Pensioni: l’INPS chiede indietro la quattordicesima, ecco a chi

Quattordicesima sulle pensioni: chi l’ha percepita nel 2017 e nel 2018 ma non ne aveva diritto dovrà restituirla. Al via le trattenute nel cedolino.

Pensioni: l'INPS chiede indietro la quattordicesima, ecco a chi

Quattordicesima sulle pensioni: è arrivato il momento di restituirla per coloro che l’hanno presa non ne avevano diritto. Come spiegato dall’INPS in una nota pubblicata in queste ore, infatti, con il cedolino di ottobre (pagato la scorsa settimana) l’Istituto ha effettuato delle trattenute nei confronti di coloro che negli ultimi anni hanno percepito la quattordicesima pur non soddisfando i requisiti indicati dalla legge.

Come noto, infatti, per avere diritto alla quattordicesima bisogna soddisfare sia un requisito anagrafico che uno di tipo economico; per il primo non ci sono problemi vista l’immediatezza dell’informazione, mentre per il secondo sì visto che l’INPS per accertare la veridicità delle informazioni in suo possesso ha necessità di effettuare delle verifiche più approfondite.

Per questo motivo, solitamente l’Istituto procede al pagamento della quattordicesima in via preliminare, per poi effettuare i controlli in un secondo momento tenendo conto dei redditi percepiti dal pensionato nell’anno precedente e incrociando anche i dati in suo possesso con quelli contenuti dall’anagrafe tributaria sulle dichiarazioni dei redditi.

Ebbene, nelle scorse settimane l’INPS ha completato i controlli per chi ha percepito la quattordicesima negli anni 2017 e 2018; coloro che l’hanno presa pur senza averne avuto diritto dovranno restituirla attraverso un piccolo taglio dell’assegno mensile.

Quattordicesima sulle pensioni: chi deve restituirla?

Come anticipato, devono restituire la quattordicesima coloro che pur avendo un reddito superiore alle soglie previste ha comunque percepito di questa indennità aggiuntiva sulla pensione.

Ogni anno vengono fissati dei limiti reddituali per beneficiare della quattordicesima: ad esempio, per il 2017 sono quelli indicati dalla seguente tabella (che potete consultare nel messaggio 2549/2017).

Per il 2018, invece, i requisiti economici per beneficiare della quattordicesima sulla pensione sono indicati nel messaggio 2389 del 2018.

Chi soddisfava i suddetti requisiti reddituali, quindi, ha ricevuto la quattordicesima con il cedolino della pensione di luglio, ma solo se non contempo ha compiuto il 64° anno di età. Tuttavia, in alcune circostanze la quattordicesima è arrivata anche a chi non ne avrebbe avuto diritto; l’INPS se ne è reso conto solamente con il controllo ex post, quando ha preso in esame anche le informazioni contenute nell’anagrafe tributaria.

Un lavoro che ha richiesto tempo e che per gli anni 2017 e 2018 si è concluso nelle scorse settimane tanto da aver dato avvio alle operazioni per la restituzione delle somme indebitamente percepite già con il cedolino di ottobre.

Tuttavia, anche chi deve restituire la quattordicesima non subirà un grosso taglio nel cedolino. Come spiegato dall’INPS in una nota, infatti, il recupero della quattordicesima è iniziato automaticamente con il cedolino di ottobre, con una trattenuta pari a 1/24 dell’importo totale erogato nel biennio. Quindi la restituzione sarà dilazionata su due anni, con trattenute di massimo qualche decina di euro sui cedolini dei prossimi mesi.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories