Partita Iva e chiusura d’ufficio: come funziona

Caterina Gastaldi

13 Agosto 2022 - 11:26

condividi

Dopo un periodo di tre anni di inattività le partite Iva vengono chiuse in maniera automatica, questo processo viene detto “chiusura d’ufficio”.

Partita Iva e chiusura d'ufficio: come funziona

L’apertura di una partita Iva, per quanto non sia mai una decisione da prendere con leggerezza, è un processo abbastanza rapido e semplice, che è possibile svolgere anche online e in completa autonomia, se si hanno le giuste conoscenze in materia. Ma come funziona la chiusura della partita Iva? Dopo quanto tempo non si può più utilizzare? Ha una data di scadenza?

Dopo tre anni di inattività, le partite Iva rimaste inutilizzate vengono chiuse automaticamente dall’Agenzia delle Entrate. Questo processo non avviene senza avvisare al possessore della partita Iva in questione. Vediamo quando accade e quali sono i diversi passaggi da seguire per poter chiudere la partita Iva nelle modalità corrette o impedire la cessazione d’ufficio della propria.

Cessazione di attività

I soggetti, siano essi ditte individuali o professionisti che, a seguito dell’apertura di una partita Iva, decidano di cessare lo svolgimento della propria attività imprenditoriale, sono tenuti a comunicare questa scelta all’Agenzia delle Entrate e procedere con la chiusura della partita Iva in questione.

Inoltre, le ditte individuali, agenti e procacciatori d’affari devono anche procedere con la comunicazione unica, mentre liberi professionisti e freelance dovranno rivolgersi solo all’Inps e all’Ade. In entrambi i casi, per quanto il procedimento a livello teorico possa svolgersi anche in totale autonomia, è consigliabile rivolgersi a uno specialista per fare tutto nel modo più corretto possibile.

La comunicazione all’Agenzia deve avvenire utilizzando il modello AA9/12, ovvero lo stesso che si usa anche per l’apertura e le modifiche della partita Iva stessa, entro un massimo di trenta giorni dalla cessazione dell’attività. Nel caso in cui questo non avvenisse però, a seguito un certo periodo di tempo, sarà l’Agenzia delle Entrate stessa a procedere con la chiusura d’ufficio della partita Iva.

La chiusura d’ufficio: come funziona

Come accennato, è necessario che una partita Iva non svolga nessuna attività d’impresa, artistica, oppure professionale per tre anni, perché questa venga chiusa in modo automatico dall’Agenzia delle Entrate. L’Agenzia identifica le partite Iva inattive in maniera automatica, utilizzando i dati disponibili presso l’Anagrafe Tributaria.

Attraverso questi dati vengono individuate quelle partite Iva che, oltre alla dichiarazione Iva annuale o alla dichiarazione dei redditi di lavoro autonomo o d’impresa, non hanno svolto alcuna attività per le tre annualità precedenti. A questo punto la chiusura avviene seguendo un iter specifico che comprende anche la comunicazione del procedimento ai possessori delle partite Iva, in modo che possano eventualmente agire per impedirne la cessazione.

Tempistiche e procedimento

L’iter utilizzato dall’Agenzia delle Entrate in questa situazione prevede, in ordine:

  • l’identificazione del soggetto la cui partita Iva è rimasta inattiva per i tempi stabiliti;
  • l’invio, a seguito dell’identificazione dell’interessato, di una comunicazione preventiva a quest’ultimo, attraverso l’utilizzo di una raccomandata con avviso di ricevimento, per informarlo della chiusura d’ufficio;
  • il chiarimento della posizione del possessore di partita Iva dopo il ricevimento della comunicazione. Entro un massimo di 60 giorni, potrà comunicare, presso uno qualsiasi degli uffici dell’Agenzia delle Entrate, il suo desiderio di non chiudere la partita Iva (o, al contrario, lasciarla chiudere);
  • l’analisi, scaduto il termine previsto, da parte degli addetti della documentazione. A seconda della decisione del possessore, si potrà chiudere la partita Iva, oppure mantenerla aperta. È anche possibile, previa giustificazione, rigettare l’istanza per impedire la chiusura d’ufficio.

Nel caso in cui la chiusura d’ufficio fosse considerata un errore dal possessore, questo ha fino a 60 giorni di tempo dal ricevimento della comunicazione apposita per poter giustificare le proprie ragioni all’AdE. In ogni caso, anche se queste venissero respinte e quindi la propria partita Iva venisse chiusa d’ufficio, nulla impedirà di aprirne una nuova per proseguire o ricominciare le proprie attività di libero professionista.

Costi della chiusura d’ufficio

Non ci sono costi o sanzioni per coloro a cui viene chiusa la partita Iva d’ufficio. Questo processo infatti avviene gratuitamente. Sono anche state eliminate le sanzioni per coloro che mancano di comunicare all’Agenzia delle Entrate la cessazione dell’attività e quindi la chiusura della partita Iva.

In passato, si doveva pagare una sanzione compresa tra i 516,00 euro e i 2000,00 euro, attraverso la compilazione con l’apposito codice tributo del modello F24. Questo è stato abrogato attraverso il dL n. 193/16, che ha eliminato il codice tributo in questione, ovvero 8120.

Controllare lo stato della propria partita Iva

Se è passato del tempo dall’ultima volta che sono state svolte delle attività in qualità di libero professionista e non si è certi dello stato della propria partita Iva, si può controllare autonomamente attraverso il portale dell’AdE, dove verrà segnalata come: attiva, sospesa, o cessata.

Oltre allo stato della partita Iva sono anche segnate le date di inizio attività, e dell’eventuale sospensione o cessazione della stessa.

Iscriviti a Money.it