamo nel dettaglio le date dei controlli sulle pensioni comunicate da INPS con il messaggio di qualche giorno fa per chi si trova all’estero.

Pensioni, partono i controlli INPS: le date

Per le pensioni all’estero partono i controlli di INPS che ovviamente devono tenere conto dell’emergenza epidemiologica in corso e della situazione molto grave in Paesi del mondo.

Pertanto l’Istituto ha comunicato le diverse date nelle quali andrà, per il 2020 e il 2021 ad accertare l’esistenza in vita di alcuni pensionati. I controlli sono stati sospesi per i pensionati residenti in Asia, nel Continente americano, in Estremo Oriente, Paesi Scandinavi e Stati dell’Est Europa e Paesi limitrofi, differendo l’avvio di tale verifica generalizzata.

I controlli di INPS sulle pensioni vengono effettuati con sistemi combinati e in particolare la verifica generalizzata dell’esistenza in vita dei pensionati che riscuotono all’estero è effettuata da Citibank NA, quale fornitore del servizio di pagamento delle pensioni al di fuori del territorio nazionale, sottolinea nel messaggio dell’11 agosto INPS, “poiché, in base al contratto che disciplina il servizio, la Banca, in adempimento dell’obbligo di assicurare la regolarità dei pagamenti, è tenuta ad effettuare una verifica dell’esistenza in vita dei titolari di prestazioni in essere.”

Nel dettaglio INPS fornisce le date di quando i controlli sulle pensioni partiranno all’estero specificando che la situazione di emergenza del continente americano da Nord a Sud ha reso necessaria un’articolazione differente degli stessi per le varie aree geografiche rispetto agli anni precedenti. Restano due fasi divise cronologicamente, ma nel dettaglio comunica che:

  • la prima fase, riferita agli anni 2020 e 2021, che si svolgerà da ottobre 2020 a febbraio 2021, riguarderà i pensionati residenti in Sud America, Centro America, Nord America, Asia, Estremo Oriente, Paesi Scandinavi, gli Stati dell’Est Europa e Paesi limitrofi. Le comunicazioni saranno inviate ai pensionati a partire dal 1° ottobre 2020 e i pensionati dovranno far pervenire le attestazioni di esistenza in vita entro il 5 febbraio 2021. Nel caso in cui l’attestazione non sia prodotta, il pagamento della rata di marzo 2021, laddove possibile, avverrà in contanti presso le agenzie Western Union del Paese di residenza. In caso di mancata riscossione personale o di produzione dell’attestazione di esistenza in vita entro il 19 marzo 2021, il pagamento delle pensioni sarà sospeso a partire dalla rata di aprile 2021. La stessa tempistica verrà considerata per le pensioni dei residenti in Europa, Africa e Oceania;
  • la seconda fase dei controlli sulle pensioni relativa agli anni 2020 e 2021, che si svolgerà dalla fine di gennaio 2021 a giugno 2021, riguarderà i pensionati residenti in Europa, Africa e Oceania. Le comunicazioni saranno inviate ai pensionati a partire dalla fine di gennaio 2021 e i pensionati dovranno far pervenire le attestazioni di esistenza in vita entro la prima metà di giugno 2021. Nel caso in cui l’attestazione non sia prodotta, il pagamento della rata di luglio 2021, laddove possibile, avverrà in contanti presso le agenzie Western Union del Paese di residenza. In caso di mancata riscossione personale o di produzione dell’attestazione di esistenza in vita entro il 19 luglio 2021, il pagamento delle pensioni sarà sospeso a partire dalla rata di agosto 2021.

