Pensioni: importo ridotto nei prossimi 2 anni. Ecco per chi

Pensioni: l’importo sarà ridotto nei prossimi 2 anni per alcuni sulla base di recuperi effettuati da INPS. Vediamo chi è interessato e come funziona.

Pensioni: importo ridotto nei prossimi 2 anni. Ecco per chi

Pensioni: l’importo sarà ridotto nei prossimi 2 anni a partire dall’assegno di ottobre, ma non per tutti e non si tratta solo del conguaglio INPS del 730.

È proprio l’Istituto in un messaggio del 30 settembre a comunicare la novità. Per le pensioni a partire dal mese di ottobre l’importo sarà infatti più basso per due motivi fondamentali che è INPS a illustrare: recupero su quattordicesima e importi aggiuntivi. Il riferimento tuttavia è agli anni 2017 e 2018.

Vediamo dunque per le pensioni, a partire proprio dal mese di ottobre, come si riduce l’importo, per chi e soprattutto come avviene il recupero sulla base delle informazioni che fornisce l’Istituto.

Ricordiamo che le pensioni per il mese di ottobre sono state erogate in anticipo per chi la riscuote in contanti, mentre per coloro che hanno l’accredito sul conto corrente il pagamento è avvenuto ieri 1° ottobre.

Per qualcuno c’è stato anche il conguaglio 730 che può essere a debito o a credito, quindi per alcune pensioni si è registrato un aumento sull’importo spettante.

Pensioni: importo ridotto per recupero quattordicesima

Pensioni: il primo motivo per cui l’importo risulta ridotto a ottobre e lo sarà anche nei mesi successivi per qualcuno è il recupero della quattordicesima erogata nel 2017 e nel 2018.

INPS ha comunicato nel suo messaggio che a gennaio e febbraio 2020, sulla base del reddito 2017 consolidato, sono state effettuate le verifiche relative alla quattordicesima erogata nel 2017 e nel 2018 sulle pensioni.

Tale controllo, nel caso di somme indebitamente percepite, comporta per i pensionati nell’anno corrente un recupero sulle pensioni. INPS ricorda che a seguito dei controlli sono state inviate ai percettori delle pensioni interessate una comunicazione con la quale gli stessi venivano informati del recupero sul rateo delle pensioni di aprile 2020. È stata l’emergenza Covid a determinare tuttavia la sospensione che è stata posticipata a ottobre 2020.

INPS ricorda anche che allo stesso tempo, in occasione del pagamento della quattordicesima sulle pensioni di luglio e di settembre 2020, si è provveduto, laddove possibile, a effettuare la compensazione totale o parziale tra il debito sospeso e l’importo della quattordicesima da erogare.

A partire dal mese di ottobre 2020 si procederà, aggiunge INPS, a recuperare gli importi indebitamente erogati sulle pensioni che non sono stati oggetto di tale compensazione. Il recupero sulle pensioni verrà fatto con trattenute in 24 rate mensili quindi per i prossimi 2 anni l’importo delle pensioni sarà ridotto anche se magari di poco.

Pensioni: recupero importo aggiuntivo

Sulle pensioni, non per i prossimi 2 anni, ma per i prossimi 12 mesi, su alcune lo diciamo, avverrà anche il recupero degli importi indebiti erogati nel 2017 e nel 2018. Come abbiamo detto INPS ha proceduto alle verifiche tra gennaio e febbraio relative all’erogazione dell’importo aggiuntivo ex comma 7, articolo 70, legge 23 dicembre 2000, n. 388.

Chiariamo che l’importo aggiuntivo sulle pensioni è pari a 154,94 euro (limite massimo) ed è stato introdotto con la Finanziaria 2001 di cui sopra. Questa somma è riconosciuta a chi percepisce una o più pensioni con un importo complessivo non superiore al trattamento minimo e che si trovi in determinate condizioni reddituali. Sono esclusi i trattamento assistenziali.

I redditi personali, o anche cumulato con il coniuge, non devono superare un determinato importo affinché sulle pensioni venga riconosciuta la somma aggiuntiva (per il 2020 10.043,87 euro e 20.087,73 euro cumulato).

Come abbiamo anticipato il recupero delle somme erogate indebitamente sulle pensioni è stato posticipato causa Covid, pertanto INPS procederà dal mese di ottobre e per il prossimo anno in rate mensili. I titolari di pensioni soggette al recupero verranno informati con apposita comunicazione.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories