Pensioni: pagamento anticipato almeno fino a maggio

Antonio Cosenza

17 Febbraio 2021 - 16:30

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Pensioni, confermato il pagamento anticipato degli assegni almeno fino a maggio 2021. Il calendario con le nuove date.

Pensioni: pagamento anticipato almeno fino a maggio

Pensioni: ancora per qualche mese si andrà avanti con il pagamento anticipato che tanto ha funzionato durante il lockdown. Non c’erano dubbi a riguardo - visto che lo stato d’emergenza persiste - ma in queste ore, con la firma della nuova ordinanza da parte del Capo Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, vi è la conferma ufficiale del fatto che questo metodo per il pagamento delle pensioni andrà avanti almeno fino a maggio 2021.

Ma non è escluso che questo resisterà anche al termine dello stato di emergenza, in quanto comunque è stato utile per evitare assembramenti presso gli uffici postali. Ma concentriamoci su cosa succederà per le pensioni nei prossimi tre mesi facendo chiarezza sulle date indicate nella nuova ordinanza.

Pensioni: il nuovo calendario dei prossimi pagamenti

Non c’erano dubbi sul fatto che anche le pensioni di marzo sarebbero state pagate in anticipo. Con la firma della nuova ordinanza da parte della Protezione Civile, però, abbiamo conferma ufficiale rispetto alle date di pagamento.

E nella stessa ordinanza viene data notizia del fatto che anche le pensioni di aprile e maggio saranno pagate con qualche giorno di anticipo.

Ricordiamo, comunque, che queste novità valgono solamente per coloro che ricevono la pensione alla Posta. Vale sia per coloro che hanno l’assegno mensile accreditato direttamente su conto corrente postale che per chi invece ha preferito il ritiro in contanti alla posta.

Nessuna novità, invece, per chi ha la pensione accreditata su conto corrente bancario: per questi le date del pagamento restano quelle indicate dalla normativa, con l’accredito in programma il primo giorno bancabile del mese.

Le novità, di cui vi parleremo di seguito nel dettaglio, riguardano le seguenti prestazioni in pagamento per i mesi di marzo, aprile e maggio 2021:

  • trattamenti pensionistici
  • assegni
  • pensioni
  • indennità di accompagnamento per gli invalidi civili.

Cosa cambia per chi riceve la pensione alla Posta

Obiettivo dell’ordinanza firmata dal Capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, è di consentire a Poste Italiane la gestione dell’accesso ai propri sportelli dei titolari del diritto alla riscossione delle varie prestazione in modalità tuttavia compatibili con le disposizioni in vigore adottate allo scopo di contenere e gestire l’emergenza Covid.

Le modifiche, come anticipato, riguardano sia chi ha l’accredito diretto su conto corrente che coloro che ricevono la pensione in contanti.

Nel dettaglio, per chi ha l’accredito su conto corrente i cedolini della pensione saranno pagati nelle seguenti date:

  • pensione di marzo 2021: pagamento il 23 febbraio 2021;
  • pensione di aprile 2021: pagamento il 26 marzo 2021;
  • pensione di maggio 2021: pagamento il 26 aprile 2021.

Va detto, comunque, che nonostante il pagamento anticipato il diritto al rateo mensile delle varie prestazioni si perfeziona il 1° giorno del mese di competenza dello stesso. Chi ha l’accredito su conto corrente postale, potrà comunque prelevare la pensione non appena accreditata: per farlo ci si potrà rivolgere agli sportelli Postamat presenti all’esterno dei vari uffici (vale per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution).

Per il ritiro in contanti presso gli sportelli postali, invece, bisognerà attenersi all’apposito calendario che verrà predisposto da Poste Italiane tenendo conto dell’ordine alfabetico.

I pagamenti in contanti inizieranno rispettivamente il giorno 23 febbraio, 26 marzo e 26 aprile per le pensioni di marzo, aprile e maggio. I pagamenti, quindi per coloro che hanno il cognome che inizia con le ultime lettere dell’alfabeto, si dovranno concludere rispettivamente 1° marzo, il 1° aprile e il 3 maggio.

Cosa cambia per chi riceve la pensione in banca

Nessuna novità, invece, per coloro che hanno preferito l’accredito in banca. Per questi, si va avanti con quanto stabilito dalla normativa, con il pagamento per il primo giorno bancabile del mese.

Quindi, la pensione di marzo sarà pagata lunedì 1° marzo; quella di aprile giovedì 1° aprile e a maggio, causa festività, il 3 maggio 2021.

Argomenti

# INPS

Iscriviti alla newsletter

Money Stories