Rimandiamo di seguito alla tabella elaborata da INPS e fornita con il messaggio n. 3102:

Aree geografiche interessateLimite temporaleRiscossione in contanti presso WUSospensione dei pagamenti
Pensionati residenti in: da a
Paesi del Nord, Centro e Sud America, Asia, Estremo Oriente, Paesi Scandinavi, Stati dell’Est Europa e Paesi limitrofi Ottobre 2020 Febbraio 2021 Marzo 2021 Aprile 2021
Europa, Africa e Oceania (Soggetti che non hanno portato a termine la prima fase della campagna anni 2019 e 2020) Ottobre 2020 Febbraio 2021 Marzo 2021 Aprile 2021
Europa, Africa e Oceania (Soggetti compresi nella seconda fase della campagna anni 2020 e 2021) Gennaio 2021 Giugno 2021 Luglio 2021 Agosto 2021

Pensioni: come avvengono i controlli INPS

INPS nel messaggio spiega anche come avvengono i controlli delle pensioni e chiarisce anche come i pensionati all’estero debbano dare prova dell’esistenza in vita. Nel dettaglio il procedimento mediante il quale avvengono i controlli sulle pensioni è il seguente:

  • Citibank avvia la verifica dell’esistenza in vita del pensionato all’estero con la spedizione della lettera esplicativa e del modulo standard di attestazione (fac-simile di cui all’Allegato n. 1 contenuto nel messaggio) ai pensionati residenti nei Paesi che abbiamo sopra individuato e secondo le tempistiche riportate nella tabella;
  • nella lettera saranno riportate le istruzioni per la compilazione del modulo di esistenza in vita, la richiesta di documentazione di supporto (fotocopia di un valido documento d’identità del pensionato con foto e le indicazioni per contattare il Servizio Citibank di assistenza ai pensionati.

INPS specifica che la modulistica è stata redatta sia in lingua italiana sia, a seconda del Paese di destinazione, in inglese, francese, tedesco, spagnolo o portoghese. Con riferimento ai pensionati residenti in Svizzera e Canada, Citibank invierà la lettera e il modulo in tre lingue, italiano, francese e tedesco per la Svizzera, italiano, francese e inglese per il Canada.

Il modulo per attestare l’esistenza in vita è personalizzato per ciascun pensionato per questo non potranno essere utilizzati moduli in bianco. Nel caso in cui un pensionato non riceva il modulo o lo smarrisca, dovrà contattare il Servizio di assistenza della Banca, che provvederà a inviare un nuovo modulo personalizzato. Ulteriori informazioni specifica INPS si possono trovare sul sito specifico.

Il modulo di attestazione dell’esistenza in vita da chi percepisce la pensione italiana ed è residente all’estero, correttamente compilato, datato, firmato e corredato della documentazione di supporto, può essere inviato in formato cartaceo alla casella postale PO Box 4873, Worthing BN99 3BG, United Kingdom entro il termine indicato nella lettera esplicativa.

Il modulo deve essere restituito a Citibank, controfirmato da un “testimone accettabile”.

INPS specifica:

“Per “testimone accettabile” si intende un rappresentante di un’Ambasciata o Consolato Italiano o un’Autorità locale abilitata ad avallare la sottoscrizione dell’attestazione di esistenza in vita. La tipologia di “testimone accettabile” per le diverse aree geografiche è riportata nell’opuscolo Domande Frequenti, pubblicato sul sito web di Citibank.”

Non solo la modalità di attestazione dell’esistenza in vita può avvenire anche in modalità telematica per i pensionati di determinati Paesi. Si tratta di chi prende la pensione essendo residente in Australia, Canada, nel Regno Unito e negli Stati Uniti, per i quali l’INPS ha fornito a Citibank una lista di operatori dei Patronati che in base alla normativa locale hanno qualifiche che rientrano fra quelle dei “testimoni accettabili”.

Costoro sono autorizzati, previa verifica, ad accedere al portale predisposto dalla stessa Citibank al fine di attestare essi stessi con modalità telematiche l’esistenza in vita dei pensionati. Per ulteriori dettagli in merito ai controlli sulle pensioni rimandiamo al messaggio INPS di seguito scaricabile.

Messaggio numero 3102 del 11-08-2020
Pagamento delle pensioni all’estero: accertamento dell’esistenza in vita per gli anni 2020 e 2021.

Argomenti:

INPS Pensione

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories